07 maggio 2021 · 4 min read

UNI superato dai concorrenti dopo il lancio della terza versione di Uniswap

Il token nativo dell'importante exchange decentralizzato Uniswap (UNI) è stato superato ieri dai suoi concorrenti dopo aver lanciato la sua tanto attesa terza versione (v3).

uniswap uni v3

Fonte: Adobe / Yury

Alle 7:49 UTC, UNI è sceso del 3% in una settimana, scambiando a 41,5 USD. In quanto tale, ha il settimo calo più alto (secondo Coingecko) nelle 24 ore tra i suoi coetanei, preceduto dal 7% di pancakeswap (CAKE).

Molti dei suoi concorrenti stanno registrando forti aumenti in questo periodo, guidati dal 32% di 1INCH. Il token Blackpearl (BPLC) lo segue con il 28% e anche altri token di exchange decentralizzati popolari sono verdi, come SUSHI (7%), CRV (5%), 0x (5%) e molti altri.

La nuova versione di Uniswap offre un'efficienza "senza precedenti"

Secondo Uniswap che è basato su Ethereum, la loro nuova versione offre un'efficienza del capitale "senza precedenti" per i fornitori di liquidità (LP), una migliore esecuzione per i trader e un'infrastruttura "superiore" per la DeFi.

Secondo il loro post sul blog, Uniswap v1 è stato lanciato a novembre 2018 come "proof of concept" per i market maker automatizzati (AMM). Un tipo di exchange in cui chiunque può mettere insieme risorse in strategie di market making condivise, seguito da v2 a maggio 2020. Questa versione ha consentito un volume di trading di oltre 135 miliardi di dollari in meno di un anno, hanno affermato.

Il lancio di v3 della mainnet Layer 1 (L1) Ethereum è ora disponibile, con quello del Layer 2 (L2) su Optimism "pronto a seguire". L1 è il protocollo di base (ad esempio, la blockchain di Ethereum), mentre L2 è qualsiasi protocollo costruito sopra di essa.

Secondo l'annuncio, Uniswap v3 introduce:

  • liquidità concentrata, che consente ai liquidity provider (LP) di concentrare il proprio capitale entro fasce di prezzo personalizzate, inteso a fornire quantità maggiori di liquidità ai prezzi desiderati;
  • liquidità non fungibile - le posizioni di liquidità non sono più fungibili e non sono rappresentate come token ERC20 nel protocollo principale, quindi le posizioni LP saranno rappresentate da token non fungibili (NFT);
  • efficienza del capitale, che consente al capitale risparmiato di essere detenuto esternamente, investito in diverse attività, depositato altrove nella DeFi o utilizzato per aumentare l'esposizione all'interno della fascia di prezzo specificata per guadagnare più commissioni di negoziazione;
  • ordini di intervallo: una nuova funzione per completare gli ordini di mercato, che consente agli LP di depositare un singolo token in una fascia di prezzo personalizzata sopra o sotto il prezzo corrente;
  • tre livelli di commissioni per coppia: 0,05%, 0,30% e 1%;
  • oracle avanzati.

Il fondatore di Uniswap Hayden Adams ha notato ulteriori dettagli relativi alle posizioni di LP che ora sono NFT, così come le possibilità che devono ancora venire.

La licenza Uniswap v3 limita l'uso del codice sorgente v3 in un ambiente commerciale o di produzione per un massimo di due anni.

Il protocollo v2 rimarrà funzionale

Il protocollo Uniswap v2 rimarrà funzionale e disponibile per l'uso finché esisterà la rete Ethereum, si afferma nelle FAQ. Il team si aspetta che i vantaggi della v3 attirino la maggior parte della liquidità e del volume di trading dalla v2. Pertanto, la migrazione della liquidità v2 non è necessaria.

Il CEO di ShapeShift Erik Voorhees ha già annunciato che la v3 è integrata nella piattaforma per il trading decentralizzato (DEX), così come l'aggregatore di liquidità 0x e l'interfaccia di investimento per la DeFi Zerion.

Nel frattempo, Martin Köppelmann, co-fondatore e CEO di Gnosis, ha affermato che la nuova versione offre un maggiore controllo sugli usi, mentre George, cofondatore di Step Finance, ha dichiarato che porterà a un uso più efficiente del capitale. Secondo Hisham Khan, CEO di Cryptocurrencies.AI, sostenendo che questo è un aggiornamento per i DEX in generale, probabilmente alimenterà l'ascesa dell'adozione dei DEX.

Il co-fondatore di Framework Ventures Vance Spencer ha definito questo lancio l'inizio "dell'era paleozoica dell'efficienza del capitale DeFi", riferendosi a un periodo della storia della Terra segnato da enormi cambiamenti.

Ma potrebbero esserci anche delle sfide da affrontare.

"Sebbene sia uno sviluppo entusiasmante per lo spazio DeFi, sarà interessante vedere come saranno gli aggiornamenti dell'interfaccia utente di Uniswap v3 e come affrontano la potenziale sfida per quanto riguarda la complessità dell'aggiornamento", ha affermato Blake Ho, Chief Operating Officer dell'aggregatore DeFi Furucombo.

Cosa ne pensano gli altri

Uniswap v3 porterà inevitabilmente a una divergenza di mercato, secondo Kadan Stadelmann, Chief Technology Officer di Komodo (KMD). "I cambiamenti sembrano rendere le cose più difficili per il fornitore medio di liquidità di Uniswap ma più facile per i market maker professionisti. Altri DEX adotteranno un modello simile per diventare più simili a Uniswap v3, o sceglieranno di restare con i loro modelli esistenti? Questo è quello che molte persone si chiedono in questo momento."

Inoltre, alcuni commentatori, come il managing partner di Dragonfly Capital Haseeb Qureshi, affermano che la v3 sembra essere più costosa rispetto alla v2. D'altra parte, Georgios Konstantopoulos, partner di ricerca presso la società di investimenti di criptovalute Paradigm, ha affermato che implementare un nuovo pool è costoso e che "se ti lamenti dei costi del gas per l'implementazione di un pool v3, non ce la potrai fare".

Nel frattempo, ci sono alcuni che lodano l'interfaccia del concorrente SUSHI, suggerendo che Uniswap sia obsoleto in confronto.

___

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT

 

Per saperne di più:
- Decentralized Exchanges Set To Accelerate in 2021
- 'DeFi Will Eat JPMorgan' But There Are Risks Before That Meal
- Coinbase Says It Aims to Improve Customer Service, Integration with Pro