Home NewsBitcoin News

I trader russi si preparano alla tassazione confusionaria delle criptovalute

Di Tim Alper
I trader russi si preparano alla tassazione confusionaria delle criptovalute 101
Servizio federale di tassazione. Fonte: Adobe/Alexandr Blinov

I proprietari di criptovalute russe sono stati avvisati che hanno appena un mese prima che il fisco arrivi a riscuotere - con minatori, custodi e commercianti tutti tenuti a dichiarare i loro profitti.

Sebbene il paese sia probabilmente ancora “ a un anno o più " dal realizzare leggi cripto complete, il codice fiscale è stato modificato in tempo per la stagione fiscale di quest'anno, il che significa che chiunque in Russia abbia guadagnato da criptovaluta nel 2019 è legalmente obbligato a dichiarare i propri guadagni.

Per RBC, i russi erano originariamente tenuti a presentare documenti di dichiarazione fiscale - compresi i dettagli dei loro guadagni cripto - all'inizio del prossimo mese, sebbene sia stata fissata la nuova scadenza del 30 luglio a causa dell'interruzione causata dalla pandemia di coronavirus . Gli individui saranno tassati con un'aliquota forfettaria del 13%.

Tuttavia, la confusione regna ancora per molti, che sono ancora nell'oscurità su cosa esattamente devono dichiarare - e su come calcolare il valore in rubli delle transazioni eseguite in criptovaluta diversi mesi fa.

Un commerciante di criptovalute a Mosca che non ha voluto dichiarare il proprio nome ha detto a Cryptonews.com ,

"Ho letto le nuove disposizioni cripto del codice fiscale e tutto quello che posso dire è che sono difficili da seguire e mi hanno fatto girare la testa."

RBC cita un avvocato tributario affermando che le società o le persone coinvolte in attività legate al mining, al trading o alla criptovaluta devono dichiarare tutti i propri guadagni altrimenti rischiano un'azione punitiva.

Nel frattempo, Mikhail Uspensky, della filiale di Mosca dell'Associazione degli avvocati russi , è stato citato dicendo che le stesse criptovalute non sono tassabili. Piuttosto, gli exchange che vedono criptoasset convertiti in fiat sono tassabili.

Gli avvocati hanno anche affermato che anche alcuni bitcoin (BTC) ed alcune altcoin acquiste potrebbero essere tassati.

Tuttavia, potrebbe non esserci scampo da calcoli complicati, poiché Uspensky ha aggiunto che per calcolare quanta imposta si dovrebbe pagare su un proficuo commercio fiat-cripto-fiat, un operatore dovrebbe dedurre il prezzo di acquisto del token dal prezzo del risorsa al momento della vendita.

Le aziende, nel frattempo, affrontano un ulteriore mal di testa, poiché affrontano aliquote fiscali diverse a seconda del tipo di entità in cui sono legalmente registrate, con aliquote fiscali che variano dal 6% al 15%.

Un avvocato ha avvertito che le dichiarazioni erano solo l'inizio e che le interrogazioni legate alle criptovalute avrebbero potuto seguire, aggiungendo,

"Le autorità fiscali porranno molte domande per capire quali operazioni che hanno coinvolto le criptovalute sono state redditizie, quali spese sono state sostenute e in che modo sono tutte correlate.”

__
Scopri di più:
‘Interesting’ Two-bill Plan May Save ‘Shambolic’ Russian Crypto Law
Corea del Sud: emendamenti fiscali su Bitcoin svelati a luglio
66.000 Trader cripto spagnoli avvertiti di pagare le tasse sui loro guadagni

Più Articoli