Home News

Trezor nega i rapporti con il Venezuela dopo l'approvazione di Maduro

Di Tim Alper
Trezor nega i rapporti con il Venezuela dopo l'approvazione di Maduro 101
Source: iStock/ru3apr

SatoshiLabs, il produttore di Trezor l'hardware wallet, si è mosso per prendere le distanze da un avallo in qualche modo inaspettato da parte del presidente venezuelano Nicolás Maduro.

All'incirca al 18° minuto di uno speciale TV sulle criptovalute di un'ora, che è stato anche condiviso sulla pagina Facebook del presidente, Maduro ha incontrato i rappresentanti di una società di nome Trezorvenezuela, che hanno regalato al presidente un portafoglio hardware Trezor. Maduro rispose sollevando il dispositivo verso la fotocamera ed esprimendo la sua approvazione.

Trezor nega i rapporti con il Venezuela dopo l'approvazione di Maduro 102
Source: Screenshot from a Facebook video shared by President Maduro.

Ma la Satoshilabs ha risposto rilasciando una dichiarazione in cui si afferma di non avere rappresentanti ufficiali in Venezuela. Trezor ha preso le distanze da Trezorvenezuela - sostenendo che quest'ultimo potrebbe anche essere colpevole di violazioni del copyright.

Trezor ha scritto,

"Non siamo in alcun modo associati a quelle persone che dichiarano di essere rappresentanti ufficiali di Trezor e non approviamo né permettiamo il loro uso del nostro marchio. Stiamo esaminando attentamente questa violazione del copyright. Queste persone erano rivenditori autorizzati di Trezor sulla base di un accordo reciproco concluso nel terzo trimestre del 2018. Abbiamo rimosso questo rivenditore dall'elenco dei nostri rivenditori autorizzati a giugno 2019 a causa di inattività."

Trezor ha ammesso di aver donato 150 portafogli Trezor One ai suoi "buoni amici" nell'organizzazione Bitcoin Venezuela, ma "per quanto ne sappiamo, nessuno di questi dispositivi" era tra quelli presentati davanti al presidente Maduro.

La società ha anche dichiarato,

"Vorremmo sottolineare la nostra posizione nei confronti della situazione politica in Venezuela. Trezor e Satoshilabs non si associano a nessuna figura politica, in servizio o in pensione, in Venezuela o in qualsiasi altra regione."

Maduro guida quello che molti negli Stati Uniti hanno definito uno "stato canaglia" e il paese è stato colpito da paralizzanti sanzioni guidate dall'America - così come il token nazionale Petro.

Maduro ha tentato di vendicarsi creando una "criptoeconomia". In effetti, lo scopo principale del video in questione era mostrare i nuovi sportelli bancomat e bancomat Petro che hanno aperto in tutte e 23 le filiali statali del Banco de Venezuela - un argomento che Cryptonews.com ha trattato all'inizio di questa settimana.

I lettori possono anche ricordare che si vocifera che Maduro avrebbe ammassato enormi quantità di Bitcoin e Ethereum da accordi commerciali condotti in criptovalute - portando un utente di Twitter a fare una battuta dicendo che Maduro stia "conservando la riserva nazionale in Bitcoin all'interno di un Trezor".

Più Articoli