Home NewsAltcoin News

Il CEO di Facebook si contraddice nella testimonianza su Libra

Di Sead Fadilpašić
Il CEO di Facebook si contraddice nella testimonianza su Libra 101
Mark Zuckerberg. Source: a video screenshot, Youtube, CNBC Television

Le dichiarazioni di Facebook spesso, intenzionalmente o no, confondono le persone sui piani dell'azienda, o le spingono a domandarsi se l'azienda abbia piani chiari. Questa volta, parlando del token Libra, il CEO Mark Zuckerberg ha fatto dichiarazioni in qualche modo contraddittorie sulla politica monetaria, mentre anche altre dichiarazioni potrebbero confondere.

Nella sua testimonianza scritta, pubblicata prima dell'udienza davanti al Comitato dei servizi finanziari della Camera degli Stati Uniti il 23 ottobre, Zuckerberg ha fatto riferimento a un miliardo di persone in tutto il mondo e 14 milioni di loro solo negli Stati Uniti che non hanno accesso a un conto bancario, affermando che "l'attuale sistema sia fallito perché non si occupa di loro". Afferma che la società vuole mettere il potere nelle mani delle persone e che "dare alle persone il controllo del proprio denaro è importante".

Tuttavia, un po 'più tardi, nella sua testimonianza, afferma che "voglio essere chiaro: questo non è un tentativo di creare una valuta sovrana";Libra è un sistema “per le persone di trasferire denaro”, come i servizi online già esistenti. "La politica monetaria è dominio delle banche centrali, non di Libra", afferma il CEO, aggiungendo che la Libra Association non "competerà con alcuna valuta sovrana o entrerà nell'arena della politica monetaria", ma "agirà insieme alla Federal Reserve e altre banche centrali responsabili della politica monetaria per assicurarsi che sia così. Prevediamo che il quadro normativo per l'Associazione Libra garantirà che l'Associazione non possa interferire con la politica monetaria".

Quindi, sembra che il CEO stia dicendo che ciò che offre Libra è "un modo semplice, sicuro e stabile per trasferire denaro" che sarebbe "responsabilizzante" per gli utenti - il che significa che il tipo di controllo che le persone avrebbero con Libra è un aiuto per evitare le banche. Quindi non c'è ancora alcun focus su uno dei maggiori punti della politica monetaria, che è completamente controllata dai governi, dalle banche centrali di tutto il mondo.

Nel frattempo, lo scorso luglio, durante la seconda udienza del Senato, David Marcus, co-creatore di Libra e Presidente del wallet Calibra, non ha escluso che potrebbero essere applicate restrizioni all'uso di Libra, ad esempio se qualcuno venisse bandito da Facebook. Ciò può anche essere visto in contraddizione con l'affermazione di dare il controllo del denaro all'utente finale, piuttosto che all'autorità centralizzata. Al contrario, le criptovalute decentralizzate, come Bitcoin, non hanno questo tipo di autorità centralizzate.

Protezione dei consumatori e confusione sul rilascio

La protezione delle informazioni personali è stata una questione importante per Facebook per un pò di tempo, e viene spesso utilizzata come argomento contro l'azienda, in particolare per quanto riguarda Libra e il portafoglio Calibra che lo accompagna. Parlando di Calibra e delle informazioni finanziarie che Facebook riceve, Zuckerberg ha scritto nella testimonianza che "non usano i dati delle persone per prendere decisioni sui prestiti o per creare rapporti di credito" e "non condividono informazioni con terzi per prestiti o decisioni inerenti ai crediti“.

Tuttavia, la preoccupazione sembra essere che questo possa cambiare in futuro. Nell'audizione precedente, Marcus ha dichiarato che il portafoglio Calibra non condividerà i dati dei singoli clienti con l'Associazione Libra o Facebook, nonché che, al momento, non ci sono piani per avviare servizi di prestito, ma ci sono banche che potrebbero voler impegnarsi in questo. Inoltre, il capo di Calibra ha affermato che il portafoglio potrebbe offrire altri servizi finanziari qualora il progetto guadagnasse fiducia dai clienti. Ad ogni modo, questo è uno dei punti che devono essere ulteriormente spiegati dalla società.

Infine, Zuckerberg ha ribadito che "Facebook non farà parte del lancio del sistema di pagamenti di Libra in nessuna parte del mondo a meno che tutti i regolatori statunitensi non lo approvino". Questo ci ricorda il precedente gioco di parole che ha lasciato perplesse le persone, quando Marcus ha detto durante le audizioni che Libra non sarà lanciata fino a quando non saranno state ottenute le necessarie autorizzazioni normative. Non era chiaro - e non lo è neanche adesso - se intendesse "nessun lancio negli Stati Uniti" o "nessun lancio in nessun altro paese". Serve solo a dimostrare che, nel caso di un progetto così altamente monitorato, ogni parola è importante.

Nel frattempo, questa settimana, abbiamo riportato che la Russia potrebbe bloccare Facebook e Telegram se i loro token Libra e Gram "andassero fuori controllo", ma anche che l'alternativa di Facebook alla proposta Libra - una serie di stablecoin ancorate ad una valuta fiat nazionale - potrebbero essere in rotta di collisione con il progetto Venus di Binance.

Più Articoli