Svelati gli Investimenti di Tether – Sono Stati Ridotti gli Impieghi in Commercial Paper

Fredrik Vold
| 1 min read
Tether
Fonte: Unsplash

L’emittente di stablecoin Tether ha rivelato nuovi dettagli sulle sue disponibilità di asset di riserva e afferma che la maggior parte dei suoi investimenti è sotto forma di Treasury USA.

Tether aumenta le riserve in Treasury Bill

In un tweet pubblicato lunedì, Paolo Ardoino, chief technology officer di Tether, ha affermato che il 58,1% degli asset sottostanti la popolare stablecoin USDT sono Treasury USA, noti anche come t-bill.

Nel tweet si legge: “Tether al 30 settembre 2022 detiene circa il 58,1% dei suoi asset in t-bill statunitensi. In aumento rispetto al 43,5% del 30 giugno 2022″, prima di aggiungere che l’esposizione di Tether ai commercial paper ammonta a meno di 50 milioni di dollari.

Ardoino ha aggiunto in un tweet di follow-up che la pagina Transparency sul sito Web di Tether dovrebbe essere aggiornata con tutti gli ultimi dettagli sulle riserve della stablecoin entro 45 giorni, ma ha affermato che stanno lavorando per “ridurre le tempistiche”.

In passato Tether è stato criticato per la sua esposizione al debito commerciale, considerato molto più rischioso dei titoli di Stato e in particolare dei Treasury Bill.

Nel giugno di quest’anno, Tether ha risposto alle voci secondo cui avrebbe detenuto grandi quantità di commercial paper cinesi di bassa qualità nelle sue riserve. In un comunicato dell’epoca, la società ha definito queste voci “completamente false” e ha affermato che erano “probabilmente diffuse per indurre ulteriore panico al fine di generare ulteriori profitti da un mercato già stressato”.

Secondo un rapporto contabile del 31 marzo, circa il 47% delle riserve di USDT erano costituite da Treasury USA, mentre i commercial paper rappresentavano circa il 25% in quel momento.


Notizie correlate