25 mag 2022 · 4 min read

Operatore di Upbit sotto esame sulla vendita di LUNA

 

Fonte: AdobeStock / Koshiro

Gli exchange di criptovalute sudcoreani sono ora in prima linea, poiché le conseguenze del crollo di Terra (LUNA) continuano a seminare caos nell'industria crypto.

Dunamu, l'operatore dell'exchange Upbit, ha smentito le notizie secondo cui avrebbe scaricato ingenti somme di LUNA per evitare imminenti cali di prezzo come "infondate", ma vengono poste domande su come e perché un'allora nuova affiliata di Dunamu ha fatto un grande investimento nel moneta, solo per vendere la sua intera scorta nel febbraio 2021.

Dunamu sotto esame sulla vendita di LUNA da 103 milioni USD da parte di un'affiliata

Il Digital Times ha riferito che Dunamu ha fondato una società denominata Dunamu & Partners nel marzo 2018 e ha acquistato 20 milioni di token LUNA "a scopo di investimento" il 20 aprile 2018, pagando circa 0,12 USD per moneta. Al momento del lancio di Dunamu & Partners, Song Chi-hyung (fondatore e presidente di Dunamu) e Kim Hyeong-nyeon (Vicepresidente di Dunamu) erano registrati come direttori esecutivi, ha aggiunto il media, producendo prove documentali dei registri dell'azienda a sostegno della sua affermazioni. Il duo sembra essersi dimesso poco prima dell'acquisto di LUNA.

Il 19 febbraio dello scorso anno, le registrazioni mostrano che Dunamu & Partners ha venduto tutte le sue partecipazioni LUNA, realizzando circa 103 milioni di dollari di profitto.

Dunamu ha dichiarato:

“Il presidente Song e il vicepresidente Kim sono stati brevemente direttori subito dopo la costituzione di Dunamu & Partners e non sono stati coinvolti nell'investimento LUNA. Dunamu & Partners ha ceduto le sue partecipazioni in LUNA circa un anno e tre mesi fa e l'affermazione che Dunamu & Partners abbia venduto tutte le monete LUNA per evitare il recente calo dei prezzi è infondata".

Indipendentemente da ciò, nonostante le affermazioni di Dunamu secondo cui Upbit e Dunamu & Partners sono entità completamente diverse, il media ha riferito che le domande sull'"insider trading" sono rimaste.

Upbit ha aggiunto il supporto per LUNA tramite il mercato di bitcoin (BTC) il 26 luglio 2019.

L'entità dell'investimento ha sollevato delle perplessità: il media ha affermato che Dunamu & Partners aveva speso due terzi del capitale con cui è stata fondata l'azienda per l'acquisto di LUNA.

Nel frattempo, gli exchange stanno combattendo gli incendi sulla loro risposta all'incidente di LUNA e sull'incapacità di agire più rapidamente e in modo più coordinato. Ieri gli exchange hanno affrontato un'indagine a tappeto di parlamentari e regolatori. Alcuni exchange hanno effettuato il delisting di LUNA all'inizio di maggio, ma altri devono ancora farlo completamente, un fatto che ha portato a una massiccia ondata di attività speculativa sulle piattaforme di trading.

Il Korea Herald ha riferito che l'exchange Korbit, che non interromperà completamente il supporto di LUNA fino all'inizio di giugno, ha dichiarato che prevede di utilizzare le fees di transazione da tutte le operazioni relative a LUNA pubblicate dopo il 10 maggio, data in cui ha etichettato il token come uno su cui “investire con cautela” per “progetti di tutela dei clienti”. Le fees di transazione in questo periodo sarebbero probabilmente ben superiori a 10.000 USD.

La società ha affermato:

"Il denaro verrà utilizzato per supportare i clienti che hanno subito perdite a causa di errori di deposito di criptovalute e truffe di phishing".

I cinque più grandi exchange della nazione sono apparsi davanti ai parlamentari in un'audizione speciale. Chosun ha citato il CEO di Gopax, Lee Jun-haeng, affermando che il suo "cuore fa male" quando "pensa alle vittime" e si è impegnato a "aggiornare" il "sistema di allerta del mercato" del suo exchange al livello di fornitori di titoli in futuro .”

In precedenza, Cryptonews.com ha riferito che il servizio di vigilanza finanziaria di regolamentazione ha avviato un'indagine sui partner di Terraform Labs, a cominciare dalla società fintech Chai.

Nel frattempo, il CEO e co-fondatore di Terraform, Do Kwon, sembra aver vinto un alleato chiave nel suo tentativo di tornare. Il suo piano prevede il rilancio della blockchain e il debutto di un nuovo token nativo (che si chiamerà anche luna – con la “vecchia” moneta da ribattezzare terra classic).

L'exchange di criptovalute HitBTC ha annunciato che inizierà a consentire scambi nella nuova moneta a partire dal 27 maggio e collegato al piano di rinascita di Kwon, che propone di creare "una nuova catena Terra senza una stablecoin algoritmica".

____ 

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- Corea del Sud: ispezione delle società collegate a Terraform
- Crollo LUNA: Arriva regolamentazione crypto in Corea del Sud
- South Korean Government, Prosecution Turn up the Heat on Do Kwon and Terraform
- South Korean LUNA Buying Skyrockets, Token Trading at Huge Premium on Domestic Exchanges
- Il "Piano di rilancio 2" di Terra sta per essere confermato
- LUNA si impenna grazie ai 273 milioni di token bruciati