Home NewsBlockchain News

Pechino lancia piattaforma di prestiti blockchain per le PMI colpite dal Coronavirus

Di Tim Alper
Pechino lancia piattaforma di prestiti blockchain per le PMI colpite dal Coronavirus 101
Fonte: iStock/Enzo [email protected] Ojo Photography

Le autorità di Pechino affermano di aver lanciato una piattaforma di prestiti basati su blockchain che aiuterà le piccole e medie imprese colpite dal coronavirus a prendere in prestito denaro e potenzialmente rimanere a galla - poiché la malattia minaccia di sfidare il settore industriale della città.

Il governo della città ha lanciato la piattaforma nell'ambito di nuove misure di emergenza,secondo un rapporto del 9 febbraio dai media sul People's Daily.

Le PMI sono state tra le più colpite dal virus, con il governo che estende le vacanze di Capodanno lunare nel tentativo di limitarne la diffusione. Sebbene oggi molte aziende abbiano riaperto gli affari, un gran numero di aziende in città sono aperte solo parzialmente, con molti membri del personale che lavorano da casa.

La produttività delle PMI nella capitale è stata gravemente ostacolata e potrebbe peggiorare se il personale e le società partner non riprendessero la regolare attività nei prossimi giorni.

Secondo il media, la piattaforma basata su blockchain consentirà alle piccole, medie e microimprese di ottenere prestiti da agenzie governative e da tre banche partecipanti.

Le autorità hanno anche parlato di "promuovere in modo aggressivo" piattaforme di gestione del debito basate su blockchain mentre il virus continua a sconvolgere vite e affari nella capitale, coinvolgendo anche istituti di ricerca statali e altri governi locali.

La piattaforma offre servizi tra cui garanzia assicurativa, assistenza agli investimenti e prestiti di emergenza.

Le autorità affermano che l'uso della tecnologia blockchain contribuirà a rafforzare la trasparenza, prevenire l'emissione di falsi diritti e garantire che tutte le parti siano al passo con gli altri stati finanziari.

Nel frattempo, i fornitori di servizi assicurativi si affidano alla blockchain per accelerare il pagamento dei reclami in caso di epidemia di coronavirus. Secondo il South China Morning Post, l'epidemia di coronavirus ha messo in blocco almeno 27 città della Cina continentale e ha costretto molti ad Hong Kong a lavorare da casa. Pertanto, un meccanismo collettivo di condivisione dei reclami basato sulla tecnologia blockchain che offre piani sanitari di base ai suoi 104 milioni di partecipanti, Xiang Hu Bao , nella Cina continentale, ha aggiunto il coronavirus come malattia critica ammissibile al massimo -time payout di 100.000 yuan (14.325 USD).

Ant Financial , una società affiliata del gruppo cinese Alibaba , possiede la piattaforma e finanzierà il pagamento con il proprio capitale. A Hong Kong, Blue Cross Insurance , un'unità di Bank of East Asia , utilizza un servizio di reclami supportato da blockchain, per eliminare il processo cartaceo, accelerare il processo di reclamo, e ridurre la necessità di un contatto diretto.

Più Articoli