Home News

Gli exchange di criptovalute coreani lotteranno per sopravvivere nel 2020 - Rapporto

Di Tim Alper
Gli exchange di criptovalute coreani lotteranno per sopravvivere nel 2020 - Rapporto 101
Fonte: iStock/Wachiwit

Un certo numero di exchange di criptovalute sudcoreani registrerà perdite "enormi" quest'anno, secondo un nuovo rapporto.

Secondo l'organo di stampa Newsway, addetti ai lavori ritengono che la maggior parte degli scambi "dovrebbero subire ingenti perdite nell'anno fiscale 2010". Il settore teme che nessuno sia al sicuro, con volumi di scambi bassi su tutta la linea. Si prevedono perdite sia per gli exchange più piccoli che per le piattaforme più grandi, come ad esempio Bithumb, Upbit, Korbit e Coinone.

I recenti aumenti dei prezzi non hanno aiutato molto, secondo il rapporto, con volumi stabili nonostante i movimenti positivi dei prezzi all'inizio di quest'anno.

Il comunicato stampa cita un impiegato anonimo di un exchange di grandi dimensioni non precisato, affermare che:

“Se le tendenze attuali continuassero, non saremo in grado di entrare nella seconda metà del prossimo anno.”

E ci sono state altre cattive notizie per gli scambi assediati del paese, poiché l'agenzia Korea Internet & Security Agency (KISA) gestita dal governo ha previsto che il numero di hack sugli scambi di criptovalute nazionali aumenterà nel 2020.

Più di recente, Upbit ha perso 342,000 ETH (50 milioni di dollari).

KISA afferma che la sua ricerca, condotta in collaborazione con sei fornitori locali di sicurezza, ha scoperto che "gli scambi sono vulnerabili all'hacking" e continueranno a essere l'obiettivo di attacchi basati su malware e phishing l'anno prossimo.

Asia Kyungjae quota il CEO del fornitore della sicureza Inca Internet affermando che gli hacker faranno uso di malware mascherato da app di portafoglio e si fingeranno dipendenti dell'exchange nel tentativo di ottenere chiavi e password per tutto il 2020.

Più Articoli