15 set 2021 · 4 min read

Il servizio di Solana sarà completato a breve, SOL recupera

Solana
Fonte: Adobe/Aleksandra Sova

A seguito dei problemi affrontati da Solana che hanno causato un'interruzione e la sospensione della rete, il servizio dovrebbe tornare in poche ore e la moneta SOL della rete ha iniziato a riprendersi.

Alle 8:16 UTC, la settima moneta per capitalizzazione di mercato, SOL, è scesa del 2,5% in un giorno e del 6% in una settimana, scambiata a circa 163 USD. Tra il suo punto più alto il 14 settembre e il più basso raggiunto all'inizio del 15 settembre, SOL era sceso del 14%. Da allora ha recuperato quasi il 9%.

Grafico dei prezzi SOL:

SOL price
Fonte: coingecko.com

Riavvio della Mainnet di Solana

Il team ha affermato che i validatori Solana hanno riavviato con successo la sua Mainnet Beta dopo quasi un giorno di inattività, aspettandosi che block explorer, dapps (applicazioni decentralizzate) e sistemi di supporto si riprendano in poche ore, seguiti dal ripristino della piena funzionalità.

Causa dell'interruzione della Mainnet di Solana

L'account Twitter di Solana Status ha annunciato ieri che la Mainnet di Solana, che è ancora in modalità Beta, stava sperimentando "instabilità intermittente" e che "l'esaurimento delle risorse nella rete sta causando una negazione del servizio".

Sono tornati con ulteriori informazioni, affermando che la Mainnet Beta ha visto un enorme aumento del carico delle transazioni, che ha "inondato" la coda di elaborazione delle transazioni. Ciò ha comportato la mancanza di priorità della messaggistica critica per la rete, che ha quindi causato l'inizio del fork della rete.

"Questo fork ha portato a un consumo eccessivo di memoria, causando la messa offline di alcuni nodi", con gli ingegneri incapaci di stabilizzare la rete, a causa della quale i validatori hanno deciso di riavviare la rete. I membri della comunità dei validatori hanno anche commentato durante il processo quanto velocemente sono stati in grado di organizzarsi.

Solana, che ha un valore totale bloccato di 11,05 miliardi di dollari, ha riportato un "degrado intermittente delle prestazioni" anche all'inizio di settembre, che è durato per un'ora.

“Siamo ancora agli albori della costruzione di blockchain veloci e scalabili. I problemi possono accadere", ha commentato Emin Gün Sirer, CEO di Ava Labs, mentre il CEO di Solana Labs Anatoly Yakovenko ha twittato: "meglio adesso piuttosto che quando avrà un miliardo di utenti". Ha anche affermato che il problema è stato causato dal trading di bot.

Tuttavia, altri commentatori hanno affermato che molti possessori di SOL hanno venduto parte o tutta la loro scorta durante i tempi di inattività, altri affermano che intendono vendere nonostante il team sia tornato con una correzione, mentre ci sono anche quelli che affermano di aver resistito alla vendita.

Come previsto, ogni volta che il team dietro un progetto interviene in modo importante durante il periodo di crisi o in altro modo, viene sollevata la questione della centralizzazione rispetto al decentramento. C'è stato chi ha criticato il progetto, affermando che il team ha spento la rete, aggiungendo che è centralizzato al 100%. Alcuni hanno aggiunto che per ottenere alta velocità e commissioni basse, il decentramento deve essere sacrificato.

I sostenitori, tuttavia, sostengono che la squadra ha dovuto attendere che i validatori si aggiornassero e completassero il riavvio.

Un altro punto messo in discussione sono i progetti di finanza decentralizzata (DeFi) su Solana e se dovrebbero affrontare problemi, in particolare se gli utenti vengono liquidati.

L'incidente di Solana in confronto con l'attacco di Ethereum

Nel frattempo, lo sviluppatore di software e ingegnere Hudson Jameson, confrontando questo incidente di Solana con un attacco a Ethereum (ETH) nel 2016, ha affermato che entrambi erano attacchi denial-of-service (DoS), ma che "i blocchi di Ethereum non hanno mai smesso di produrre durante gli attacchi a causa delle nostre decisioni di progettazione multi-client. Inoltre ha affermato che Solana deve letteralmente riavviare la rete".

In entrambi i casi, anche la piattaforma di ridimensionamento Ethereum Arbitrum ha subito tempi di inattività per meno di un'ora ieri, affermando che i fondi non erano mai a rischio e sottolineando che non si trattava di una rete, ma di un'interruzione del Sequencer. Hanno anche avvertito gli utenti che erano possibili ulteriori interruzioni. Il team di Offchain Labs ha affermato che “la causa principale del tempo di inattività era un bug che causava il blocco del Sequencer quando riceveva un'enorme quantità di transazioni in un breve periodo di tempo. Il problema è stato identificato ed è stata implementata una soluzione". 

Come ciliegina sulla torta della rete, qualcuno ha provato ad attaccare Ethereum ieri, ma senza successo. Lo sviluppatore Marius Van Der Wijden ha twittato che una piccola percentuale di nodi di Nethermind stava passando a una catena non valida, ma da allora si è unita di nuovo alla catena corretta. Inoltre ha commentato che "un'altra grande dimostrazione di come la diversità dei client renda Ethereum più forte".
 

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

________

Per saperne di più:
- Come si misura la decentralizzazione nelle criptovalute?
- Solana quasi raddoppia in una settimana e supera XRP
- Ethereum, Solana, Polygon formano un fresco mercato di blockchain
- Power Ledger migra verso Solana ma mantiene il suo token su Ethereum