Il dollaro USA potrebbe danneggiare l'economia

 

Dollaro
Fonte: Adobe/JJ Gouin


Il dollaro USA ha registrato un forte aumento rispetto alle principali valute globali nell'ultimo anno, raggiungendo di recente livelli che non si vedevano da 20 anni. Ha guadagnato il 15% contro la sterlina britannica, il 16% contro l'euro e il 23% contro lo yen giapponese.

Il dollaro è la valuta di riserva mondiale, il che significa che viene utilizzato nella maggior parte delle transazioni internazionali. Di conseguenza, i cambiamenti nel suo valore hanno implicazioni per l'intera economia globale. Di seguito ne riportiamo cinque tra i principali.

Forza del dollaro USA 1977-2022

Chart showing the strength of the dollar since 1980

L'indice del dollaro USA o DXY è il dollaro USA misurato rispetto a un paniere di valute mondiali. Trading view

1. Dollaro USA forte = più inflazione

La benzina e la maggior parte delle materie prime come metalli o legname sono generalmente scambiate in dollari statunitensi (sebbene con eccezioni). Quindi, quando il dollaro diventa più forte, questi articoli costano di più in valuta locale. Ad esempio, in sterline britanniche, il costo della benzina per un valore di 100 USD è aumentato nell'ultimo anno da 72 GBP a 84 GBP. Poiché anche il prezzo al litro di benzina in dollari USA è aumentato vertiginosamente, si crea un doppio smacco.

Quando l'energia e le materie prime costano di più, i prezzi di molti prodotti aumentano per i consumatori e le imprese, provocando inflazione in tutto il mondo. L'unica eccezione sono gli Stati Uniti, dove un dollaro più forte rende più conveniente importare prodotti di consumo e quindi potrebbe aiutare a domare l'inflazione.

2. Con un dollaro forte i paesi a basso reddito sono minacciati

La maggior parte dei paesi in via di sviluppo ha debiti in dollari USA, quindi molti devono molto di più oggi rispetto a un anno fa. Di conseguenza, molti faranno fatica a trovare una quantità sempre maggiore di valuta locale per pagare i propri debiti.

Lo stiamo già vedendo in Sri Lanka e altri paesi potrebbero presto seguire l'esempio. Dovranno o tassare di più le loro economie, emettere denaro locale inflazionistico o semplicemente prendere in prestito di più. I risultati potrebbero essere una profonda recessione, iperinflazione, una crisi del debito sovrano o tutti e tre insieme, a seconda del percorso scelto. I paesi in via di sviluppo che cadono in crisi del debito sovrano possono richiedere anni o addirittura decenni per riprendersi, causando gravi difficoltà alla loro popolazione.

3. Paesi acquisteranno meno prodotti USA a causa del dollaro forte

Altri paesi acquisteranno meno prodotti statunitensi a causa del dollaro forte. Il deficit commerciale degli Stati Uniti, che è la differenza tra l'importo delle esportazioni e delle importazioni, è già vicino al gigantesco trilione di dollari all'anno. Il presidente Joe Biden e Donald Trump prima di lui hanno promesso di ridurlo, in particolare contro la Cina. Alcuni economisti temono che il deficit commerciale faccia aumentare l'indebitamento degli Stati Uniti e rifletta il fatto che molti posti di lavoro nel settore manifatturiero si sono trasferiti all'estero.

Deficit commerciale degli Stati Uniti in % del PIL

Chart showing US trade deficit as a percentage of GDP

Trading Economics

4. La de-globalizzazione peggiora

La politica economica più ovvia per impedire l'aumento del deficit commerciale è il vecchio gioco di imporre tariffe, quote o altre barriere alle importazioni. Altri paesi tendono a vendicarsi contro tale protezionismo, aggiungendo le proprie tasse e altre barriere ai prodotti statunitensi. In un'era in cui la "de-globalizzazione" è già iniziata grazie al peggioramento delle relazioni occidentali con Russia e Cina, un dollaro più forte si aggiunge allo slancio politico per il protezionismo e minaccia il commercio globale.

5. I timori dell'Eurozona per il dollaro forte

Gli Stati membri più deboli dell'UE come Portogallo, Irlanda, Grecia e Cipro sono diventati in qualche modo meno vulnerabili agli investitori portando i loro costi finanziari a livelli di crisi rispetto ai giorni più bui della crisi dell'eurozona. Questo perché gran parte del loro debito nazionale è ora nelle mani del Meccanismo Europeo di Stabilità (MES), che è stato istituito per aiutarli a salvarli, così come di banche di investimento più amichevoli all'interno della zona euro.

