07 giugno 2021 · 3 min read

Incontro "significativo" del regolatore sudcoreano con 20 exchange cripto

Il governo sudcoreano sembra finalmente pronto a muoversi per affrontare le critiche riguardanti la sua "inerzia" sulla formazione di una nuova regolamentazione cripto. E per farlo, sembra aver iniziato a comunicare direttamente con gli exchange, che ritiene abbiano la possibilità di soddisfare le linee guida normative in tempo per la scadenza di settembre.

Fonte: Adobe/Artistan

Le piattaforme di trading di criptovalute hanno tempo fino al 24 settembre per registrarsi ufficialmente presso la Financial Services Commission (FSC), stabilire l'anonimato bancario per i loro clienti su base contrattuale con le banche nazionali, mettere in atto protocolli antiriciclaggio e ottenere un sistema di gestione della sicurezza delle informazioni (ISMS), se desiderano continuare a fare trading.

Coloro che non rispettano la scadenza saranno costretti a chiudere o affrontare un procedimento penale ai sensi della legislazione, entrata in vigore nella primavera di quest'anno.

Finora 20 exchange – tra cui i “quattro principali” Upbit, Bithumb, Korbut e Coinone – hanno ottenuto la certificazione ISMS, anche se solo i quattro leader di mercato hanno contratti bancari in vigore. Tuttavia, tutti questi scadono prima di settembre.

Il 3 giugno, la FSC ha convocato i capi del gruppo dei 20 exchange, per un incontro faccia a faccia senza precedenti nei suoi uffici. I dettagli dell'incontro sembrano essere relativamente scarsi, con la FSC che non scopre le proprie carte e gli exchange che sembrano riluttanti a dire qualcosa che potrebbe comprometterli.

Mira Kim, una consulente blockchain sudcoreana, ha dichiarato a Cryptonews.com:

“Penso che il vero significato di questo incontro non sia quello che è successo, ma il fatto che sia successo. Queste 20 piattaforme sono state individuate dalla FSC, probabilmente perché ritiene che siano quelle che stanno davvero facendo un pugno di ferro nei loro tentativi di soddisfare tutte le linee guida e rispettare la scadenza.

In un rapporto, Money Today ha citato una fonte del settore anonima affermando di aver "sentito" che l'incontro non riguardava "la decisione o l'affronto di programmi specifici", ma la "spiegazione della direzione della politica del governo esistente" e dei protocolli di applicazione per " la seconda metà dell'anno”.

Una fonte di regolamentazione finanziaria, anch'essa anonima, ha confermato che i dettagli dell'incontro erano "privati", ma aveva fornito "un modo per spiegare in dettaglio la posizione del governo agli operatori del settore delle criptovalute", ma che stava anche "ascoltando" ciò che gli exchange avevano da dire per loro stessi.

Il media ha anche affermato che sono state discusse le seguenti questioni:

  • Protocolli fiscali e di dichiarazione delle criptovalute
  • Manipolazione del mercato
  • Custodia delle criptovalute
  • Possibili linee guida per le restrizioni commerciali
  • Un sistema di cautele per le piattaforme che non rispettano i regolamenti
  • Controlli sui precedenti penali su piattaforme e dipendenti

 

Il governo sembra pronto a mettere in atto un'altra riorganizzazione della sua infrastruttura normativa. I membri della FSC si sono incontrati il ​​4 giugno con altri due regolatori finanziari, la Financial Intelligence Unit e la Financial Supervisory Service, come parte di una nuova spinta normativa che vedrà formate nuove politiche per affrontare quello che il governo ha chiamato un settore cripto "surriscaldato".

Numerosi casi di presunte frodi legate alle criptovalute e marketing multilivello hanno lasciato migliaia di investitori senza soldi, con un controverso prelievo fiscale del 20% sulle criptovalute, che entrerà in vigore il 1° gennaio 2022.

Secondo News1, i regolatori, così come i membri del Korea Exchange, del Korea Securities Depository e della società finanziaria statale Koscom, hanno formato una nuova task force. Una fonte vicina ha affermato di aver "discusso la direzione di quali contromisure dovrebbero essere preparate in relazione” al settore delle criptovalute. La fonte ha aggiunto che il gruppo stava anche comunicando con i rappresentanti del settore.

Nel frattempo, Asia Kyungjae ha riferito che i residenti della Corea del Sud da giugno 2023 saranno legalmente obbligati a dichiarare le loro partecipazioni in criptovalute su piattaforme estere.

Attualmente, la legge richiede che i residenti sudcoreani riportino i fondi detenuti in depositi e conti di risparmio al di fuori del paese, nonché azioni, obbligazioni, fondi, derivati ​​e prodotti assicurativi. Ma dal 30 giugno 2033, le partecipazioni in criptovalute su piattaforme al di fuori della nazione verranno aggiunte all'elenco, dopo che una nuova clausola è stata inserita nella legge sulla segnalazione e l'utilizzo di informazioni specifiche sulle transazioni finanziarie.
___
Per saperne di più:
- ‘Crypto Crisis Summit’ in South Korea – as No Ministry Wants to Take Charge
- FATF Makes Small Crypto Platforms Easy Prey For Big Players

- Ripple Execs Blast SEC’s 'Perplexing' Actions in String Of Interviews
- DeFi Sector May Face Threat from New EU Crypto Regulations – Survey

- Regulatory Kaleidoscope Challenges Crypto Industry - Crypto.com CCO
- Regulators Ponder Strategy As Bitcoin & Co Are Too Large to Ignore

- Can't Beat Crypto Regulators? Educate Them
- Task Force to Tell Washington: Ramp Up Crypto Exchange Regulation