Home NewsAltcoin News

Sondaggio dimostra un caso d'uso per la moneta Facebook

Di Linas Kmieliauskas
Sondaggio dimostra un caso d'uso per la moneta Facebook 101
Source: iStock/franckreporter

Il 18% degli americani adulti intervistati sarebbe interessato a investire in un token digitale Facebook, e la maggior parte di questi mira ad usarlo nel Marketplace di Facebook.

Il sondaggio online fatto su 1,000 Americani è stato commissionato dal sito web di educazione alla finanza personale LendEDU e condotto dalla società di sondaggi Pollfish il 10-11 maggio.

Inoltre, coloro che hanno già investito in criptovalute (il 7% degli intervistati) sono maggiornmente disposti a investire nella moneta Facebook:

  • Il 59% degli intervistati che possiede già delle cripto è interessato alla moneta Facebook.
  • Il 15% dei "non possessori" investirebbe in questo token.

"Per i consumatori interessati a investire nella valuta virtuale di Facebook, Facebook è più un motivo per acquistare nel mondo delle criptovalute rispetto a quelli che non sono interessati a investire e si chiedono il perchè di Facebook", ha detto LendEDU, aggiungendo che il 27% di quelli non interessati a investire punta sulla mancanza di fiducia in Facebook, specialmente sul come gestiscono i loro soldi.

Il sondaggio ha anche rilevato che non solo gli intervistati hanno indicato che sarebbero stati più propensi a utilizzare il Marketplace di Facebook, una piattaforma per acquistare e vendere vari articoli, se potessero utilizzare anche la valuta virtuale creata da Facebook, ma i risultati segmentati hanno mostrato qualcosa ancora meglio per Facebook:

"Il 78% di quei 65% dei partecipanti al sondaggio che hanno già utilizzato il Marketplace ha risposto che la valuta di Facebook li farebbe usare di più la piattaforma di e-commerce, mentre solo il 14% la userebbe allo stesso modo."

"Con l'abilità della moneta creata da Facebook di essere applicata al Marketplace di Facebook, dove i consumatori possono usarla per comprare e vendere beni, Facebook ha trovato un uso diretto della sua moneta che porterà solo maggiori entrate per la piattaforma di social media", ha ipotizzato LendEDU, in quanto non ci sono informazioni ufficiali sui piani di Facebook con il suo token digitale, che secondo quanto riferito sarà uno stablecoin.

Nel frattempo, il servizio di analisi dell'industria valutaria digitale Diar ha avvertito martedì che l'antica base di utenti di Facebook è la sfida per il loro progetto di moneta: "La piccola base di utenti di giovani che sono probabilmente al passo con gli attuali sviluppi tecnologici ha un potere d'acquisto abbastanza debole".

Inoltre, secondo Diar, con solo il 10% della base utenti di Facebook negli Stati Uniti, lo scenario più probabile sarebbe quello di utilizzare il maggior numero possibile di valute legali.

"Facebook probabilmente guarderà ai paesi la cui infrastruttura finanziaria è carente, proprio come la società ha fatto in India attraverso il servizio di messaggistica WhatsApp Pay", hanno aggiunto.

Come riportato, il sistema di pagamenti digitale di Facebook punta a debuttare in circa una dozzina di paesi entro il primo trimestre del 2020.

Si stima che la moneta Facebook sarà in concorrenza con i sistemi diffusi di pagamento come PayPal, carte di credito ma non le criptovalute.

Tuttavia, con miliardi di utenti, il gigante dei social media Facebook potrebbe in teoria portare le risorse digitali più vicino a un gran numero di potenziali utenti e potrebbe persino fungere da “drammatico catalizzatore.”

Più Articoli