Una lunga interruzione del servizio blocca il trading su Coinbase

Laura Di Maria
| 3 min read

Coinbase ha dovuto gestire un’interruzione del servizio che si è protratta nelle ultime quattro ore circa. Gli utenti, nel frattempo non hanno potuto accedere al loro account o effettuare le operazioni di trading crypto.

Un’improvvisa interruzione del servizio rende inaccessibile Coinbase


Coinbase, uno dei principali exchange di criptovalute negli Stati Uniti, ha dovuto affrontare una grave “interruzione” che ha reso i suoi servizi inaccessibili agli utenti sia su desktop che su dispositivi mobili. La notizia è stata confermata anche con un’annuncio sulla pagina di stato del sito.

L’exchange ha annunciato ufficialmente l’interruzione sulla sua pagina di assistenza clienti su X. Qui il team ha avvisato gli utenti di una “grave interruzione” che è iniziata alle 2:15 ora italiana di oggi, 14 maggio.

Durante questo intervallo di tempo è stato impossibile tentare di visitare il sito ufficiale di Coinbase. Fino a pochi minuti fa la schermata visibile accedendo al sito era un messaggio di errore “503 Servizio temporaneamente non disponibile”.

Il servizio clienti ha informato gli utenti con un messaggio che recitava:

“Coinbase sta riscontrando un’interruzione a livello di sistema. Stiamo indagando su questo problema. I tuoi soldi sono al sicuro.”

Coinbase potrebbe essere alle prese con un sovraccarico


Secondo una guida per sviluppatori di Mozilla, questo messaggio di errore indica di solito che i server sono in manutenzione o soggetti a sovraccarico.

Il supporto di Coinbase si è rivolto ai social media per ammettere e comunicare il problema. Ha usato questi canali per assicurare gli utenti sul tempestivo intervento dei tecnici che stavano indagando attivamente e lavorando per una soluzione. Soluzione che di fatto è arrivata pochi minuti fa, come comunicato con un altro post sulla pagina ufficiale dell’assistenza clienti di Coinbase su X.

Il team ha ribadito che i soldi degli utenti sono stati sempre al sicuro nonostante l’interruzione del servizio.

Non è la prima volta che Coinbase affronta interruzioni temporanee


Il 28 febbraio, insieme ad altri exchange, Coinbase ha subito interruzioni del servizio a causa di un aumento dell’attività di trading di criptovalute.

Sebbene tali interruzioni siano di certo frustranti per gli utenti, alcuni membri della community delle criptovalute utilizzano questi incidenti per alimentare una aspettativa rialzista. In pratica suggeriscono che l’attività intensificata che causa la pausa di inattività alla fine beneficia il prezzo di mercato.

La durata dell’interruzione si sia limitata a poche ore e la causa sottostante non siano state specificate da Coinbase. Eppure ora ci si aspetta che l’azienda fornisca informazioni dettagliate su quanto successo dopo aver risolto il problema e ripristinato la piena funzionalità della piattaforma.

KBW aumenta l’obiettivo di prezzo di Coinbase a $230


Il mese scorso, la società di investment banking KBW ha speso parole di supporto e incoraggiamento verso Coinbase. Ha quindi suggerito agli investitori di includere i titoli dell’azienda per godere di un’opportunità unica e sfruttare il potenziale di crescita a lungo termine dell’economia delle criptovalute. Per giustificare il proprio ottimismo ha spiegato di aver aumentato il suo obiettivo di prezzo per COIN a $230.

In un’analisi di mercato, KBW ha aumentato l’obiettivo di prezzo di Coinbase da $160 a $230 mantenendo la sua valutazione di performance di mercato.

Nel frattempo, Coinbase sta anche affrontando la propria dose di problemi sul piano legale.

Il mese scorso, la giudice Katherine Polk Failla del Tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto meridionale di New York ha stabilito che la causa della SEC contro Coinbase può procedere.

La decisione della giudice è arrivata dopo che Coinbase ha presentato una mozione per respingere le accuse della SEC, che orbitano intorno al fatto che l’exchange opera in qualità di borsa valori, un broker e un ente di compensazione non registrati.

Nella sua sentenza, il giudice Failla ha dichiarato che la causa della SEC contro Coinbase aveva basi “plausibili”. Infatti, si legge nel documento del tribunale:

“La Corte ritiene che la SEC abbia presentato in modo sufficiente il fatto che Coinbase opera come una borsa valori, come un broker e come un ente di compensazione ai sensi delle leggi federali sulla sicurezza e, attraverso il suo programma di staking, si impegna nella vendita e offerta non registrata di titoli.”

Dopo le vicende giudiziarie che interessano l’exchange, Kathryn Haun, ex assistente procuratore degli Stati Uniti e partner di Andreesen-Horowitz, si è dimessa dal consiglio di Coinbase.

Leggi anche: