13 apr 2022 · 8 min read

Le stablecoin svolgeranno un ruolo fondamentale nel futuro

 

stablecoin
Fonte: Depositphotos

 

La scorsa settimana il governo del Regno Unito ha annunciato la sua intenzione di esplorare il potenziale delle criptovalute, blockchain e soprattutto le stablecoin nella trasformazione della finanza digitale.

Il Regno Unito mira a diventare un "hub tecnologico globale di criptovalute" e a tal fine prevede di riconoscere alcune stablecoin come una valida forma di pagamento. Quelle stablecoin saranno portate sotto la rete di regolamentazione del Regno Unito e costrette a rispettare le regole di pagamento esistenti del governo.

Come suggerisce il nome, le stablecoin sono criptovalute progettate per avere un valore stabile. Questo è abbastanza in contrasto con gli asset digitali tradizionali come Bitcoin ed Ethereum, noti per la loro estrema volatilità. Il valore in continua evoluzione delle criptovalute tradizionali significa che molti le considerano poco pratiche per la maggior parte dei tipi di commercio. Le stablecoin, d'altra parte, hanno il loro valore ancorato a quello di una valuta fiat tradizionale come il dollaro USA o la sterlina britannica, il che le rende più adatte all'adozione di massa.

Il ministero delle Finanze del Regno Unito ha affermato che il piano è di portare le stablecoin sotto la sua rete di regolamentazione per aprirne la strada all'uso come forma di pagamento riconosciuta. Le stablecoin selezionate saranno regolamentate attraverso il perimetro normativo dei pagamenti per creare condizioni affinché emittenti e fornitori di servizi possano operare e investire nel paese.

Il ministero ha affermato che riconoscendo il potenziale delle stablecoin e regolandolo, sarà in grado di garantire che possano essere utilizzate dai consumatori in modo affidabile e sicuro.

Il cancelliere britannico Rishi Sunak ha affermato: "Vogliamo vedere le imprese di domani - e i posti di lavoro che creano - qui nel Regno Unito, e regolamentando in modo efficace possiamo dare loro la fiducia di cui hanno bisogno per pensare e investire a lungo termine".

La necessità di stablecoin regolamentate

Le autorità di regolamentazione generalmente prestano così tanta attenzione ai nuovi concetti solo quando sono già sul punto di sconvolgere il sistema finanziario esistente. La mossa del Regno Unito aggiunge quindi peso al crescente corpo di prove che suggeriscono che le stablecoin, a differenza di Bitcoin ed Ethereum, giocheranno un ruolo vitale nel futuro sistema finanziario. Sebbene l'esatta natura di quel ruolo debba ancora essere definita, alcuni sostengono che alla fine potrebbero diventare la spina dorsale di un futuro ecosistema di pagamenti digitali.

Con il Regno Unito che è diventato il primo grande governo occidentale a portare avanti questa idea, suggerisce che stanno arrivando grandi cambiamenti nel settore finanziario. Tali cambiamenti potrebbero portare una serie di vantaggi sia per le aziende che per i consumatori, ma non sono privi di rischi.

I sostenitori delle stablecoin sostengono che possono apportare vantaggi come transazioni più sicure e a basso costo in tempo reale, creando un ecosistema di pagamenti più competitivo di quello di cui godono attualmente le aziende e i consumatori. Ad esempio, le aziende sarebbero in grado di accettare pagamenti digitali in modo più economico, mentre i governi sarebbero in grado di eseguire più facilmente programmi di trasferimento di denaro condizionato, come l'emissione di assegni di stimolo. Le stablecoin potrebbero anche aiutare a connettere le persone senza banca e rendere più facile per loro l'accesso ai servizi finanziari.

Tali vantaggi saranno realizzati solo se esiste un solido quadro giuridico ed economico per supportare le stablecoin. Senza regolamentazione, persistono i timori che le stablecoin possano potenzialmente diventare "instabili" e vedere il loro valore crollare proprio come ha fatto il dollaro dello Zimbabwe solo pochi anni fa.

Indipendentemente dai pregi e dai difetti delle stablecoin, la loro ascesa è stata ben documentata. Le stablecoin sono diventate un punto fermo dell'ecosistema crypto, utilizzate per supportare più servizi DeFi e come rifugio per gli investitori crypto durante i momenti di eccezionale volatilità del mercato. La domanda sulla bocca di tutti ora è cosa fare con le stablecoin e le risposte sono state varie. Alcuni sostengono che non c'è niente di sbagliato nel sistema finanziario così com'è, mentre altri ribattono che è difficile difendere un sistema che ha portato a una distribuzione del reddito così selvaggiamente distorta - prendiamo gli Stati Uniti, ad esempio, dove il 15% degli adulti nel 40% più povero sono lavoratori non bancabili e a basso reddito.

Quelli con una mente più aperta accolgono con cautela le nuove tecnologie, ma affermano che dovrebbero essere fatte ulteriori ricerche sull'idea delle monete digitali della banca centrale, o CBDC, che sono essenzialmente stablecoin sponsorizzate dalla banca centrale che sostituirebbero o vivrebbero fianco a fianco con le tradizionali fiat moneta.

Apportare modifiche sostanziali al funzionamento dei sistemi finanziari non è facile, ma i governi non devono provare a farlo da soli. In effetti, andare da soli è probabilmente una cattiva idea. Finora, il settore pubblico ha generalmente lottato con la diffusione dei servizi finanziari digitali. L'unica eccezione è la Cina, che aveva già elaborato più di 90 miliardi di yuan (14 miliardi di dollari) in transazioni entro la fine dello scorso anno, da quando ha implementato il suo renminbi digitale.

