28 maggio 2021 · 2 min read

La SEC chiede alla Corte di vedere le prove di "lobbismo" di XRP di Ripple

L'epica guerra tra Ripple (XRP) e la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti è entrata in un nuovo capitolo, con quest'ultima che scrive alla corte per affermare che Ripple ha intrapreso un'offensiva di pubbliche relazioni nel tentativo di distorcere l'opinione pubblica sul token XRP.

Fonte: Adobe/Tierney

La lunga lotta ruota attorno all'affermazione della SEC secondo cui XRP è un titolo, e quindi rientra nella legislazione che risale al 1933. Se riuscirà a dimostrarlo, la SEC sarà probabilmente in grado di convincere la corte che Ripple e i suoi dirigenti hanno effettuato vendite illegali multiple di titoli in casi risalenti a otto anni fa.

Ma nella lettera, indirizzata al giudice del distretto sud di New York Sarah Netburn, l'avvocato della SEC Jorge Tenreiro ha scritto che il regolatore voleva che il tribunale gli concedesse l'accesso alle prove relative a quelli che ha definito gli "sforzi di lobbying" di Ripple. Gli "sforzi", ha affermato la SEC, erano stati "progettati per creare confusione nel mercato".

La SEC non si è risparmiata, insistendo sul fatto che "Ripple dovrebbe [...] essere costretta a produrre documenti riguardanti i suoi sforzi di lobbismo".

Il regolatore sembra aver contestato il fatto che Christopher Giancarlo, l'ex presidente della Commodity Futures Trading Commission (CFTC), sia stato inserito "nel libro paga di Ripple". L'anno scorso, Giancarlo ha fatto notizia affermando che XRP non è un titolo.

La SEC ha menzionato la necessità di ottenere "prove degli sforzi di Ripple di influenzare la percezione del pubblico - o di seminare confusione nel mercato - sullo status normativo di XRP", aggiungendo che era "rilevante per confutare la difesa affermativa di Ripple che mancava di un giusto preavviso .”

La SEC ha cercato di sostenere le sue affermazioni scrivendo che "Ripple si è impegnato in tali sforzi, ad esempio, inserendo nel suo libro paga un ex funzionario del governo affinchè rilasciasse dichiarazioni sullo stato di XRP ", e poi "basandosi sulle dichiarazioni del funzionario che aveva pagato per usarle come sostegno alla sua posizione contenziosa".

E il regolatore ha detto al giudice che aveva "il diritto di verificare se la presunta" confusione "fosse stata acquistata e pagata da Ripple", e non fosse "un riflesso del vero sentimento del mercato".

La lettera ha anche confermato le intenzioni della SEC di condurre un ulteriore processo di scoperta come parte del suo caso contro l'azienda. Ciò comporta una richiesta di espandere l'ambito dell'indagine a sei persone aggiuntive che, secondo il regolatore, sono legate a Ripple e che hanno una conoscenza speciale dei termini dell'accordo di vendita XRP.

Il gruppo dei sei comprende il co-fondatore della società commerciale GSR Christian Gil e cinque ex dipendenti di Ripple.

Alle 07:51 UTC, XRP, al sesto posto per capitalizzazione di mercato, viene scambiato a 0,9 USD ed è in calo del 9% in un giorno e del 23% in una settimana. Il prezzo è sceso del 36% in un mese, riducendo i guadagni degli ultimi 12 mesi a meno del 357%.

____
Per saperne di più:
- Ripple Resumes Programmatic XRP Sales, Citing ODL Growth
- XRP Holders Itching for Legal Battle in Protracted Ripple vs SEC War

- Ripple Execs Blast SEC’s 'Perplexing' Actions in String Of Interviews
- Settlement Is Most Likely Outcome in Ripple vs. SEC Case - Attorney

- XRP Deemed a Security Wouldn't Harm Ripple, but Might Hurt US - CEO
- Fact-checking Ripple’s Claim that ‘Many G20 Gov’ts’ Call XRP a ‘Currency’