Sponge V2: boom dello staking con 10 milioni di dollari

Gaia Tommasi
| 3 min read

Sponge V2

La meme coin Sponge ha più di 10,18 milioni di dollari in staking e nel bridge, dopo il debutto della versione V2 sul network di Polygon all’inizio del mese.

Il cambio di network avviene in vista dell’aggiornamento di Ethereum, Dencun, che promette di ridurre le fee sul gas e garantire transazioni più veloci per i layer 2 di Ethereum, come Polygon. Polygon è ideale per le piattaforme di gaming emergenti come quella di Sponge, grazie alle fee basse e alla velocità di transazione superiore rispetto a Ethereum.

Il passaggio verso il nuovo network ha portato a 8,55 miliardi di token SPONGE V2 in staking, che equivalgono a quasi il 20% dell’offerta in circolazione. Gli staker possono guadagnare un rendimento annuo del 189% su Ethereum e al 909% su Polygon.

Per gli investitori in cerca di crypto su cui investire, non rimane molto tempo per acquistare la meme coin SPONGE V2 prima del listing sugli exchange centralizzati CEX.

Il valore della meme coin Sponge V2 è superiore del 4.917% rispetto al prezzo di listing del token V1, ma si prevede un ulteriore aumento del valore. SpongeV2 è aumentato fino a raggiungere la soglia di prezzo di 0,001254 dollari, con un aumento del 4.917% rispetto al prezzo di listing di V1 di 0,000025 dollari.

Sponge V2 ha superato già il massimo storico di Sponge V1 pari a 0,0012 dollari e attualmente ha un market cap diluito di 49,5 milioni di dollari. In base all’offerta totale del token, la valutazione di Sponge V2 è di 183,9 milioni di dollari, mentre la coppia SPONGE/WMATIC presenta una buona liquidità, pari a 558.670 dollari.

Il 5 febbraio Sponge V2 ha cambiato il network e da quel momento il prezzo ha continuato a salire.  Al momento la meme coin si trova in una fase di consolidamento, che potrebbe ostacolare il movimento al rialzo.

Sponge V2

Il settore crypto-gaming è seguito con grande interesse, ma molte delle sue promesse sono state minate da un’esperienza utente poco soddisfacente e dalla lentezza delle transazioni, che costringono alcune attività off-chain, compromettendo l’architettura della blockchain.

Polygon può scalare fino a 7.000 transazioni al secondo (tps), mentre Ethereum si attesta attualmente tra 1 e 25 tps. Il layer 2 Polygon potrebbe teoricamente raggiungere i 65.000 tps, e potenzialmente di più dopo l’aggiornamento Dencun. Sponge ha quindi compiuto una scelta strategica per garantirsi un futuro nel settore del gaming. Il progetto ha seguito i miglioramenti della sicurezza di Ethereum, sfruttando allo stesso tempo la scalabilità del layer 2 di Polygon. In questo modo, Sponge intende affermarsi come il Layer 3 ideale per i giochi basati su crypto.

Al momento il progetto si trova nella fase due della roadmap, mentre il lancio del gioco di Sponge è previsto nella fase tre.

Sponge V2, il nuovo titolo di successo nel mondo gaming


I titoli del segmento del gaming come Axie Infinity e Decentraland sono stati poco performanti rispetto alle altre altcoin e non hanno aggiornato la loro roadmap per stare al passo con i cambiamenti tecnologici. Il progetto di Sponge invece ha preso decisioni strategiche, come il passaggio al network di Polygon.

Anche se il gioco Play-to-Earn a tema Sponge non è ancora stato rilasciato, il team ha riferito che ha superato la fase di progettazione e si trova in fase di sviluppo.

$SPONGE V2 ha riservato il 4,47% della supply del token, pari a 150.000.000.000, allo sviluppo del gioco. Le ricompense per lo staking rappresentano il 43,09%, da distribuire nell’arco di quattro anni, mentre il 7,5% è destinato al marketing. Le ricompense P2E ricevono l’8%, mentre il 26,93% è assegnato ai $SPONGE nel bridge e il 10% alla liquidità degli exchange centralizzati.

Il progetto ha tutte le carte in regola per diventare un titolo di successo nel segmento del gaming, con il lancio imminente del suo primo gioco P2E. Forse non c’è momento migliore per considerare l’acquisto di Sponge V2.

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.

Leggi anche: