22 set 2021 · 4 min read

Chainalysis acquisisce dati sugli utenti BTC segretamente

Chianalysis
Fonte: Twitter/bitminster

Un documento trapelato ha mostrato che Chainalysis, una delle principali società di analisi blockchain con sede negli Stati Uniti, sta eseguendo nodi per acquisire dati e aiutare le indagini della polizia, stimolando la discussione sull'importanza di eseguire il proprio nodo Bitcoin (BTC) autonomamente.

“Questo è folle. TU[R]N YOUR OWN NODE", ha twittato l'utente Druw. L'utente LaserHodl ha inoltre affermato che "un data center inarrestabile sta emergendo nelle case dei Bitcoiner".

Si riferiscono anche all'esecuzione di nodi a casa, menzionando servizi come Umbrel e Start9, sostenendo che la crescente disponibilità di questa opzione sta sostituendo "mediatori di potere centralizzati con un ecosistema aperto di app Bitcoin", aggiungendo: "Il costo della tirannia è alle stelle. La rivoluzione decentralizzata è a portata di mano".

Queste sono solo due delle tante opinioni simili sulla questione, poiché molti Bitcoiner supportano l'idea di gestire il proprio nodo per interagire con la rete in modo più sicuro e privato, per rafforzare la rete e per essere in grado di dimostrare la proprietà dei BTC da parte del possedere.

Le persone possono eseguire nodi leggeri o completi, per cui il primo è più veloce e scarica solo i dati chiave, mentre il secondo scarica tutte le transazioni per confermarle.

Bitcoin.org afferma inoltre che ci sono molte organizzazioni e individui che si offrono volontariamente per eseguire nodi completi utilizzando risorse di elaborazione e larghezza di banda di riserva, ma che ne servono di più per consentire a Bitcoin di continuare a crescere.

Come discusso in precedenza, molti nel Cryptoverso hanno cercato di dimostrare che l'impostazione e l'esecuzione di un nodo non è così complicata come potrebbe sembrare, specialmente per i nuovi arrivati.

Al momento della scrittura, c'erano 11.540 nodi Bitcoin, per dati bitnodes.io.

La concentrazione di nodi Bitcoin nel mondo:

Nodi Bitcoin
bitnodes.io

Questo discorso sui nodi segue l'emergere di documenti segreti presumibilmente scritti da Chainalysis e presumibilmente condivisi con le forze dell'ordine italiane. Segnalato per la prima volta da CoinDesk, i documenti trapelati mostrano che la società sta eseguendo i nodi stessi in modo da raccogliere dati sugli utenti Bitcoin.

"Chainalysis esegue una serie di nodi sulla rete Bitcoin" e una volta che un utente si connette a uno di quei nodi, all'azienda viene rivelato un tesoro di informazioni, incluso l'indirizzo del protocollo Internet (IP) dell'utente, gli indirizzi utilizzati e non utilizzati dal wallet e la versione del software del wallet.

Raccoglie informazioni tramite i portafogli SPV (Simplified Payment Verification), dicendo: "I portafogli SPV ed Electrum sono stati progettati in modo che l'utente non debba memorizzare l'intera blockchain sul telefono".

Inoltre, la società ha utilizzato un explorer di wallet, giustamente chiamato Walletexplorer.com, per raccogliere gli indirizzi IP dei visitatori al fine di assistere nelle indagini della polizia. La teoria è che i cattivi attori userebbero questo esploratore per controllare le transazioni, cercando l'anonimato, senza lasciare alcuna prova sugli exchange di criptovalute.

Per i risultati dell'explorer, la società ha dichiarato che: "Utilizzando questo set di dati siamo stati in grado di fornire alle forze dell'ordine indicazioni significative relative ai dati IP associati a un indirizzo di criptovaluta pertinente". Inoltre, è possibile eseguire una ricerca inversa su qualsiasi indirizzo IP noto per identificare altri indirizzi BTC, nonché raccogliere dati da "indirizzo che deve ancora transitare nella Blockchain", se il sospetto controlla il proprio indirizzo, ha affermato la società.

L'explorer stesso non afferma esplicitamente di essere affiliato a Chainalysis, anche se la parte inferiore del sito Web menziona l'azienda come uno "strumento ancora migliore" "per tracciare bitcoin", così come l'"autore dell'explorer [ …] ora lavora [in Chainalysis] come analista e programmatore” – suggerendo che il sito è stato creato prima che l'azienda entrasse in scena.

L'"autore" citato è Aleš Janda, che è entrato a far parte dell'azienda alla fine del 2015 secondo LinkedIn, mentre il nome di dominio dell'explorer è stato registrato nel gennaio 2014. Il contatto nella pagina delle domande frequenti dell'explorer è ancora Janda. Il suo nome è stato rimosso dalla home page, dove una volta si trovava anche per uno snapshot di Wayback Machine.

Come per altri popolari progetti sulla privacy, il documento contiene anche sezioni sul monitoraggio delle transazioni del wallet Monero (XMR) e Wasabi.

Non è ancora noto, tuttavia, quando il documento è stato creato o presentato.

Cryptonews.com ha contattato Chainalysis per un commento.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Scopri di più:
- Ways And Benefits Of Running Your Own Bitcoin Node 
- Running Your Own Bitcoin, Ethereum, or Lightning Network Node 

- Le "personi comuni" punzecchiate da Musk inviano foto prova dei nodi Bitcoin
- Chainalysis valuatata 2 miliardi di dollari: gli investitori vedono la domanda per intelligence cripto

- In che modo Taproot potrebbe influenzare la competitività per Bitcoin
- Taproot, CoinSwap, Mercury Wallet, and the State of Bitcoin Privacy in 2021