Home In EsclusivaIn Primo Piano

Cosa una possibile recessione globale potrebbe significare per le cripto

Di Simon Chandler
  • Gli analisti non sono sicuri se questa recessione sarà semplicemente di natura "ciclica" piuttosto che catastrofica.
  • L'impatto sul Bitcoin dipenderà anche dalla capacità del dollaro USA di mantenere il suo status di "valuta di riserva" del mondo.
Cosa una possibile recessione globale potrebbe significare per le cripto 101
Source: iStock/leungchopan

Emerso sulla scia della crisi finanziaria del 2008, Bitcoin è stato concepito da 'Satoshi Nakamoto' e dai suoi primi convertiti come mezzo per rendere la finanza internazionale più obiettiva e incorruttibile, in modo che non potessere più essere adulterata da banche che servono se stesse o dai governi.

Sono passati dieci anni e ora sembra che si stia preparando un'altra tempesta economica. Gli economisti e gli esperti finanziari parlano di rendimenti obbligazionari negativi, bassi tassi di interesse e titoli bancari al ribasso e suggeriscono che ciò indica una recessione imminente, che potrebbe avere portata locale o globale.

La domanda è: in che modo Bitcoin e le criptovalute sarebbero interessate da un'altra grave recessione? L'opinione è divisa, con il gruppo di fan delle cripto che si aspetta un passaggio al "rifugio sicuro" di Bitcoin, ma con altri che affermano che tutti i beni - comprese le criptovalute - verrebbero deprezzati.

La tempesta in arrivo

Come possono vedere i visitatori abituali di Twitter, alcuni dei membri più schietti e rialzisti dell'elite cripto hanno parlato della possibilità di una recessione. All'inizio di luglio, il co-fondatore di Morgan Creek Digital, Anthony "Pomp" Pompliano, ha twittato:

Allo stesso modo, il fondatore di Global Macro Investor, Raoul Pal, ha scritto su Twitter, "Stanno accadendo molte cose in Europa e sembra che presto verranno a galla ... probabilmente entro la fine dell'estate." Ha quindi continuato a spiegare in una lunga discussione che i titoli delle banche europee stanno lottando e che la Banca Centrale Europea e le altre autorità sarebbero ricorse a modeste azioni per scongiurare una recessione.

Tuttavia, non tutti sono d'accordo con tale predizione. Da un lato, ci sono quelli che credono che potrebbe arrivare una recessione, anche se non sono sicuri se sarà semplicemente di natura "ciclica" o catastrofica.

"Esistono diversi economisti e analisti in tutto il mondo che stanno segnalando il potenziale di una recessione globale", ha dichiarato la dott.ssa Jemma Green, cofondatrice e presidente di Power Ledger – dicendo a Cryptonews.com. "I rendimenti obbligazionari negativi persistono e i bassi tassi di interesse mostrano una minore capacità per le banche centrali di stimolare le economie abbassando ulteriormente i tassi. In Australia, solo [di recente] gli agenti di cambio hanno iniziato ad avvertire riguardo ad una imminente correzione del mercato per l'ASX, il che potrebbe lasciare molti investitori con le tasche vuote".

Questo non sembra troppo buono per l'economia globale. Oltre questo, Green ha inoltre sottolineato che anche se entriamo in una recessione formale, ciò non equivale necessariamente a un "disastro" sulla scala del 2008 o del 1929.

"Ci sono molti fattori che entrano in gioco con una recessione: fa parte del ciclo economico, quindi come sempre dovremo cavalcare le ondate di picchi e depressioni".

Dall'altra parte, anche alcune persone all'interno della blockchain e dell'industria delle criptovalute non sono convinte che ci sarà una recessione, come il CEO di Leigh Travers di DigitalX.

"Credo che una recessione nel breve termine sia improbabile perché i tassi di interesse possono ora essere spinti sotto lo zero", dice a Cryptonews.com. "La politica monetaria ora ha più munizioni nel suo arsenale rispetto a quando i tassi si fermarono a zero".

Oro Digitale

Non sarebbe saggio supporre che una recessione sia garantita. Tuttavia, c'è ancora una reale possibilità, e data questa possibilità, diventa interessante considerare in che modo il Bitcoin e le criptovalute verrebbero influenzati da un tale evento.

Secondo Jemma Green, è probabile che il mercato di Bitcoin sarebbe sostenuto da una recessione o una inversione.

"Le criptovalute come Bitcoin sono state sviluppate come risposta ad una mancanza di fiducia nei sistemi finanziari esistenti", afferma.

"La mancanza di sentiment positivo verso le attività tradizionali potrebbe comportare un aumento degli asset cripto come investimento fattibile, in particolare considerando i recenti aumenti del valore di mercato per un certo numero di monete principali."

Il recente aumento dei prezzi delle criptovalute ha, in particolare, cementato lo status di Bitcoin come un rifugio sicuro, con l'analista di Bloomberg Mike McGlone che di recente ha scritto che la criptovaluta "sta guadagnando trazione come [una] riserva di valore e oro digitale".

È seducente concludere che il Bitcoin si apprezzerebbe durante una recessione. Tuttavia, alcuni attori del settore propongono il contrario, rilevando che le recessioni gravi tendono a deprezzare tutti gli asset.

"In un contesto di forte recessione, tutte le attività vengono vendute, anche nella crisi finanziaria globale [del 2008], dove l'oro è stato svenduto", afferma Leigh Travers. La sua tesi è corroborata dal fatto che, tra marzo 2008 e novembre 2008,il prezzo dell'oro è sceso da USD 31,633 al kg a USD 23,802 (sebbene abbia iniziato a crescere costantemente dal 2009 in poi).

L'onnipotente dollaro

Inoltre, vale la pena sottolineare che, durante la crisi del 2008, il prezzo del dollaro USA è aumentato, guadagnando il 15.5% contro un paniere di altre valute internazionali tra il 1 agosto 2008 e il 22 ottobre di quell'anno, secondo un articolo del New York Times del periodo.

Ciò suggerisce che molti investitori tradizionali potrebbero rivolgersi ad esso come un rifugio piuttosto che al relativamente nuovo Bitcoin, anche se Leigh Travers nota la difficoltà di prevedere se le circostanze di una futura recessione gli permetterebbero di mantenere il suo status di "valuta di riserva" del mondo.

"Tuttavia, in caso di un'altra recessione, con il deprezzamento globale delle valute e i governi che stampano denaro, una "corsa ai contanti" potrebbe non avvenire come nelle precedenti recessioni", afferma.

In altre parole, se il dollaro USA non mantenesse la sua forza nel mezzo di una recessione potenzialmente imminente, il Bitcoin potrebbe benissimo andare di bene in meglio.

Più Articoli