Home NewsBitcoin News

Le vittime dell'hack di Twitter affrontano nuove minacce alla violazione dei dati personali

Di Jarosław Adamowski
Le vittime dell'hack di Twitter affrontano nuove minacce alla violazione dei dati personali 101
Fonte: Adobe/natanaelginting

Gli aggressori, che hanno raccolto 13,14 bitcoin (BTC) – del valore di circa 120,000 dollari – il 15 luglio, dal più grande hack di Twitter della storia, si ritiene che abbiano avuto accesso alle caselle di messaggi diretti di 36 utenti, incluso un funzionario olandese eletto, e scaricato "i tuoi dati Twitter" da otto account.

La società non ha rivelato chi sono i proprietari di questi account.

Mentre la piattaforma ha sottolineato che le sue scoperte iniziali sulla portata della violazione non sono state ancora completamente verificate, lo sviluppo non è di buon auspicio per le vittime di alto profilo dell'hacking. Questi includono l'ex presidente americano Barack Obama, candidato al Partito Democratico per la presidenza Joe Biden, il CEO di Tesla Elon Musk, il fondatore di Microsoft Bill Gates, il miliardario ed ex sindaco di New York Michael Bloomberg, il famoso investitore Warren Buffet e il rapper Kanye West, nonché account appartenenti a Apple , Uber e CashApp .

Le ripercussioni dell'hack potrebbero andare ben oltre la quantità relativamente piccola di bitcoin che gli attaccanti apparentemente hanno raccolto dalle loro 400 vittime della truffa. Come precedentemente riportato da Cryptonews.com , i dati e le comunicazioni ottenuti illegalmente potrebbero essere utilizzati per ricattare influencer e celebrità - ed estorcere loro quantità di denaro molto maggiori in cambio del non divulgare i dati rubati dai loro account Twitter.

Nel frattempo, la società di analisi blockchain Elliptic ha pubblicato le loro scoperte più recenti su cosa sia successo al bitcoin ricevuti dagli aggressori.

"Ciò che è chiaro è che i fondi sono stati suddivisi in importi inferiori e passati attraverso centinaia di nuovi portafogli. Questa è una tattica che comunemente vediamo usata da coloro che cercano di riciclare i proventi del crimine: scissione e combinazione di fondi con altri bitcoin più legittimi al fine di nascondere il collegamento alla loro fonte illecita. La maggior parte dei fondi degli hacker (circa il 60%) è ora collocata in 37 indirizzi bitcoin di nuova creazione", ha affermato la società.

Ha aggiunto che circa il 15% dei bitcoin sia stato miscelato con altri fondi, utilizzando i servizi di ChipMixer e Wasabi Wallet.

"I mixer bitcoin raggruppano fondi provenienti da diverse fonti, rendendo difficile se non impossibile tracciare ulteriormente i bitcoin. Questa è un'altra tecnica comune usata per il riciclaggio dei proventi di crimini in bitcoin", ha detto Elliptic.

Analizzando il flusso di cripto rubate, un'altra società di analisi blockchain Chainalysis ha affermato di essere in grado di identificare gli account molto probabilmente utilizzati dagli hacker come parte della truffa.

In un blog post, la società ha scritto:

“Non tutti i fondi in 13.14 BTC provengono da vittime. Circa 20.000 USD del totale provengono da un indirizzo sospetto che riteniamo appartenga agli stessi hacker. Questa è una tecnica comune utilizzata dai truffatori per far sembrare che più persone abbiano inviato denaro alla truffa e creare fiducia con le potenziali vittime che esaminano l'indirizzo della truffa utilizzando un esploratore blockchain."

Chainalysis ha concluso che “dei circa 21 depositati depositati presso l'indirizzo di riscossione della truffa nel corso della vita di quel portafoglio, a partire dalle ore 16:30 del 22 luglio 2020, circa 9 siano parcheggiati in 23 portafogli, 8 sono stati inviati a servizi di miscelazione come Wasabi Wallet e 4 inviati ad altre entità. "
__

Prezzo delle azioni Twitter

Le vittime dell'hack di Twitter affrontano nuove minacce alla violazione dei dati personali 102
Fonte: uno screenshot, markets.businessinsider.com

Più Articoli