02 Jun 2022 · 4 min read

Operatore Upbit si distanzia dall'investimento Terra-LUNAC

Terra
Fonte: Adobe/tostphoto

 

Dunamu, l'operatore di Upbit, il più grande exchange crypto della Corea del Sud, ha preso le distanze dai collegamenti con Terra di Terraform Labs (in precedenza LUNA, ora - LUNAC) – respingendo l'idea che il suo management "potrebbe aver investito direttamente" nella rete Terra, ed etichettare i rapporti come "chiaramente falsi". Sebbene i rapporti precedenti avessero affermato che una filiale di Dunamu aveva investito una grossa fetta del suo capitale di fondazione in token LUNAC, solo per vendere le monete nel febbraio dello scorso anno, l'azienda ha dichiarato di non aver liquidato le monete in contanti, ma di averle invece scambiate con bitcoin (BTC).

In un avviso ufficiale sul suo sito Web, Dunamu ha affermato di detenere ancora tutti i BTC ottenuti nella negoziazione del 2021. Come riportato la scorsa settimana, i media sudcoreani hanno notato che Dunamu ha fondato una società chiamata Dunamu & Partners nel marzo 2018. Un mese dopo, questa nuova società ha acquistato 20 milioni di token LUNAC (ex LUNA), pagando circa 0,12 USD per moneta.

Song Chi-hyung, che è anche fondatore e presidente di Dunamu, è stato indicato come direttore esecutivo nei documenti ufficiali di Dunamu & Partners. Anche Kim Hyeong-nyeon, vicepresidente di Dunamu, è stato registrato come direttore esecutivo.

Song e Kim si sono dimessi da questi ruoli poco dopo la fondazione della filiale.

Dunamu ha affermato, tuttavia, che né Dunamu né il suo team di gestione erano "coinvolti o esercitavano alcuna influenza" sulla decisione di Dunamu & Partners di prendere una decisione di investimento LUNAC, ma sono stati "solo" informati dell'investimento attraverso un rapporto di investimento.

L'azienda ha scritto:

“Il management di Dunamu e i singoli principali azionisti non hanno mai investito in Luna. I media riferiscono che il core management di Dunamu investito direttamente in Luna è chiaramente falso".

L'azienda ha minacciato azioni legali contro "media e altre parti" che "diffondono false informazioni". Alcuni avevano messo in dubbio la mossa, sottolineando il fatto che il supporto per LUNAC tramite accoppiamenti BTC è iniziato su Upbit a luglio 2019.

Operatore di Upbit afferma di aver scambiato Terra per Bitcoin

La società ha spiegato che la decisione di listare LUNAC non è stata del tutto sua, ed è avvenuta a causa del sistema di condivisione dell' order book di Upbit con l'exchange di criptovalute Bittrex.

L'azienda ha scritto che "Bittrex ha iniziato a supportare il trading di Luna sul mercato BTC il 26 luglio 2019. A quel tempo, il mercato Upbit BTC operava condividendo l'order book con Bittrex e anche gli asset digitali supportati da Bittrex erano supportati da Upbit, a meno che non ci fosse uno speciale motivo di non listare".

Dunamu ha inoltre aggiunto che "non è stato coinvolto nella decisione di investimento" e ha affermato che la rete Terra aveva anche ricevuto il sostegno di Coinbase e Pantera Capital.

La società ha dichiarato che "Dunamu & Partners continua a detenere bitcoin che sono stati scambiati con Luna fino ad oggi e non ha mai realizzato profitti, come convertirli in contanti".

"Inoltre, anche lo scambio tra LUNAC e BTC avviene circa un anno e tre mesi fa. Questo è un periodo di tempo significativo prima del recente crollo dei prezzi. Se Dunamu & Partners intendesse realizzare grandi profitti attraverso LUNAC, non ci sarebbe alcun motivo per scambiare le monete con bitcoin", hanno aggiunto.

La società ha inoltre rivelato i dettagli e la cronologia delle transazioni di quattro indirizzi BTC, ciascuno dei quali detiene attualmente circa 520 BTC (16 milioni di USD). (Indirizzo 1, indirizzo 2, indirizzo 3, indirizzo 4). La società ha fornito prove del fatto che questi indirizzi erano i destinatari dei BTC ricevuti dall'operazione del 2021.

Inoltre, questa settimana ha portato notizie decisamente contrastanti per Dunamu. Shina Ilbo ha riferito che i profitti dell'operatore Upbit sono crollati di quasi il 47% nel primo trimestre dell'anno finanziario rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso. Anche le vendite sono diminuite di quasi il 29% nello stesso periodo.

Sembra che la società, che è stata recentemente classificata come un conglomerato dal principale regolatore finanziario della nazione, stia diversificando le sue attività oltre a criptovalute e blockchain.

Fn News ha riferito che Dunamu sta "considerando un piano" che la vedrebbe entrare a far parte di un gruppo di società che sta attualmente tentando di acquistare un immobile di prim'ordine a Seoul. Il rapporto osserva che si ritiene che l'azienda sia desiderosa di diventare un "investitore principale" in un fondo che spera di acquisire l'A+ Asset Tower, un blocco di uffici nell'esclusivo distretto di Seocho di Seoul. La transazione dovrebbe "chiudersi a giugno".
___

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- Emerge una misteriosa azienda che lavorava su Terra
- Exchange crypto cercano di evitare incidenti simili a LUNA
- Crollo LUNA e UST: Universo crypto riflette su asset Ponzi
- Sostenitori di Terra rompono il silenzio