Tuttavia, il dollaro più forte sta creando pressioni affinché la Banca centrale europea aumenti i propri tassi di interesse per sostenere l'euro e ridurre il costo delle importazioni, compresa l'energia. Ciò eserciterà maggiore pressione sui paesi della zona euro con alti livelli di debito. L'Italia, che è la nona economia più grande del mondo e ha debiti pubblici pari al 150% del PIL, sarebbe particolarmente difficile da salvare se la situazione andasse fuori controllo.

Mettendo insieme questi cinque punti, il dollaro ultra forte è un altro motivo per temere una recessione globale nel prossimo periodo. L'inflazione più alta erode i redditi dei consumatori e riduce i consumi. Il protezionismo può ridurre il commercio internazionale e gli investimenti. Le crisi del debito sovrano comportano seri problemi per molti paesi in via di sviluppo e forse anche per l'eurozona.

Il dollaro continuerà a salire?

Il dollaro è cresciuto sia per ragioni economiche che geopolitiche. La banca centrale degli Stati Uniti - la Federal Reserve - ha aumentato i tassi di interesse in modo aggressivo e ha anche invertito la sua politica di creazione di denaro tramite il quantitative easing (QE). Questo al fine di frenare l'inflazione causata dai problemi di fornitura di COVID, la guerra in Ucraina e anche un allentamento quantitativo.

Il dollaro USA più forte è un effetto collaterale di questi tassi di interesse più elevati. Poiché il dollaro ora offre un rendimento più elevato se depositato in una banca statunitense, incoraggia gli investitori stranieri a vendere la propria valuta locale e acquistare dollari statunitensi.

Naturalmente, anche le banche centrali di altre giurisdizioni come il Regno Unito hanno aumentato i tassi di interesse e l'eurozona ha in programma di fare altrettanto. Ma non stanno agendo in modo aggressivo come gli Stati Uniti. Nel frattempo, il Giappone non sta affatto restringendo, quindi il risultato netto è ancora una maggiore domanda all'estero di biglietti verdi.

L'altro motivo per l'aumento del dollaro USA è perché è un classico rifugio sicuro quando il mondo è preoccupato per una recessione e l'attuale situazione geopolitica lo sta probabilmente rendendo ancora più attraente. L'euro ha risentito della vicinanza dell'UE alla guerra in Ucraina, della sua esposizione all'energia russa e della prospettiva di un'altra crisi dell'eurozona. È vicino alla parità con il dollaro per la prima volta dai suoi primi anni.

Euro symbol outside the ECB

L'euro è in difficoltà.Ilolab

La sterlina britannica è stata colpita dalla Brexit e si trova anche di fronte alla prospettiva di un secondo referendum sull'indipendenza scozzese e di una potenziale guerra commerciale con l'UE sul protocollo dell'Irlanda del Nord. Infine, lo yen appartiene a un'economia che sembra perdere lentamente terreno. Il Giappone sta invecchiando e non è ancora a suo agio con la migrazione per aumentare le sue capacità produttive. Uno yen più debole è anche il prezzo che il Giappone paga per continuare il QE per mantenere bassi i tassi di interesse sul suo debito pubblico.

È difficile prevedere la direzione futura del dollaro USA quando ci sono così tante parti in movimento nell'economia mondiale. Sospettiamo che l'inflazione persistente costringerà i tassi di interesse statunitensi a continuare a salire e che, insieme agli shock geopolitici causati dalla guerra e dalle insolvenze del debito sovrano, manterrà probabilmente il dollaro alto. Un dollaro USA forte è una risposta a tempi difficili.

____

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

_____

Alexander Tziamalis, docente senior di economia, Sheffield Hallam University, e Yuan Wang, docente senior di economia, Sheffield Hallam University.
____
Per saperne di più:
- Fed: "Ora capiamo quanto poco sappiamo dell'inflazione"
- Fed ha una "potenza limitata" sul rialzo dei tassi
- After Inflation Fiasco, Central Banks Now Want to Monopolize Trust in Money With CBDC Push and Crypto Bashing
- Bitcoin affronta i rialzi dei tassi meglio di Ethereum