Home NewsBitcoin News

Il Regno Unito introduce nuove regole fiscali sulle criptovalute, dice che il Bitcoin non è denaro

Di Tim Alper
Il Regno Unito introduce nuove regole fiscali sulle criptovalute, dice che il Bitcoin non è... 101
Source: iStock/Cylonphoto

Il governo britannico ha aggiornato le sue regole fiscali sulle criptovalute, aggiungendo clausole per le aziende che lavorano con le cripto. Inoltre, hanno sottolineato che non considerano Bitcoin e altri token digitali come denaro.

La UK tax agency, la HMRC (HM Revenue and Customs) ha già rilasciato una serie di linee guida per i privati, che ha anche leggermente modificato venerdì della scorsa settimana.

Ma secondo l'ultimo documento, le aziende saranno obbligate a dichiarare le azioni commerciali relative alle criptovalute sulle dichiarazioni dei redditi delle loro società e potrebbero essere tenute a pagare le seguenti tasse sulle loro transazioni di cripto:

  • Imposta sugli utili di capitale
  • Imposta sulle società
  • Imposta sul reddito
  • Contributi sociali
  • Bolli
  • IVA

L'ente fiscale richiede inoltre che le società effettuino i propri calcoli sul valore delle transazioni cripto in GBP e includano una spiegazione della metodologia utilizzata per effettuare tali calcoli.

Nel documento, l'ente fiscale aggiunge che generalmente non considera le criptovalute come valute o "titoli azionari o negoziabili".

Sembra che questo fattore abbia un significato particolare nel modo in cui l'autorità fiscale considera i prestiti basati su criptovaluta.

In effetti, sembrerebbe che la HMRC voglia rimanere ben al di fuori dei prestiti che coinvolgono criptovalute.

Il documento delinea,

“La HMRC non considera i token di scambio [Bitcoin e principali altcoin] come denaro. Inoltre, in genere non esiste alcuna controparte dietro il token e, in quanto tale, non sembra che il token costituisca un debito. Ciò significa che i token di scambio non creano una relazione di prestito.”

Aggiunge anche una condizione secondo cui le aziende che scelgono di pagare il personale in criptovalute debbano farlo in base alla regola dei "benefici in natura", il che significa che l'imposta sul reddito e l'assicurazione sanitaria nazionale sarebbero entrambe pagabili come se i dipendenti fossero pagati in GBP.

Anche le precedenti linee guida del documento rivolto ai privati esprimevano sentimenti simili.

Gli airdrop, nel frattempo, saranno soggetti a tassazione solo se vengono ricevuti in cambio di un servizio.

L'autorità fiscale ha aggiunto che sarebbero ancora in arrivo ulteriori sentenze, spiegando: "Il trattamento fiscale dei security token e degli utility token verrà affrontato in una guida futura".

Più Articoli