Home News

V20 Summit: FATF imposta un tono collaborativo

Di Linas Kmieliauskas
V20 Summit: FATF imposta un tono collaborativo 101
Tom Neylan, head of the Policy Development Group within the Secretariat of the FATF, at the V20 Summit. Source: Twitter, @TeanaTaylor

Sembra che la Task Force per le Azioni Finanziarie (FATF), un organismo multi-governativo, che ha spaventato l'industria cripto con la sua nuova guida, ora cerca di calmare le società cripto.

La notizia è arrivata dal Vertice V20 di Osaka, dove i dirigenti delle maggiori società cripto come Circle, Coinbase, bitFlyer, Kraken, Huobi e altre si sono riunite per discutere delle sfide normative. Inoltre, varie agenzie governative, rappresentanti legislativi regionali, nonché l'ex presidente del GAFI Roger Wilkins parteciperanno all'evento.

"Oggi, Tom Neylan, a capo del Policy Development Group all'interno del Segretariato del GAFI, ha affermato che le nuove regole GAFI entrano in vigore immediatamente, ma il GAFI riconosce che ci vorrà del tempo per attuarle nelle giurisdizioni locali", secondo il portavoce del evento, Leah Callon-Butler.

Ha aggiunto che, secondo Neylan, il settore privato non dovrebbe temere che dovranno agire prima di comprendere e digerire correttamente quali sono i nuovi requisiti e che le autorità di vigilanza nazionali dovrebbero essere ragionevoli quando si aspettano che le modifiche siano pienamente attuate.

"I supervisori FATF lavoreranno in collaborazione con l'industria per implementare regole che funzionano e non che soffocano l'innovazione", ha detto il portavoce, osservando che le nuove regole rappresentano una grande sfida per l'industria, ma i VASP e il GAFI stanno adottando un approccio proattivo e collaborativo per guidare un'implementazione efficace.

Durante l'evento di due giorni che si tiene a fianco del Summit G20 di Osaka e termina il 29 giugno, sabato, i fornitori di servizi patrimoniali virtuali (VASP) stanno discutendo su come i nuovi requisiti potrebbero essere implementati "e allo stesso tempo proteggono e promuovere gli interessi del business".

Ad esempio, secondo il portavoce, l'applicazione di alcuni dei nuovi requisiti potrebbe potenzialmente incoraggiare trasferimenti peer-to-peer tramite portafogli non custodiali.

"[quelle transazioni] sarebbero significativamente più difficili da seguire o controllare per le forze dell'ordine, riducendo in definitiva la prevalenza degli exchange stessi, che sono attualmente una delle forme più efficaci di prevenzione e partnership con le forze dell'ordine che operano nel settore dei beni virtuali", ha detto a Cryptonews.com.

Nel frattempo, secondo alcuni partecipanti all'evento, le nuove regole presentano anche opportunità.

"Per come la vediamo, queste misure estendono semplicemente ai VASP le stesse regole che il resto della comunità finanziaria globale già osserva. Anche se è vero che questi cambiamenti rappresentano una sfida per l'industria in termini di un'implementazione immediata, presentano anche opportunità reali", ha affermato il CEO di Huobi Global, Livio Weng.

Ha proseguito spiegando che questa è un'opportunità per sviluppare standard di settore per promuovere la crescita e proteggere i diritti degli utenti, sviluppare la tecnologia per identificare e eliminare i cattivi preservando l'accesso per gli utenti legittimi "e sviluppare la nostra capacità di rispondere come comunità ai problemi che affrontano le industrie criptovaluta e blockchain".

Memorandum della Comprensione

Nel frattempo, sabato o l'ultimo giorno del summit, un gruppo di associazioni commerciali nazionali di Australia, Singapore, Giappone, Corea del Sud, Hong Kong e Taiwan che rappresentano i VASP hanno firmato un "Memorandum of Understanding" che indica il loro impegno a:

  • sviluppare un regime cooperativo per sostenere il dialogo con il governo e le autorità di regolamentazione per promuovere il VASP
  • sostenere lo scambio di informazioni a livello di settore e le migliori pratiche
  • sviluppare e promuovere politiche e procedure
  • aumentare la consapevolezza dell'industria e del suo valore economico
  • promuovere e facilitare la conformità con gli standard industriali globali
V20 Summit: FATF imposta un tono collaborativo 102
Source: V20

"Abbiamo portato tutti in un viaggio verso la creazione di un nuovo organismo che contribuirà a stabilire un sistema per interagire con le agenzie governative e il GAFI (FATF) per garantire che i nostri migliori interessi siano compresi e apprezzati a livello internazionale", Ronald M. Tucker, convenor del V20 e fondatore dell'Australian Digital Commerce Association, è stato citato in un comunicato stampa.

Nelle notizie correlate, sabato, i leader dei paesi del G20 hanno riaffermato il loro impegno ad applicare gli standard FATF recentemente modificati.

"Accogliamo con favore l'adozione della Nota interpretativa e Orientamento del GAFI", hanno dichiarato i leader in una dichiarazione dopo il summit di Osaka.

Separatamente, senza menzionare specificamente le risorse digitali, hanno affermato "l'importanza di promuovere discussioni sulle politiche sia nazionali che internazionali per sfruttare tutto il potenziale dei dati e dell'economia digitale per promuovere l'innovazione, in modo da poter tenere il passo con l'economia digitale in rapida crescita e massimizzare il benefici della digitalizzazione e delle tecnologie emergenti."

Come riportato la scorsa settimana, il GAFI ha accettato di attuare le sue precedenti raccomandazioni che avrebbero costretto i governi a rafforzare la supervisione del business cripto. Inoltre, i paesi saranno obbligati a registrare e supervisionare tutte le attività connesse alle cripto, compresi gli hedge fund, gli exchange, i servizi di custodia, che dovranno controllare i loro clienti e segnalare le transazioni. Il GAFI monitorerà l'attuazione dei nuovi requisiti da parte di paesi e fornitori di servizi e condurrà una revisione di 12 mesi a giugno 2020.

Più Articoli