XRP sale dell’1,19% in 24 ore. Semplice ripresa o segnale di acquisto?

Sauro Arceri
| 4 min read

Il prezzo di XRP è salito dell’1,2% nelle ultime 24 ore, risalendo a 0,4940 dollari in una giornata in cui anche il mercato delle criptovalute nel suo complesso ha recuperato un po’ rispetto alla scorsa settimana.

Nonostante la performance odierna sia positiva, però, XRP rimane comunque in calo dell’1% negli ultimi sette giorno e del 5,5% negli ultimi quindici giorni, con l’altcoin che mantiene un guadagno del 45% dal 1° gennaio, in linea con molti altri token importanti a cominciare da BTC, ETH e SOL.

Considerando la permanenza di XRP in zona ipervenduto nelle ultime settimane, è altamente probabile che la piccola ripresa di oggi segni l’inizio di un’inversione di tendenza per le sorti dell’altcoin, attesa ormai da tempo.

E dal momento che la posizione fondamentale di XRP rimane forte come sempre, potrebbe essere in linea per una grande ripresa quando il mercato delle criptovalute diventerà più rialzista nelle prossime settimane.

Previsione del prezzo di XRP con un aumento dell’1,19% in 24 ore: È il momento di comprare o è solo un colpo di fortuna?


Gli indicatori di XRP si trovano in una posizione da cui gli asset possono spesso rimbalzare fortemente, con l’indice di forza relativa (linea viola) che inizia a salire verso 50 dopo diversi giorni trascorsi nella zona di ipervenduto.

Sebbene la media mobile esponenziale a 30 giorni di XRP (linea gialla) non sia ancora diventata positiva, la sua posizione al di sotto della media a 200 giorni (linea blu) implicherebbe che le recenti flessioni hanno toccato il fondo.

Questa visione è rafforzata anche dal livello di supporto a medio termine di XRP (linea verde), che è in aumento da diverse settimane, e il prezzo attuale della moneta lo ha lasciato alle spalle abbastanza rapidamente negli ultimi due giorni.

Tutto ciò suggerisce che lo slancio di XRP sta iniziando a crescere di nuovo e che il token potrebbe essere sulla cuspide di una ripresa tanto attesa quanto necessaria.

Tuttavia, la recente azione delle balene potrebbe suggerire che XRP rimane in una fase di vendita, con un potenziale ribasso generale del mercato delle criptovalute che potrebbe ancora trascinare la moneta verso il basso nel prossimo futuro.

In ogni caso, il futuro di XRP continua a sembrare molto positivo, dato che il suo status di “non titolo” è stato recentemente confermato dal giudice distrettuale statunitense Analisa Torres, che all’inizio di questo mese ha respinto i tentativi della SEC di appellarsi alla sua decisione di luglio, secondo cui le vendite di XRP da parte di Ripple sugli scambi non erano vendite di titoli.

Sebbene il caso Ripple-SEC debba essere sottoposto a un processo completo sulla questione della colpevolezza dei dirigenti, le ultime due importanti decisioni sarebbero probabilmente a favore di Ripple, suggerendo che l’autorità di regolamentazione non otterrà molto, se non nulla, dalla sua crociata contro l’azienda di criptovalute.

Per questo motivo, le prospettive a lungo termine di XRP rimangono molto buone, con la moneta in grado di tornare a livelli più alti nei prossimi mesi, soprattutto se il mercato diventerà più rialzista verso la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo.

Il prezzo di XRP potrebbe toccare quota 0,60 o 0,70 dollari entro la fine di dicembre, con l’arrivo di un mercato rialzista che, in seguito, potrebbe spingerla ancora più in alto.

Una nuova altcoin con un alto potenziale di guadagno: TGC


L’unico aspetto negativo di XRP, al momento, è che potrebbero essere necessari diversi mesi prima che l’altcoin recuperi i suoi livelli precedenti, con il mercato che potrebbe attendere la risoluzione definitiva della causa in corso tra la SEC e Ripple prima di acquistare XRP in grandi quantità.

Nel frattempo, molti investitori potrebbero scegliere di guardare ad altcoin più recenti, con il mercato che al momento vanta un gruppetto di token in prevendita che hanno tutte le carte in regola per realizzare un grosso rally non appena saranno quotati sugli exchange.

Uno di questi è TGC, il token nativo di TG.Casino, una piattaforma di casinò decentralizzata che opera sulla popolare app di messaggistica social Telegram.

L’aspetto particolarmente positivo di TG.Casino è che ha già lanciato il suo casinò online, cosa che probabilmente ha aiutato molto la prevendita del suo token nativo TGC, la quale ha già raccolto più di 1 milione di dollari.

Considerando che la prevendita è in corso solo da poche settimane, questa cifra è molto incoraggiante e suggerisce che gli investitori stanno davvero partecipando attivamente per realizzare la visione di TG.Casino di un casinò decentralizzato, on-chain, basato principalmente su Telegram.

Operando, annunciando e organizzando giochi attraverso Telegram, TG.Casino è già stato in grado di costruire una sana comunità di utenti e sostenitori, ed è probabile che questa comunità non farà altro che crescere con il progredire della prevendita.

Come casinò, la piattaforma offre già un ampio, e regolarmente in espansione, roster di giochi, tra cui Titan, Razor Returns e una varietà di giochi classici da casinò.

Il suo token nativo, TGC, avrà un’offerta totale di 100 milioni, di cui il 40% sarà destinato alla prevendita, il 20% ai premi di puntata e il 10% ai premi di gioco.

I detentori dei token TGC potranno usufruire anche del 25% di cashback sulle perdite subite giocando con TG.Casino, e la possibilità di mettere il token in staking lo renderà doppiamente redditizio.

Gli investitori possono partecipare alla prevendita della moneta visitando il sito ufficiale di TG.Casino; al momento i token TGC sono disponibili al costo unitario di 0,125 dollari, ma il prezzo aumenterà con il susseguirsi delle varie fasi della prevendita.

Con la piattaforma già attiva e funzionante che attira sempre più utenti, il prezzo di TGC potrebbe salire ancora di molto non appena diventerà commerciabile nelle prossime settimane.

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.

 

Leggi anche:

Segui Cryptonews Italia sui canali social