Tre motivi per cui le crypto non sono crollate nonostante il fallimento di Genesis

Genesis, una delle più grandi società nel settore dei Bitcoin e delle criptovalute,  questa mattina ha annunciato la presentazione di un'istanza di fallimento Chapter 11, dopo che molti dei prestiti che aveva concesso si erano deteriorati irrimediabilmente.

La notizia era nell'aria da giorni ma in molti si aspettavano un crollo del mercato crypto nel momento dell'annuncio ufficiale, cosa che invece non è avvenuta. Abbiamo quindi provato a fornire le tre motivazioni che hanno sostenuto il mercato in un momento così delicato. Vediamole nel dettaglio.

Il crollo era già previsto

Uno dei motivi principali per cui il prezzo non ha reagito in modo significativo alla notizia del fallimento di Genesis è che il mercato l'aveva già "prezzata" come si dice nel gergo. Dopo il crollo di FTX, gli investitori hanno capito che ci sarebbero stati danni collaterali in tutto il settore e il mercato si era preparato all'eventualità.

Nel peggiore dei casi, DCG potrebbe scegliere di liquidare alcune attività del Greyscale Trust per rimborsare i suoi creditori, il che comporterebbe un'ulteriore pressione di vendita significativa, a seconda di come si procederà. 

I venditori sono esausti

Inoltre, dopo oltre un anno di brutale mercato orso, la maggior parte dei trader è completamente esausta. Ad ogni mercato ribassista i trader diventano sempre più forti e determinati e quelli che resistono per tutta la durata del mercato ribassista sono attrezzati per affrontare il futuro. 

Non solo, con l'esperienza arriva anche la convinzione, e man mano che un numero maggiore di Bitcoin viene spostato dagli exchange e dai wallet, diventa sempre più difficile affossare il prezzo del Bitcoin. Ironia della sorte, implosioni come quella di FTX incoraggiano una cultura più responsabile dell'autocustodia, che crea un mercato con fondamentali più sani nel prossimo futuro.

Il mercato si prepara all'halving di Bitcoin nel 2024

Ci sono molte ragioni per cui i mercati dovrebbero essere rialzisti. Uno di questi motivi è che l'halving di Bitcoin è previsto per il 2024, il che significa che la ricompensa dei blocchi sarà dimezzata.

Il dimezzamento della ricompensa in blocchi significa che la potenziale pressione di vendita sui minatori diminuirà sensibilmente, il che è storicamente molto positivo per il mercato del Bitcoin.

In passato l'halving ha inoltre sempre portato un aumento del valore di Bitcoin e sono in molti a credere che anche questa volta la valuta si Satoshi Nakamoto non deluderà.

Leggi Anche:

 

 

 

Segui Cryptonews Italia sui canali Social