21 Jun 2022 · 3 min read

I funzionari di Terraform non possono lasciare il paese

 

Terraform
Il co-fondatore di Terra, Do Kwon, nell'ottobre 2019. Fonte: screenshot di un video, Youtube/Terra

I pubblici ministeri sudcoreani hanno vietato a un numero imprecisato di funzionari attuali e/o precedenti di Terraform Labs, inclusi gli sviluppatori, di lasciare il paese.

KBS, l'emittente statale sudcoreana, ha riferito che l'identità di due di loro era stata confermata e che entrambi erano ex alti funzionari dell'azienda o delle sue affiliate.

Terraform indagata per sospetti di irregolarità finanziaria

I pubblici ministeri, inclusa l'unità investigativa sui crimini finanziari Yeouido Grim Reaper recentemente riformata, hanno indagato su Terraform per sospetti di irregolarità finanziarie a seguito del crollo UST/LUNAC del mese scorso.

Terraform è stata fondata a Singapore nel 2018.

Il rapporto afferma che i funzionari sudcoreani sembrano preoccupati che alcune persone possano cercare di fuggire dal paese.

Co-fondatore di Terraform potrebbe ottenere la cittadinanza di Singapore

Ha spiegato che Do Kwon, il co-fondatore di Terraform, potrebbe cercare di ottenere la cittadinanza di Singapore. La legge di Singapore prevede che i proprietari stranieri di determinate aziende possano richiedere la cittadinanza se soddisfano una serie di criteri. Questi includono vivere a Singapore per un periodo di due o più anni, un criterio che Kwon ha apparentemente già soddisfatto.

I candidati devono anche contribuire con una certa somma di denaro ai fondi nazionali di Singapore.

Lo stesso rapporto citava un anonimo "ex sviluppatore della rete di Terra" che affermava che Kwon stava effettivamente "cercando di acquisire la cittadinanza di Singapore". Lo stesso sviluppatore ha affermato di essere uno di quelli a cui era stato detto di rimanere in Corea del Sud fino al completamento delle indagini.

Il rapporto affermava che il divieto non si applica a Do Kwon. Funzionari sudcoreani affermano che Do Kwon risiede attualmente a Singapore.

Ma potrebbero essere in arrivo altri divieti di viaggio: secondo quanto riferito, lo sviluppatore anonimo ha affermato che "dal momento che diversi sviluppatori hanno lavorato insieme" sulla rete di Terra, per "più dipendenti" sarà probabilmente "vietato lasciare il paese" nei prossimi giorni.

Lo stesso sviluppatore, ha riferito KBS, era "responsabile della progettazione e dello sviluppo di progetti chiave" come il protocollo di prestito Anchor.

Il protocollo di prestito Anchor ospitava la maggior parte dell'offerta circolante di UST ed è stato utilizzato come meccanismo di incentivo chiave per gli utenti a detenere la stablecoin UST con i suoi alti rendimenti del 20%.

Tuttavia, il rapporto rilevava che i pubblici ministeri finora "non hanno fatto progressi significativi" nelle loro indagini su Kwon.

MBC, un'altra emittente nazionale, ha riferito che la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha intervistato Kwon per quattro ore e mezza come parte della sua indagine sul Mirror Protocol della rete Terra nel luglio dello scorso anno. La SEC ha proseguito servendo Kwon con un mandato di comparizione nel settembre 2021.

Lo stesso rapporto ha aggiunto che la SEC aveva chiesto a Kwon di fornire risposte su 27 punti e ha condotto la sua intervista tramite collegamento video.
____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

___

Per saperne di più:
- How Tokenomics Might Change in the Wake of the Terra Collapse
- Il nuovo token LUNA continua a diminuire

- Grandi investitori sono usciti da Anchor/UST
- ‘Speculative’ Luna Classic Best Seen as a Meme Coin

-Crollo LUNA e UST: Universo crypto riflette su asset Ponzi
- Sostenitori di Terra rompono il silenzio