SBI utilizzerà Corda Blockchain per il trading Forex

Tim Alper
| 1 min read

Il partner giapponese di Ripple , SBI Holdings afferma che utilizzerà la tecnologia blockchain di Corda per alimentare il trading forex sulla sua piattaforma.

Fonte: Adobe/Open Studio

Secondo un report di Nikkei e il comunicato stampa congiunto, SBI – il gigante finanziario che gestisce anche servizi bancari e di criptovaluta – afferma che l’accordo coinvolgerà la mente di Corda, il consorzio blockchain R3 , guidato dall’omonima società americana di software.

La nuova funzionalità blockchain della piattaforma di trading forex sarà implementata in collaborazione con CAC , un fornitore di servizi di gestione dei sistemi con sede a Tokyo. SBI afferma che è anche desideroso di utilizzare la blockchain per alimentare la sua piattaforma di titoli, SBI Securities .

La piattaforma forex di SBI è denominata SBI Liquidity Market (SBILM) e la società afferma che la tecnologia blockchain consentirà a SBILM di automatizzare le procedure di conferma nelle transazioni in valuta estera, fornendo un’alternativa più sicura e più rapida alle soluzioni di conferma via e-mail o telefono .

Le parti affermano inoltre che la tecnologia, che verrà lanciata questo mese, aiuterà a far crescere il trading di margine, garantirà l’identità delle transazioni sulla piattaforma SBILM, migliorerà l’affidabilità e alimenterà il "collegamento continuo di dati" per una serie di processi.

SBI è entrato a far parte del consorzio R3 nel 2016 e si ritiene che sia il suo principale azionista.

La mossa arriva pochi mesi dopo che SBI e R3 hanno annunciato un nuovo accordo di partnership al fine di accelerare e diffondere l’adozione di Corda in Giappone.

L’accordo è stato concluso nel gennaio di quest’anno e, all’epoca, David Rutter, CEO di R3, ha dichiarato:

“SBI è uno dei più grandi campioni di Corda. Con questa partnership, siamo in grado di riunirci meglio per sostenere la crescita della piattaforma Corda nella regione.”