Home News

Annunciate le prime cinque vittime del rinnovato giro di vite della Cina

Di Linas Kmieliauskas
Annunciate le prime cinque vittime del rinnovato giro di vite della Cina 101
Source: iStock/Kirill Polyakov

Di recente, almeno cinque exchange cinesi di criptovalute hanno interrotto le operazioni o annunciato che non serviranno più gli utenti domestici poiché il paese ha iniziato una nuova repressione del trading di criptovalute.

La scorsa settimana, gli operatori di cambio cinesi Bitsoda e Akdex hanno annunciato la cessazione del servizio, secondo Bloomberg. Inoltre, Biss ha dichiarato che questo mese ha interrotto le operazioni mentre i dirigenti collaborano a un'indagine governativa. Inoltre, Btuex ha detto lunedì che chiuderà in risposta agli ordini del governo cinese, "riaprendo in futuro per servire solo gli utenti stranieri", ha aggiunto il rapporto. E, infine, Idax ha dichiarato domenica che non servirà più gli utenti in Cina, ma si concentrerà sugli utenti all'estero, citando ragioni politiche.

Come riportato, il quartier generale della People's Bank of China a Shanghai ha dichiarato la scorsa settimana che avrebbe represso le attività illegali attorno alle valute virtuali e ha avvertito gli investitori di non confondere tali strumenti con la tecnologia blockchain. Inoltre, come riportato, Weibo, un servizio simile a Twitter cinese, ha sospeso gli account gestiti dall'importante exchange Binance e dalla piattaforma blockchain Tron (TRX).

La Cina ha vietato gli exchange di criptovalute alla fine del 2017 come un modo per arginare il trading, ma il tentativo non è riuscito a eliminare completamente il trading di criptovaluta in quanto è ancora disponibile attraverso piattaforme over-the-counter o servizi che trattano solo asset di criptovaluta.

Nel frattempo, i possessori locali di criptovaluta stanno trasferendo i loro soldi in luoghi più sicuri. Il principale portafoglio di criptovalute ImToken ha detto a Bloomberg che le transazioni in tether (USDT), che viene utilizzato per spostare denaro all'interno e all'esterno delle risorse digitali, sono più che raddoppiate tra i suoi quasi 10 milioni di utenti dopo l'annuncio dell'ultimo giro di vite, raggiungendo 66 milioni di dollari il 22 novembre.

"Credo, tuttavia, che [la Cina] si stia muovendo in una direzione simile a quella del Giappone e di altre giurisdizioni che hanno regole severe e chiare per le criptovalute", Katie Talati, responsabile della ricerca presso Arca, un gestore patrimoniale digitale con sede in USA, ha detto a Bloomberg.

Tuttavia, prima che la Cina legalizzi gli scambi di criptovaluta, le criptovalute devono diventare "una vera classe di asset", ha detto di recente Kelvin Koh, co-fondatore e partner di un hedge fund con sede a Singapore, Spartan Capital, aggiungendo che "la Cina alla fine le abbraccerà e gli scambi di criptovalute saranno legalizzati".

Più Articoli