13 gen 2022 · 3 min read

È tempo di migliorare il sistema degli Airdrop Crypto

Airdrop Crypto
Fonte: Adobe/Jurie

 

La sfera crypto ha bisogno di affrontare la questione degli airdrop, ha concluso un nuovo rapporto - al fine di prevenire furti, garantire che i primi adottanti non siano tagliati fuori dal quadro in una fase successiva ed evitare effetti collaterali "sgradevoli".

Le affermazioni sono state fatte nell'ultimo rapporto "State of the Network" dalla società di crypto intelligence Coin Metrics, scritta da Kyle Waters e Nate Maddrey, che hanno notato che gli airdrop sono diventati "un evento regolare nella tecnologia crypto e uno standard per la distribuzione dei token". Ma, hanno avvertito, gli airdrop, nel corso di "facilitare gli esperimenti con nuovi modelli di proprietà del protocollo", affrontano una serie di sfide e hanno lasciato "spazio per miglioramenti di progettazione".

I diversi problemi relativi agli airdrop

Waters e Maddrey hanno notato il pericolo dei cosiddetti attacchi Sybil - in cui individui o piccoli gruppi fingono di essere gruppi più grandi "creando indirizzi multipli" al fine di " sfruttare" gli eventi airdrop.

Tuttavia, hanno notato che alcuni operatori hanno sperimentato modi per "soffocare" la pratica, tra cui un airdrop per un token chiamato paraswap (PSP). Durante questo evento il team Paraswap "ha progettato un airdrop che ha tentato di distribuire i token solo agli utenti più attivi" che poteva rilevare, arrivando a creare un sistema a tre livelli per il loro drop.

Hanno aggiunto che gli operatori del protocollo avevano bisogno di cambiare la prospettiva di molti destinatari di token, notando che "molti indirizzi hanno la tendenza a vendere i loro token subito dopo l'airdrop".

Questo, hanno sostenuto gli autori, ha creato la necessità di "incentivare gli utenti" a "tenere" i loro token e andare avanti per essere coinvolti nella "governance del protocollo".

I destinatari "potrebbero anche essere incentivati a inviare i token al pool di un exchange decentralizzato per fornire liquidità all'inizio", hanno suggerito, ma hanno ammesso che "innegabilmente" molti "scelgono di vendere" - il che significa che un cambiamento potrebbe essere necessario.

Hanno anche messo in dubbio la longevità degli Airdrop come strategia a lungo termine, sostenendo che "una volta che si verifica un airdrop è generalmente difficile farlo di nuovo". Nonostante alcuni operatori abbiano eseguito "airdrop multipli", una volta che una "certa quantità di token è stata distribuita", Waters e Maddrey hanno affermato, "è sgradevole emetterne di più" - in quanto una tale mossa semplicemente "diluisce" il potere di governance dei titolari esistenti.

Premiare gli utenti "all'inizio della curva di adozione" significa che "gli utenti che arrivano dopo sono necessariamente lasciati fuori" - che non è necessariamente una cosa negativa se una rapida adozione è l'obiettivo chiave.

I costi del gas sono un' altra preoccupazione, il duo ha spiegato, sottolineando che in un airdrop uniswap (UNI) del settembre 2020, " sebbene ci fossero 250.000 indirizzi [ethereum (ETH)] che erano idonei per l'airdrop, non tutti gli indirizzi hanno rivendicato i loro token.

Nel caso dei costi del gas "associati al trasferimento di token", gli autori hanno scritto, "l'onere è di solito sul destinatario di rivendicare attivamente i token" - un fattore proibitivo quando le reti sono occupate e le tariffe del gas sono alte.
_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Per saperne di più: 
- L'exchange BitMEX lancerà il token BMEX nel 2022
- IOTA sale dopo l'annuncio di rete smart contrat senza Fees
- Ethereum Name Service passa la governance alla sua comunità