Home NewsAltcoin News

Telegram può ritardare il lancio di Gram dopo l'azione normaitva da parte della SEC

Di Tim Alper
Telegram può ritardare il lancio di Gram dopo l'azione normaitva da parte della SEC 101
Source: iStockPhoto/tdhster

Telegram ammette che potrebbe rimandare il lancio della sua rete blockchain TON e del token Gram dopo un intervento tardivo da parte della regolamentazione americana Securities and Exchange Commission (SEC) venerdì.

La SEC ha presentato un'azione di emergenza e ha ottenuto un ordine restrittivo temporaneo che impedisce a TON e Gram di essere lanciati negli Stati Uniti.

Secondo l'agenzia di stampa russa Tass, che afferma di aver ottenuto una copia di una lettera inviata agli investitori, Telegram afferma che sta valutando la possibilità di rimandare il lancio di TON e Gram mentre combatte contro il fuoco normativo.

La società aveva pensato di rilasciare Gram entro il 31 ottobre , con una serie di exchange di criptovalute già pronti a listare il token. Telegram afferma anche, nella lettera, che è "deluso" dalla decisione della SEC e "non è d'accordo" con la sua posizione.

La lettera spiega

“Telegram ha cercato di interagire con la SEC e di ricevere feedback su TON negli ultimi 18 mesi […] Non siamo d'accordo con la posizione assunta dalla SEC.”

Agli investitori è stato anche detto, nella stessa lettera,

“Insieme ai nostri consulenti, stiamo cercando i modi migliori per risolvere la situazione nell'interesse di tutte le parti. Le possibili soluzioni includono, tra l'altro, il tentativo di posticipare la data di lancio. Stiamo lavorando duramente per risolvere rapidamente queste questioni. Prevediamo di fornire ulteriori informazioni nelle prossime settimane.”

In un comunicato stampa, la SEC ha affermao di aver preso questa posizione per "impedire a Telegram di inondare il mercato degli Stati Uniti con token digitali" che ritiene siano "venduti illegalmente".

Il Board di TON ha risposto eliminando tutti i suoi post sul proprio canale Telegram, ad eccezione della sola update del 13 ottobre , il quale afferma:

“A causa delal maggiore incertezza normativa, faremo [una pausa] per analizzare le nuove informazioni e adattare le nostre politiche.”

È stato riferito che in base ai termini dell'investimento, Telegram è contrattualmente obbligato a fornire i token ai suoi investitori prima della fine di questo mese, o potrebbe affrontare la possibilità di restituire l'intero importo di 1,7 miliardi di dollari ai suoi oltre 100 investitori.

In risposta alla mossa della SEC, la giornalista del New York Times Nathaniel Popper ha twittato che tra i sostenitori di Telegram ci sono aziende del calibro di Benchmark, Sequoia e Lightspeed. Ha anche aggiunto che Telegram ha lavorato con lo studio legale internazionale di New York Skadden Arps per "far uscire legalmente il token Gram".

Telegram ha raccolto 1,7 miliardi di dollari USA in due vendite private di Gram - con la maggior parte degli investimenti che si ritiene provengano da privati e aziende negli Stati Uniti.

Secondo la SEC, oltre 1 miliardo sui 2,9 miliardi di token Gram già venduti sono stati acquistati da 39 residenti americani. Secondo le scansioni digitali dei documenti archiviato presso un tribunale di Manhattan, la SEC afferma che 424,5 milioni di dollari dell'investimento di 1,7 miliardi di USD sono stati effettuati da parti con sede in America.

Più Articoli