Il verdetto nel caso Craig Wright porta altra confusione

Tim Alper
| 4 min read
Craing Wright
Craig Wright. Fonte: Uno screenshot del video, Twitter/@JimmyWinSV

 

L’uomo conosciuto da molti dei suoi detrattori come “Faketoshi” – l’informatico australiano Craig Wright – ha celebrato la vittoria dopo essere stato costretto a pagare 100 milioni di dollari di danni da una giuria di Miami. La sua “vittoria” è stata messa in discussione dalla più ampia comunità di criptovalute e da alcuni professionisti legali, così come è stata negata dagli avvocati del querelante – che rivendicano anch’essi la vittoria. Sembrerebbe che questo verdetto abbia portato altra confusione.

Wright, i cui avvocati hanno detto alla corte che lui è Satoshi Nakamoto, l’autore del libro bianco di Bitcoin, aveva combattuto contro le affermazioni di aver rubato bitcoin (BTC) dal suo ex amico (o presunto partner commerciale) Dave Kleiman. Quest’ultimo è morto nel 2013, ma il caso è stato portato avanti dal fratello di Kleiman.

Ma, nonostante l’ordine della giuria, Wright sembrava rivendicare una vittoria totale – e anche una rivendicazione.

Bloomberg ha riferito che “se il verdetto della giuria fosse andato contro Wright, questo lo avrebbe costretto a produrre la fortuna di Satoshi” di circa 1,1 miliardi di BTC. “Per alcuni osservatori”, ha sottolineato il media, “questo sarebbe stato il vero test”.

Wright ha detto che non ha intenzione di appellarsi al verdetto, ed ha dichiarato:

“Non sono mai stato così sollevato in vita mia. La giuria ha ovviamente riconosciuto che io sono [Satoshi], perché altrimenti non ci sarebbe stata alcuna concessione. E lo sono”.

Il media ha anche citato Andres Rivero, l’avvocato di Wright, definendo il verdetto una “vittoria completa” per Wright, e affermando:

“I querelanti chiedevano 600 miliardi di dollari più i punitivi. Questa è una delle più clamorose vittorie di sempre nelle controversie americane. Li avevamo schiacciati. Il loro risultato è inferiore a qualsiasi offerta di accordo che abbiamo mai fatto loro. Questa è una perdita totale per l’altra parte”.

Ma nonostante tutta la positività per Wright e il suo campo legale, il team legale di Kleiman si è infuriato all’idea che “Faketoshi” abbia “vinto” qualcosa.

L’avvocato Vel Freedman ha scritto su Twitter che il team di Wright stava diffondendo “bugie”, aggiungendo:

“È giunto alla mia attenzione che Andres Rivero sta sostenendo che il verdetto da 100 milioni di dollari che ha scoperto che il suo cliente è un ladro, è stata una vittoria. Questo è esilarante. Gli auguro molte altre ‘vittorie’ del genere. Sta anche sostenendo falsamente che hanno offerto di più per risolvere il caso”.

Il partner di Freedman, Kyle Roche, nel frattempo, ha dichiarato che Rivero stava “mentendo alla stampa”, e ha scritto:

“Il verdetto della giuria è superiore a qualsiasi offerta di accordo che Craig abbia mai fatto. Proprio come il suo cliente, Andres sembra essere più a suo agio a mentire che ad affrontare la verità”.

La battaglia legale può essere finita, ma sembra che la lotta su Twitter sia appena iniziata – con alcuni che danno il loro sostegno a Wright, e altri che mettono in discussione la “vittoria” di Wright.

Mentre il difensore di Wright, Calvin Ayre, ha affermato che “la giuria è stata chiara, credono che Craig sia il solo Satoshi” e che il verdetto è stato “una perdita totale per [il] querelante”, il partner di Anderson Kill, Stephen Palley, si è arrabbiato al suggerimento, scrivendo:

“Per essere chiari, la giuria non ha deciso che Craig è Satoshi. Non è stata posta questa domanda e questa non è mai stata una questione da decidere per la giuria. Non c’è nessun precedente che questo caso crea per gli altri. Non è così che funziona”.

Ha anche fornito documenti del tribunale per sostenere la sua affermazione.

Tuttavia, c’è stata anche una certa preoccupazione per il fatto che i 100 milioni di dollari di danni non saranno pagati direttamente al patrimonio di Kleiman. La giuria ha stabilito che Wright ha commesso una “violazione dei diritti di proprietà intellettuale” relativi alla W&K Info Defense Research, la società fondata da Kleiman e Wright. Il denaro invece sarà pagato alla W&K.

La CNBC ha citato gli avvocati di W&K che hanno dichiarato:

“Siamo immensamente gratificati dal fatto che il nostro cliente ha vinto [USD] 100.000.000. Ciò dimostra che Craig Wright ha erroneamente preso beni legati al bitcoin da W&K.”

Ma altri hanno sottolineato che Kleiman era in realtà un proprietario di minoranza di W&K, con Wright e sua moglie che possedevano la parte da leone della società.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

– Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

– Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

– Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
Processo sulla persona che dice di essere Satoshi Nakamoto
Craig Wright & Deadlock, Randi Zuckerberg Gets a Crypto Task + More News

Satoshi-era Bitcoin Miner Calls Craig Wright a Fraud Using “His” BTC Addresses
Craig Wright vince il caso di copyright sul white paper di Bitcoin per un cavillo