16 nov 2021 · 4 min read

US infra and Jobs Act: l'universo crypto continua la lotta

Crypto
Fonte: Uno screenshot del video, YouTube/CNBC Television

L'universo crypto ha promesso di continuare a combattere il controverso Infrastructure Investment and Jobs Act, nonostante il fatto che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden abbia firmato l'atto lunedì, lasciando intatte le tanto diffamate clausole di status di "broker di asset digitali".

La comunità crypto americana aveva lottato sia al Senato che al Congresso, per modificare la definizione di "broker" nel disegno di legge, ma questi sforzi ora sembrano essere stati vani, il che significa che i miner e gli operatori dei nodi potrebbero essere costretti a fare complicati calcoli fiscali. A meno che il Tesoro non decida di mettere a punto la legislazione.

Al Senato, le cose si stanno già muovendo, con i senatori pro-cripto Cynthia Lummis e Ron Wyden che sponsorizzano insieme una bozza di emendamento all'atto.

In caso di successo, l'emendamento eliminerebbe alcune delle clausole più problematiche dell'atto ed escluderebbe esplicitamente i miner di criptovalute, i partecipanti allo staking, gli sviluppatori di software blockchain e gli sviluppatori di wallet dallo status di broker. Ciò consentirebbe loro di evitare di presentare dati esaustivi all'Internal Revenue Service (IRS).

Su Twitter, Lummis ha promesso che "se all'inizio non ci fosse riuscita", insieme ad altri legislatori pro-crypto avrebbe riprovato e riprovato ad apportare modifiche alla legge.

In un comunicato stampa, Wyden ha spiegato:

“È di fondamentale importanza proteggere l'innovazione nel settore degli asset digitali. Il nostro disegno di legge chiarisce che i nuovi requisiti di segnalazione non si applicano alle persone che sviluppano tecnologia blockchain e wallet. Ciò proteggerà l'innovazione americana assicurando allo stesso tempo che coloro che acquistano e vendono criptovalute paghino le tasse che già devono.

Secondo quanto riferito da Reuter, Biden aveva precedentemente definito il disegno di legge un "progetto operaio per ricostruire l'America" ​​durante una cerimonia di firma alla Casa Bianca a Washington D.C.

Nei commenti condivisi con Cryptonews.com, Bill Tulloh, un economista di Agoric, una piattaforma di smart contract, ha definito l'atto un "allarme per l'industria delle criptovalute", sostenendo che il settore adesso "ha bisogno di mobilitarsi per annullare i danni causati da questo disegno di legge e prevenire ulteriori danni in futuro”.

Tulloh ha definito l'atto un atto legislativo "concepito frettolosamente e sconsiderato", aggiungendo che "le entrate fiscali a breve termine non dovrebbero soffocare il ritmo dell'innovazione e della scoperta necessari per far maturare un'industria giovane".

In una nota più ottimista, l'economista ha aggiunto che l'annuncio di Randall Quarles, che si dimetterà da governatore del consiglio federale, "offre al presidente Biden l'opportunità di nominare un candidato che possa avere una visione più lungimirante sulla promessa del commercio di criptovalute".

Amber Ghaddar, co-fondatrice di AllianceBlock, una società che mira a colmare il divario tra finanza decentralizzata (DeFi) e finanza tradizionale, ha affermato che le clausole del broker dell'atto erano "in parte" "colpa" della comunità cripto per non aver ironicamente "centralizzare" il nostro sforzi non solo per fare pressioni, ma anche per spiegare alle principali parti interessate come funzionano i nostri protocolli”.

Ghaddar ha consigliato:

“Lavorare in buona fede con i governi e le autorità di regolamentazione di tutto il mondo è una necessità. Non siamo qui per evadere le nostre tasse o riciclare denaro, come alcuni sembrano credere. Sono fiducioso che ci sia una forte probabilità che vedremo emendamenti o addirittura leggi autonome, che saranno approvate prima del 2024 [quando le disposizioni dovrebbero entrare in vigore]”.

Ma ha aggiunto che "il passaggio" del nuovo atto "potrebbe essere molto disordinato per i piccoli investitori", spiegando con il seguente esempio:

“Se un utente DeFi o self custody trasferisce un determinato importo dal proprio wallet all' exchange, l' exchange considererà l'importo in dollari inviato come una vendita. Ma non sa quanto il cliente ha inizialmente pagato per i token. L'utente può quindi ritrovarsi con un 1099-B [modulo fiscale] sopravvalutato, costringendolo ad assumere effettivamente un contabile o a riconciliarsi manualmente.

L'atto è stato progettato per creare posti di lavoro negli Stati Uniti versando miliardi di dollari in progetti sostenuti dal governo statale e locale, che comportano la riparazione di strade e l'ampliamento dell'accesso a Internet a banda larga.

 

___

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- ‘Pernicious’ Reporting Clause Irks US Crypto Industry as House Votes on Infra Bill
- US Infra Bill Provision May Force Crypto Users To Report USD 10K+ Transactions
- Task Force a Washington per aumentare la Regolamentazione degli Exchange Cripto
- Ripple Chief: US Risks ‘Chaos’ by Letting China Win Blockchain Race
- SEC - "DeFi deve risolvere poca trasparenza e pseudonimato"
- DeFi: la regolamentazione è in arrivo