L'inattività della Fed statunitense può portare Bitcoin sulla luna, ma è possibile un impatto negativo

La Federal Reserve (Fed) degli Stati Uniti concluderà oggi la sua riunione di due giorni, che terminerà con la conferenza stampa del presidente Jerome Powell - e mentre molti si aspettano una mancanza d'azione, gli addetti ai lavori dell'universo cripto vedono questo come un potenziale carburante per il razzo che porterà bitcoin (BTC) e altre criptovalute sulla luna. Tuttavia, l'esito della riunione potrebbe anche portare BTC a testare nuovamente i livelli più bassi. Ad ogni modo, sembra che la Fed, in un modo o nell'altro, avrà un impatto sui mercati delle criptovalute.

Fonte: Adobe/Xiongmao

Mati Greenspan, fondatore di Quantum Economics, ha affermato che "sembrerebbe che l'inazione dei funzionari della banca centrale potrebbe benissimo portare bitcoin e altre criptovalute direttamente sulla luna".

Questo arriva dopo che il miliardario degli hedge fund Paul Tudor Jones ha detto che avrebbe tenuto d'occhio ciò che la Fed fa oggi e se continua a parlare di inflazione e non riesce ad agire, sarà " il via libera a scommettere pesantemente su ogni operazione di inflazione ."

Greenspan ha inoltre osservato che Jones "ha preso in giro" il famoso gruppo subreddit WallStreetBets "suggerendo che le materie prime sarebbero un investimento killer se la Fed permettesse all'inflazione di dilagare".

L'inerzia della Fed

Molti analisti stimano che è improbabile che la Fed intraprenda azioni politiche, ma è probabile che segnali quali potrebbe (pensare) di intraprendere. Rilascerà le sue previsioni economiche trimestrali, mentre potrebbe aumentare le sue previsioni di inflazione e prevedere un aumento iniziale dei tassi nel 2023, secondo CNBC. Le previsioni di inflazione per il 2023 sono le più seguite, perché la Fed si aspetterebbe di aumentare i tassi di interesse se l'inflazione persiste.

Inoltre, gli economisti di JPMorgan si aspettano che diversi funzionari della Fed cambino posizione e sostengano un aumento del 2023, mentre gli strateghi della Bank of America non si aspettano un accordo su un aumento del 2023.

Tutto questo perché l'indice dei prezzi alla produzione (PPI), che misura i prezzi medi dei beni e servizi prodotti è aumentato del 6,6% durante il periodo di 12 mesi terminato a maggio. Ma alcuni, come Kyle Bass, il fondatore di Hayman Capital, hanno affermato che il tasso di inflazione effettivo in questo momento è probabilmente intorno al 12%.

L'incontro porterebbe quindi a una decisione sull'opportunità (e come) avviare un necessario cambiamento di politica, che contrasta con il quadro adottato di recente dalla banca centrale, per guidare e segnalare le intenzioni di politica monetaria, secondo Mohamed El-Erian, consulente economico presso Allianz e presidente del Queens' College dell'Università di Cambridge.

Ma a meno che la Fed non segnali nei prossimi mesi che accelererà la sua funzione di reazione, "aumenterebbe il rischio che questo [incontro] possa finire per essere la calma prima della tempesta, invece delle solide fondamenta per una crescita elevata, durevole, inclusiva e sostenibile, necessaria per uscire da una tragica pandemia", ha affermato l'economista.

Ciò che è improbabile che accada, a suo avviso, è che la Fed "riduca l'esposizione a una posizione  più rischiosa andando avanti con una svolta parziale alla luce delle mutate circostanze, mantenendo così aperte le proprie opzioni e bilanciando meglio il rischio" - invece, "molto probabilmente sarà al di sotto di ciò che è richiesto e rischierà di esacerbare le sfide che essa - e l'economia - devono affrontare nel lungo termine".

Mentre le proiezioni della Fed (e di altri) prevedevano una ripresa economica più lenta e un'inflazione limitata, ciò che stiamo vedendo ora, afferma El-Erian, è "una prospettiva di inflazione costantemente molto più calda e, con ciò, la necessità di una tempistica accelerata". D'altra parte, il quadro politico del 2019, che comprende un passaggio da azioni politiche basate sulle previsioni a quelle basate sui risultati, avrebbe fornito alla Fed "una base per un percorso di discesa pluriennale garantito per una transizione politica molto lenta e ordinata".

