Home In EsclusivaIn Primo Piano

Come le nuove regole del FATF introdurranno nuovii intermediari nelle cripto

Di Simon Chandler
  • I VASP potrebbero non essere in grado di interpretare e attuare autonomamente le nuove linee guida GAFI.
  • Tuttavia, ai VASP può essere concesso un pò di margine per l'interpretazione della nuova guida.
Come le nuove regole del FATF introdurranno nuovii intermediari nelle cripto 101
Source: iStock/MichaelJay

Le nuove linee guida della Financial Action Task Force (FATF o GAFI), un ente multi-governativo, hanno profonde implicazioni su come operano gli exchange di criptovaluta e alcune altre società di asset virtuali. Richiede loro di collaborare con le principali società di servizi finanziari, con società di analisi blockchain e con organizzazioni di criptovaluta.

Allo stesso tempo, i nuovi regolamenti consentiranno anche a un'intera classe di società e fornitori di inserirsi nell'ecosistema delle criptovalute e di trarne profitto.

Requisiti più complessi

Da un lato, le linee guida del GAFI ratificano semplicemente ciò che molti paesi - come gli Stati Uniti e il Giappone - hanno già implementato per quanto riguarda KYC (conosci il tuo cliente) e AML (antiriciclaggio). Dall'altro, introducono anche una serie di requisiti nuovi e più complessi, che obbligano i fornitori di servizi di asset virtuali (VASP) a migliorare considerevolmente il loro lavoro e che richiedono anche un certo grado di coordinamento tra le organizzazioni.

In primo luogo, le transazioni stesse devono essere regolarmente monitorate, apparentemente per rilevare modelli insoliti e potenzialmente criminali.
In secondo luogo, una nuova "regola di viaggio" richiede che gli exchange e i trasmettitori di denaro condividano le informazioni dei clienti tra loro, in modo che uno scambio possa confermare, ad esempio, che un cliente su un'altra piattaforma che sta inviando 10 bitcoin abbia un'identità verificata.

Cosa significa per le criptovalute?

Gli scambi di criptovaluta e i fornitori di servizi potrebbero non essere in grado di interpretare e implementare le nuove linee guida GAFI. Avranno bisogno dell'aiuto di una serie di società di servizi finanziari (ad esempio PwC, Deloitte), studi legali, associazioni di criptovalute e autorità di regolamentazione, che svolgeranno tutti un ruolo nel delineare cosa significano le linee guida nel contesto delle loro attività specifiche.

I lavori sono già in corso in questo settore. Ron Tucker, il presidente di Blockchain Australia e il convenor del V20 Summit delle principali società di criptovaluta, dice a Cryptonews.com che il vertice ha aiutato l'industria a capire come sarebbe riuscita ad adattarsi alle regole.

"L'evento ha visto la firma di un protocollo d'intesa per la creazione di una nuova associazione internazionale VASP, nota come International Digital Asset Exchange Association (IDAXA)", afferma.

"Inoltre, siamo stati raggiunti da alcune delle principali società di consulenza professionale del mondo, tra cui Deloitte, e dallo studio legale globale Norton Rose Fulbright, entrambi ben posizionati per supportare l'industria in questi sforzi."

In altre parole, società di consulenza come Deloitte e studi legali come Norton Rose stanno cercando di inserirsi come intermediari tra i VASP e le nuove linee guida del FATF. E i loro consigli, consulenze e indicazioni non saranno economici: come esempio indiretto, PwC ha fatto un giro d'affari di 2.5 milioni di sterline inglesi (circa 3 milioni di dollari) a settimana per il suo contributo nella liquidazione del 2018 della società di costruzioni britannica Carillion, mentre nello stesso anno Deloitte carica 32 milioni di dollari in "commissioni di consulenza" per la società di investimento KKR.

Nuova infrastruttura

Tuttavia, oltre a dover pagare costi elevati per il "nastro delle scatole", gli exchange dovranno capire come rispettare la "regola di viaggio". Come spiegato a Cryptonews.com da Teana Baker-Taylor, direttore esecutivo di Global Digital Finance (che era un organizzatore partner nell'evento V20), ciò richiederà un settore sostanziale cooperazione globale.

“Oggi non esiste una soluzione globale per questo trasferimento di informazioni, pertanto identificare una soluzione e un modello di governance per sorvegliarla è un passo fondamentale per il settore.”

A causa di questa mancanza, è probabile che dovrà essere sviluppata una nuova infrastruttura di monitoraggio multipiattaforma, con le aziende che offrono tali servizi anche impostate per addebitare un premio per il privilegio.

Chainalysis è una di queste aziende e ha già pubblicizzato i suoi servizi in un blog pubblicato a Giugno, quando furono annunciate le nuove regole del FATF.

"In primo luogo, Chainalysis KYT (Know Your Transaction) fornisce a VASP e Istituti Finanziari un monitoraggio automatizzato delle transazioni con modelli di rischio personalizzati per soddisfare gli obblighi di monitoraggio delle transazioni dei VA (asset virtuali). Inoltre, utilizzando KYT, VASP e FI è in grado di identificare le controparti VASP in tempo reale."

Ciò indica che le società di analisi blockchain come Chainalysis cresceranno in importanza e redditività man mano che più piattaforme cripto si sforzeranno di conformarsi alle ultime linee guida del GAFI.

“Molte consulenze di nicchia, comprese quelle che presumibilmente sono già sorte per servire l'industria VA, spesso possono sviluppare un modello di base che copra ciò che deve essere nelle politiche e nelle procedure delle imprese VA”, spiega Kathleen Scott, una Consigliere Senior di New York presso Norton Rose Fulbright. "Potrebbero quindi adattarsi e portarlo ai VASP e collaborare con loro per adattare il modello.”

Possibile margine di manovra?

Naturalmente, una possibilità è che, invece di dover spendere una piccola fortuna in società di consulenza finanziaria e fornitori di servizi cross-blockchain, ai VASP possa essere concesso un pò di margine nell'interpretazione della nuova guida.

"Penso che la capacità dei regolatori e dei regolati costituirà un problema molto significativo", afferma Roger Wilkins AO - ex presidente del FATF - a Cryptonews.com.

“Soprattutto per i paesi in via di sviluppo che sono già tirati dagli standard AML. Sospetto che ci sarà un sacco di spazio per l'arbitraggio."
Dato che Wilkins è un ex presidente del FATF, le sue parole dovrebbero essere prese sul serio, anche se potrebbe sembrare improbabile che l'organizzazione offra strada libera alle criptovalute. Come conclude, "la revisione di 12 mesi si rivelerà un esercizio molto importante per perfezionare le aspettative di attuazione."

Più Articoli