05 ottobre 2020 · 2 min read

Le azioni "potrebbero benissimo" diventare tokenizzate - Presidente della SEC

La US Securities and Exchange Commission (SEC) ha invitato gli innovatori nel campo delle criptovalute, dicendo che "la nostra porta è spalancata" e che le azioni quotate in borsa "potrebbero benissimo" diventare tokenizzate in futuro.

Jay Clayton. Fonte: Twitter, SEC

La posizione positiva della SEC è stata introdotta dal presidente Jay Clayton, che venerdì ha partecipato a una conferenza virtuale sull'innovazione e la regolamentazione delle risorse digitali, ospitata dalla Camera di commercio digitale .

Commentando ulteriormente la questione della tokenizzazione delle attività finanziarie esistenti, Clayton ha affermato che oltre alle singole azioni, anche i fondi negoziati in borsa (ETF) potrebbero finire in forma tokenizzata se "aggiungono efficienza":

“Siamo disposti a provarlo; la nostra porta è spalancata ", ha detto il presidente della SEC, aggiungendo" Se vuoi mostrare come tokenizzare il prodotto ETF in un modo che aggiunge efficienza, vogliamo incontrarti, vogliamo facilitare questo. "

Alla conferenza virtuale ha partecipato anche Brian Brooks, Acting Comptroller of the Currency, che ha osservato che anche solo il fatto che i capi sia dell'Office of the Comptroller of the Currency (OCC) che della SEC stessero partecipando a una conferenza sull'innovazione e la regolamentazione delle criptovalute, "ti dice molto sulla maturità" dell'industria delle criptovalute.

A settembre, l'OCC ha affermato che le banche statunitensi possono fornire "Servizi a supporto di un progetto stablecoin" e a luglio consentiva a tutte le banche istituite a livello federale negli Stati Uniti di fornire servizi di custodia di criptovalute ai propri clienti.

Brooks, ex consigliere generale di Coinbase , ha inoltre spiegato che la sua agenzia ha passato del tempo a pensare alle criptovalute e a cosa siano davvero.

"Penso che chiunque abbia lavorato nel campo sappia che il concetto originale di bitcoin e tutte queste altre innovazioni non era quello di creare un asset di investimento inventato", ha detto Brooks, aggiungendo che ci sono già "molte cose in cui investire. "

"Pensiamo che quello che sta succedendo all'OCC sia qualcosa di più fondamentale e potrebbe essere una sfida per le normative bancarie esistenti, motivo per cui dobbiamo chiarirle", ha detto Brooks.

Secondo lui, le reti sono fondamentalmente più resilienti ed efficienti delle "torri controllate" integrate verticalmente. Questo è in contrasto con il modo in cui le banche hanno tradizionalmente operato, con funzioni di controllo centrale che diventano "single point of failure" nel sistema, ha aggiunto Brooks.

"Se una banca falliva, accadevano cose davvero brutte", ha detto, sottolineando che "le reti non si comportano in questo modo".

"Vediamo questa [criptovaluta] più come una questione di infrastruttura che come una questione di asset di investimento - nella sua maturità", ha detto il regolatore statunitense, sottolineando che uno dei motivi per cui molte aziende legate alle criptovalute hanno avuto problemi con i regolatori è perché "non abbiamo ancora raggiunto la maturità. "
__

Guarda l'intera conferenza ospitata dalla Camera di commercio digitale di seguito:

__

Scopri di più:
Crypto 'Is Now Finally Being Taken Seriously' By Taxman - PwC
Arthur Hayes & Co Run BitMEX 'Illegally,' Face Prison