El-Erian ha concluso che la transizione politica sarà probabilmente ritardata ulteriormente e più a lungo la Fed ritarda "maggiore è la minaccia che la politica sarà costretta a frenare lungo la strada".

Secondo lui, aumenterebbe il rischio di una recessione economica che di instabilità dei mercati finanziari, minerebbe il benessere economico e sociale, complicherebbe le riforme economiche e creerebbe effetti di ricaduta negativi per altri paesi, specialmente nei paesi in via di sviluppo.

Ripetendo che "l'inflazione sarà transitoria/temporanea" e che "non stanno pensando di aumentare i tassi", la Fed ha reso molto difficile per se stessa agire in modo rapido ed efficace, ha affermato Greenspan, mentre qualsiasi discorso sull'aumento dei tassi a questo punto, per contrastare l'inflazione, "avrebbe certamente spaventato i mercati".

Una barriera ad un "crollo totale del mercato" ora, ha aggiunto, è "l'errata logica circolare".  I mercati sono calmi al momento perché stanno scommettendo che i funzionari della Fed preferirebbero raddoppiare le loro dichiarazioni precedenti, piuttosto che cambiare rotta e aumentare improvvisamente i tassi di interesse.

Fed aggressiva e accomodante

In caso di una Fed aggressiva, ha affermato Greenspan, le azioni potrebbero soffrire se le principali parti interessate mostrassero preoccupazione per l'inflazione e per i discorsi sull'aumento dei tassi di interesse, mentre per le criptovalute il possibile effetto è "meno chiaro".

Dopo il pullback vicino al 50% del mese scorso, gli asset digitali non sono "quasi sopravvalutate" attualmente come lo è il mercato azionario, ha affermato, e in particolare bitcoin è visto come una copertura contro la stampa di denaro da parte della Fed e la conseguente inflazione. Greenspan ha concluso che,

"se la Fed fa crollare il mercato, c'è una reale possibilità che bitcoin, e forse altre criptovalute, possano essere visti come rifugi sicuri".

Nel frattempo, QCP Capital ha sostenuto che se oggi la Fed è aggressiva, "allora tutte le scommesse sono annullate e ci aspetteremmo che il mercato rivisiti i minimi recenti".

Se la Fed dovesse rimanere accomodante, hanno aggiunto, le criptovalute avrebbero il maggior potenziale di rialzo almeno fino a settembre.

Secondo Pierre Rochard, uno stratega di Bitcoin presso l' exchange Kraken, se l'incontro della Fed non porta cambiamenti, allora potrebbe esserci un potenziale rally del mercato, risolvendo l'attuale consolidamento in cui BTC è "in resistenza in un breakout".

Se invece ci sono "cattive notizie", ha detto, potrebbe esserci una mossa per testare nuovamente il livello di 38.000 USD, forse anche 37.500 USD.

Un trader di criptovalute quantitativo presso Alameda Research, Sam Trabucco, ha sostenuto che il mercato macro spinge effettivamente le criptovalute, "ma solo quando è necessario". Pertanto, esiste una certa correlazione con SPY (il trust Standard & Poor's Depositary Receipts (SPDR) S&P 500, un fondo negoziato in borsa sul NYSE Arca), quando crolla sostanzialmente, ad esempio il 20%. Altrimenti, "ai trader di criptovalute non frega niente di cosa succede quando i mercati tradizionali non stanno impazzendo", ha detto.

Parlando di altri mercati, alcuni commentano altri balzi di recente dei prezzi, come quello del petrolio. Nel frattempo, il Wall Street Journal ha riferito che alcuni investitori si aspettano che la preferenza di Wall Street per l'energia verde deprimerà la spesa per l'estrazione del petrolio, il che potrebbe portare a carenze di approvvigionamento e prezzi del carburante più alti.

__

Alle 13:22 UTC, BTC viene scambiato a 39.200 USD, dopo essere sceso del 3% in un giorno e aumentato del 17% in una settimana.

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN  ____
Per saperne di più:
- A Debt-Fuelled Economic Crisis & Bitcoin: What to Expect?
- Bitcoin Is More ‘Public’ Money than Central Bank-Issued Fiat Currencies

- Inflation Might Keep Rising in 2021 - But What Happens Next?
- Navigating a New Digital Era Means Changing the World Economic Order

- Imagine Bitcoin as a Reserve Asset. What Then?
- Why The Inflation Rate Doesn’t Tell The Whole Story