SHIB perde l’8% e il volume di trading è in picchiata. Che succede?

Marcello Bonti
| 3 min read

SHIB

In calo oggi dell’1,6% il prezzo di Shiba Inu che va a 0,000007616$, ma registra un guadagno dell’8,57% in una settimana cercando in parte di compensare le perdite nel mese che adesso si attestano intorno al 10%.

L’andamento di SHIB al momento fa pensare a una possibile ripresa a medio termine, mentre il calo odierno potrebbe essere solo una piccola correzione in vista di guadagni più sostenuti.

Ad alimentare l’ottimismo è l’avvicinarsi del lancio di Shibarium. Gli sviluppatori di Shiba Inu di recente hanno presentato la collezione Shibacals NFT. Insomma, non mancano le ragioni per credere che il prezzo di SHIB possa crescere entro la fine dell’anno.

SHIB recupera le perdite intraday ma il volume di trading è in calo. Cosa sta succedendo?


Il calo odierno di SHIB arriva mentre i suoi indicatori perdono ulteriore slancio. La loro posizione al momento indica che potrebbero verificarsi ulteriori perdite prima che la moneta diventi ipervenduta.

fonte TradingView

Per esempio, la media mobile a 30 giorni (gialla) ha iniziato a scendere verso quella a 200 giorni (blu), con un dead cross che potrebbe segnalare ulteriori perdite.

L’indice di forza relativa di SHIB (viola) continua a scendere dopo essere salito fino a 80 il 22 giugno. Al momento si trova a 40 e potrebbe continuare a scendere verso 20.

Altro dato allarmante, il volume del trading di SHIB resta piuttosto basso, intorno a circa 100 milioni di dollari.

Un volume così basso potrebbe presagire ulteriori cali di prezzo, malgrado il livello di supporto di SHIB (verde) sia più alto ora rispetto a una settimana fa.

SHIB potrebbe arrivare a 0,0000070$ nei prossimi giorni ma la buona notizia è che non dovrebbe scendere oltre.

Le prospettive di Shiba Inu sembrano migliori a medio e lungo termine, visti gli sviluppi e le notizie recenti.

La scorsa settimana è stato presentato Shibacals, un nuovo standard basato su Shiba Inu per i token non fungibili che saranno utilizzati per autenticare oggetti da collezione fisici del mondo reale, associati al tag NFC.

Gli Shibacals saranno ancorati al network layer-2 di Shibarium. L’avvicinarsi del lancio dà buone ragioni per credere che Shibarium sarà la svolta attesa per dare utilità a Shiba Inu.

Il mercato attende quindi un costante aumento dei prezzi di SHIB nel medio termine, l’impennata è prevista in concomitanza col lancio di Shibarium, ora in versione beta.

Gli analisti immaginano che il prezzo si libererà di uno zero a 0,000010$ già nelle prossime settimane, per poi risalire verso 0,000020$ entro la fine dell’anno.

 

 

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.

Un altra memecoi ad alto potenziale


Dato che Shiba Inu è una memecoin ben consolidata servono eventi chiave, come lanci e aggiornamenti, per determinare un pump del prezzo. Lanci che potrebbero richiedere ancora mesi.

Alternative interessanti nel breve periodo sono rappresentate dalle prevendite, come nel caso della memecoin più interessante del momento, Wall Street Memes (WSM).

Sviluppata su Ethereum la memecoin ha già raccolto più di 10,7 milioni di dollari in prevendita, partita all’inizio di giugno.

WSM è nata dal movimento meme stocks, noto per aver reso possibile il famoso pump di GameStop e AMC nel 2021.

Conta su una community online vivace e reattiva e per questo la prevendita ha già superato agilmente l’obiettivo del 10 milioni di dollari.

Chi vuole unirsi alla schiera di supporter può visitare il sito ufficiale di Wall Street Memes e collegare il wallet crypto, per comprare WSM servono USDT, ETH o valuta corrente.

La vendita è attualmente nella sua 18a fase, 1 WSM è venduto a 0,0304$, alla fine della prevendita il prezzo salirà fino a 0,0337$.

Grazie alla vivace community, WSM è destinata a crescere molto di più una volta quotata su exchange nelle prossime settimane.

 

 

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.

Segui Cryptonews Italia sui canali social