Home NewsBitcoin News

C'è ancora una possibilità non banale di un divieto di Bitcoin: Kraken CLO

Di Kyle Torpey
C'è ancora una possibilità non banale di un divieto di Bitcoin: Kraken CLO 101
Fonte: Adobe/Alexey Novikov

Ancora oggi esiste una possibilità non banale che i governi possano cercare di vietare Bitcoin (BTC), secondo Marco Santori, recentemente designato come Chief Legal Officer (CLO) dell'importante exchange cripto Kraken.

"Non credo sia una probabilità del 20% o del 30% nei prossimi cinque anni, ma penso che sia reale. E sta a noi fare tutto il possibile per dare a questa roba reale - e forse è qui che inizia a diventare un pò controverso - un reale uso funzionale che le persone al governo possono apprezzare come qualcosa di più di ciò che spesso vedono come un casinò", ha detto durante il Kraken Block Drop VR Halving Party di domenica.

Santori ha notato che è importante per le organizzazioni di lobbying cripto come Coin Center essere in prima linea per assicurarsi che la finestra di Overton, che è la gamma di idee che il pubblico è disposto ad accettare dai politici, non si apra mai quanto basti a vietare Bitcoin, che non diventi mai a una possibilità.

Detto questo, Santori cerca di rimanere pratico sul potenziale divieto.

"Opero ancora ogni giorno come se ci fosse una possibilità non banale [Bitcoin potrebbe essere vietato], e penso che anche le persone che sono regolamentate e soggette a leggi siano sagge a pensarlo", ha detto Santori. "C'è stato un tempo in cui non lo avrei descritto come non banale. . . Lo avrei descritto come forse una probabilità del 20% [o] una probabilità del 30%. ”

Secondo il CLO, le sue opinioni sul potenziale divieto assoluto di Bitcoin sono state modificate dal rilascio della guida di FinCEN (Financial Crimes Enforcement Network) sulle criptovalute come BTC nel 2013.

"Quando il governo ha detto per la prima volta," Okay Bitcoiners. Siete sotto il nostro pollice. Dovete seguire le regole come tutti gli altri. "Penso che molte persone abbiano reagito negativamente a questo, ma molte altre persone hanno invece reagito positivamente", ha spiegato Santori. "Hanno pensato:" Oh mio Dio. Questo è il governo che riconosce la legittimità di questa cosa. Hanno detto qualcosa per la prima volta su Bitcoin e non è stato che è cattivo e illegale."

Prima di entrare a far parte di Kraken, Santori è stato Presidente e Chief Legal Officer di Blockchain.com , un importante fornitore di criptovalute, ed è noto come "Decano degli avvocati in valuta digitale" per il suo lavoro nel contenzioso e nella consulenza nel creare una nuova legge nel settore delle criptovalute.

Ad aprile, lui ha sostenuto che i tribunali, non i legislatori, saranno probabilmente quelli che realizzeranno "nuove fonti di legge" per l'industria delle criptovalute entro i prossimi due anni.

"Un mucchio di interessi fratturati"

Nel frattempo, durante la stessa discussione di domenica, il direttore della ricerca del Coin Center Peter Van Valkenburgh, ha affermato che prevenire un divieto del governo è stato più facile di quanto si pensi.

"Il governo è solo un gruppo di persone e tutti hanno i loro interessi specifici", ha dichiarato Van Valkenburgh.

Dal suo punto di vista, le persone della Securities and Exchange Commission sono per lo più interessate a proteggere gli investitori mainstream dalle azioni di penny e alcune offerte di monete iniziali, la FinCEN vuole solo assicurarsi che il denaro illecito non stia sfuggendo alla regolamentazione finanziaria della Internal Revenue Service vuole solo che gli americani paghino le tasse.

"Forse la questione delle tasse è dove le cose iniziano a scricchiolare - dove se ci fosse una diffusa evasione fiscale a causa del Bitcoin vedremmo un tono diverso, vedresti il ​​governo unificarsi sotto un unico interesse (tutti vogliono assicurarsi vengano ancora pagati come governo) ", ha aggiunto Van Valkenburgh. "Ma in questo momento, hai un sacco di interessi frazionati e non hai una minaccia esistenziale per il governo. Quindi, negli Stati Uniti non c'è stato davvero un appello molto diffuso tra nessuno al Congresso o alle agenzie per vietare questa cosa. "

Secondo Van Valkenburgh, gli Stati Uniti hanno una lunga storia non solo nell'accettare nuove tecnologie, ma anche di abbracciarle e promuoverle al punto in cui i politici vogliono prendersi il merito di questi progressi. Il direttore della ricerca del Coin Center ha sottolineato la famigerata affermazione di Al Gore (che non ha effettivamente fatto) che ha inventato Internet come prova a sostegno di questo fenomeno.

"Internet ha creato una nuova serie di potenziali vulnerabilità e problemi per la società americana, ma la nostra reazione non è stata quella di liberarcene", ha dichiarato Van Valkenburgh.

Ha aggiunto che per ogni membro del Congresso o regolatore che si fa sentire sugli aspetti negativi percepiti su Bitcoin ci sono una o due persone al governo che sono entusiaste della tecnologia e pensano che sia bella.
____

Ulteriori informazioni:
As US Seized Gold in 1933, Is There a Threat to Bitcoin in the 2020s?
This Is How G20 Might Keep Crypto And Stablecoins at Bay
India's Crypto Ban Overruled, But the Battle is Far From Over
US Congressman Wants to Outlaw Crypto, Cryptoverse Fires Back

Più Articoli