03 giu 2021 · 2 min read

L'incontro nel Sichuan sull'energia elettrica da speranza ai miner di Bitcoin

Sembra essere arrivato un raggio di positività per i miner cinesi di Bitcoin (BTC), dopo che un incontro di operatori dell'energia nella provincia del Sichuan è apparso relativamente solidale con la causa dei miner.

Th Xiluodu Dam e centrale idroelettrica. Fonte: Adobe/contributor_aerial

Secondo un rapporto di Jiemian-Cailian Press, i responsabili dell'energia elettrica del Sichuan hanno tenuto un "seminario di ricerca" il 2 giugno per "capire" lo status quo per i miner di criptovalute che operano nella provincia. L'incontro è stato ospitato dal regolatore provinciale dell'energia, nonché dalla filiale regionale della State Grid Corporation of China - il fornitore nazionale di energia - e dall'ufficio per gli investimenti energetici della regione.

Sebbene il regolatore "solleciti principalmente pareri dalle società elettriche ed energetiche della provincia", secondo gli addetti ai lavori energetici del Sichuan che apparentemente hanno partecipato alla riunione, l'umore sembrava essere generalmente positivo. Il seminario, tuttavia, "non è arrivato ad alcuna decisione", continua il rapporto.

Le fonti hanno detto che l'incontro era "principalmente per discutere", ma hanno anche parlato del fatto che il Sichuan è "ricco di risorse idroelettriche", con la maggior parte dei fornitori nella provincia "non attualmente operativi a pieno regime".

I relatori hanno anche concluso che "i mezzi di sussistenza delle persone" e la situazione delle società elettriche "devono essere presi in considerazione", e le continue attività di mining di criptovalute nella provincia "non dovrebbero avere un impatto negativo" sulla provincia.

Su Twitter, osservatori cinesi come Sally Wang di Sino Global Capital hanno osservato che "secondo fonti interne dell'industria", il "livello della conferenza non è elevato e non ha alcun significato politico".

Wang ha anche avvertito che il processo decisionale "top-down" della Cina significa che "non importa quale sia la questione discussa dei governi provinciali come il Sichuan; devono comunque seguire le direttive del governo centrale".

Sebbene il Sichuan sia un hotspot di mining, lo sono anche altre regioni che utilizzano una notevole elettricità a carbone, come la regione autonoma dello Xinjiang Uygur e la regione autonoma della Mongolia interna. Entrambe le regioni sono state messe sotto pressione per ridurre le emissioni di carbonio, al fine di aiutare la Cina a raggiungere emissioni nette di carbonio zero entro il 2060, con Pechino che punta il dito contro i miner di criptovalute.
____
Per saperne di più:
- Miners on the Move: China’s Crypto Mining Losses May Be Kazakhstan’s Gain
- China’s Mining Crackdown Continues – But Some Sense Hope

- Chinese Miners Block Mainland IP Access as Beijing’s Purge Intensifies
- 'Next Great Miner Migration Will be Away from China' - Poolin Exec

- Key Clues Emerge as to What Beijing Really Thinks About Bitcoin & Mining
- Analysts See 'Seismic shift' In Bitcoin Mining Amid Chinese 'Crackdown'