Lavorare con il settore privato presenta quindi dei vantaggi, sebbene qualsiasi soluzione adottata dovrebbe affrontare le preoccupazioni relative alla stabilità finanziaria, alla prevenzione della criminalità e alla protezione dei consumatori.

Il ruolo delle stablecoin

Una stablecoin regolamentata potrebbe essere la chiave per trasformare il denaro. Hanno il potenziale per diventare la prossima evoluzione in un sistema finanziario che, per secoli, ha fatto affidamento su una combinazione di denaro pubblico e privato.

Il moderno sistema finanziario si basa su una combinazione di denaro pubblico e fondi privati. Il denaro pubblico include cose come contanti emessi dalle banche centrali e crediti digitali contro tali istituzioni. D'altra parte, il denaro privato è costituito principalmente da depositi presso banche commerciali. Il settore pubblico è responsabile della stabilità del denaro, mentre il settore privato rappresenta la maggior parte della sua liquidità, pari al 95% di tutto il denaro in circolazione nelle economie più sviluppate.

Le stablecoin sarebbero una specie di denaro privato. Uno dei loro principali vantaggi è la loro capacità di ridurre i costi della verifica digitale. In questo modo, la blockchain può potenzialmente espandere il ruolo sia del settore pubblico che di quello privato nella fornitura di nuovo denaro. Il ruolo del settore pubblico sarà quello di facilitare ciò collegando le imprese ai consumatori, mentre il settore privato tenterà di soddisfare le esigenze dei consumatori con una varietà di scelte e servizi.

Per riuscire in questa trasformazione, governi come il Regno Unito dovranno trovare il giusto equilibrio tra il settore pubblico e quello privato. Se il settore pubblico è troppo enfatizzato, i paesi rischiano di non essere all'altezza in termini di velocità di commercializzazione, innovazione e concorrenza. Qui, la storia di Internet gioca un ruolo istruttivo. Le nazioni che hanno sfruttato l'aspetto commerciale del web generalmente sono risultate prime. D'altra parte, i paesi che hanno posto troppa enfasi sul settore privato non avranno quadri normativi solidi e correranno il rischio di stablecoin instabili e nessuna protezione dei consumatori.

A tal fine, i governi farebbero bene a collaborare con i partner del settore privato che hanno già creato un solido ecosistema di stablecoin.

Ciò significa partner come Ardana, che sta costruendo una piattaforma finanziaria decentralizzata sulla blockchain di Cardano. Cardano è una piattaforma ideale, in quanto è una delle blockchain più affermate in cui le transazioni vengono elaborate tramite un meccanismo di prova di partecipazione a basso consumo energetico. Consente le transazioni veloci e sostenibili che le economie sviluppate richiederanno.

Il principale contributo di Ardana a Cardano è la stablecoin dUSD, che è attualmente l'unica stablecoin decentralizzata, collateralizzata e con ancoraggio morbido sulla sua blockchain.

Lo scopo principale di dUSD è consentire agli utenti dell'ecosistema Cardano di prendere in prestito senza oneri elevati. Con Ardana, gli utenti possono coniare, spendere, inviare e ricevere dUSD attraverso la blockchain di Cardano. Ogni dUSD è generato da asset collateralizzati depositati dagli utenti come il token ADA nativo di Cardano. Quindi, invece di convertire ADA direttamente in una stablecoin, gli utenti possono versare ADA in un deposito di Ardana e ricevere una parte del suo valore come prestito dUSD appena coniato. Ciò dà al mutuatario liquidità istantanea. Successivamente, gli utenti possono restituire i loro dUSD per sbloccare i loro token ADS, pagando solo una piccola commissione per il prestito.

Gli utenti possono anche ricevere dUSD acquistandolo da uno exchange o accettandolo per il pagamento di beni e servizi che forniscono. dUSD è quindi in grado di funzionare sia come un asset digitale che come valuta tradizionale e può essere utilizzato come unità di registrazione, riserva di valore o mezzo di scambio nelle transazioni.

Con Ardana, i governi hanno già accesso a asset e ecosistemi di stablecoin costruiti su solide fondamenta con buoni fondamenti di mercato. È anche completamente trasparente con ogni transazione registrata sulla blockchain pubblica di Cardano.

Per i governi, c'è molto interesse nel permettere la sperimentazione di approcci diversi. Potrebbe essere utile sia l'idea delle CBDC, forse per prestiti e obbligazioni emessi dal governo, sia per le stablecoin in termini di pagamenti di consumatori e imprese. Quindi, proprio come con il sistema finanziario esistente di oggi, è possibile che il settore pubblico e quello privato si completino fortemente a vicenda. Ciò che serve è una regolamentazione neutrale dal punto di vista tecnologico per migliorare la trasparenza e gli standard, al fine di incoraggiare una maggiore concorrenza tra soluzioni di stablecoin sicure.

Nel bene e nel male, la Cina ha già fatto una chiara dichiarazione su dove vede andare il futuro del denaro e dei pagamenti, guidati principalmente dal settore pubblico. La storia mostra che un approccio equilibrato ha più possibilità di successo.

Dato che le nazioni come il Regno Unito cercano di recuperare il ritardo, il compito più importante per il futuro sarà sviluppare una tesi su come sarà esattamente il futuro del denaro e quali partner del settore privato possono realizzarlo.

 

 

______

Dichiarazione di non responsabilità: la sezione Industry Talk presenta approfondimenti degli attori del settore crypto e non fa parte del contenuto editoriale di Cryptonews.com.

 

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______