Regno Unito: coordinamento della regolamentazione crypto

Regno Unito
Fonte: AdobeStock / d_odin

 

Secondo un rappresentante senior dell'organismo di regolamentazione del Regno Unito Financial Conduct Authority (FCA), le autorità di regolamentazione internazionali dovrebbero cooperare per sviluppare un quadro normativo per le criptovalute, ma non regolamentare eccessivamente il settore e uccidere l'innovazione.

E' necessario "un nuovo approccio alla regolamentazione crypto"

David Raw, co-direttore della politica dei consumatori e della vendita al dettaglio di FCA, ha affermato che è necessario "un nuovo approccio alla regolamentazione crypto, perché penso che il settore si stia evolvendo rapidamente".

Allo stesso tempo, durante una riunione sulle criptovalute e asset digitali organizzato dal Financial Times il 27 aprile ha affermato che organismi come la FCA ha dichiarato che "non possono sviluppare regolamenti in isolamento".

Secondo il funzionario una collaborazione tra le autorità di regolamentazione del mondo è necessaria per sviluppare un approccio globale alla regolamentazione delle criptovalute, consentendo ai governi di coordinare le rispettive misure. Inoltre Raw ha affermato che la FCA non ha in programma di regolamentare eccessivamente il settore.

"Non possiamo ignorare i rischi legati alla frode e alla criminalità finanziaria, ma non possiamo regolamentare eccessivamente e attraverso un'eccessiva regolamentazione, eliminare innovazioni entusiasmanti", ha affermato.

Nel frattempo, per garantire che l'industria possa fornire il proprio contributo al lavoro in corso da parte della FCA, l'agenzia britannica ha in programma di ospitare un CryptoSprint di due giorni il 10 e 11 maggio, alla ricerca del feedback del settore su come regolamentare il mondo delle criptovalute nel Regno Unito.

La FCA ha affermato in una nota che "lavoreremo su tre affermazioni di problemi specifici per esplorare le sfide che il settore deve affrontare e fornire un'opportunità di collaborare agli sviluppi delle politiche".

Il regolatore ha aggiunto che questa è la prima volta che raccolgono opinioni dal settore in questo formato, affermando che,

"Riteniamo che questa sia un'eccellente opportunità per le organizzazioni dell'ecosistema dei servizi finanziari e non solo per lavorare con noi per aiutare a informare le politiche".

La registrazione per la partecipazione all'evento si è conclusa il 20 aprile. I tre campi di discussione saranno incentrati sulle seguenti domande, secondo la FCA:

  • "Come dovrebbero essere divulgate agli investitori le informazioni relative all'emissione di criptovalute?"
  • “Come possiamo identificare (e testare) dove dovrebbero essere collocati gli obblighi normativi sui modelli di crypto asset centralizzati e decentralizzati? Questi dovrebbero consentire alle autorità di regolamentazione di bilanciare l'acquisizione di attività rilevanti che rappresentano un rischio per i consumatori e i mercati del Regno Unito ora e con l'evoluzione del settore, consentendo comunque innovazioni vantaggiose".
  • "Quali lacune devono essere colmate nel quadro normativo di custodia esistente nel Regno Unito per la custodia di criptovalute per aiutare a proteggere i consumatori e i mercati del Regno Unito?"

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- Plan to Become a ‘Cryptoassets hub’ May Just Be the UK Government Hedging Its Bets
- UK, US, India, Singapore See More Crypto Regulations
- UK pronto ad annunciare regolamenti favorevoli alle crypto
- UK Ad Regulator Sends 'Enforcement Notice' to Crypto Promoters
- The More UK & US Crypto Traders Know, The More They Risk - Survey
- ‘New Blow’ as Large Crypto Exchanges Are Told to Pay British Tech Tax