16 maggio 2021 · 5 min read

Perché il tasso di inflazione non ci dice tutto

Richard S. Warr, Professore di Finanza, North Carolina State University.
_______

Fonte: Adobe/surangaw

Mercati, economisti e responsabili politici si sono preoccupati per l'inflazione per mesi, preoccupati che i trilioni di dollari spesi in programmi di sussidio governativi recenti e futuri potrebbero surriscaldare l'economia e far salire i prezzi alle stelle.

Il 12 maggio 2021, gli apprensivi sembravano veder confermati i loro timori, quando l'indice dei prezzi al consumo di aprile è salito del 0,8% destagionalizzato, il più grande balzo dal 2008. Il tasso di inflazione anno su anno del 4,2% è il doppio di quello che la Federal Reserve si è posta come obiettivo.

I consumatori dovrebbero essere preoccupati?

In qualità di esperto di finanza, credo che la risposta a questa domanda risieda in uno sguardo più da vicino a ciò che effettivamente rappresenta il modo principale in cui gli Stati Uniti misurano l'inflazione.

Cos'è l'inflazione?

L'inflazione è definita come la variazione del prezzo di qualsiasi cosa: una bistecca, un sapone di Ivory, un esame della vista o una bombola di gas.

Negli Stati Uniti, la misura dell'inflazione più comunemente utilizzata si basa sull'indice dei prezzi al consumo. In poche parole, l'indice è il prezzo medio di un paniere di beni e servizi che le famiglie acquistano tipicamente. Viene spesso utilizzato per determinare aumenti salariali o per adeguare i benefici per i pensionati. La variazione anno su anno è ciò che chiamiamo tasso di inflazione.

Poiché si tratta di una media in una gamma di categorie, il numero principale maschera molti dettagli chiave e grandi oscillazioni di mese in mese in vari beni e servizi. Ad esempio, le tariffe delle compagnie aeree sono aumentate del 10% destagionalizzato ad aprile, in parte riprendendosi dal crollo della pandemia, mentre pesce e frutti di mare sono diminuiti del 3,5%.

I prezzi dei prodotti alimentari e dell'energia, in particolare, possono essere molto volatili e, per questo motivo, i responsabili politici spesso si concentrano su quella che è nota come "inflazione di base", che esclude quei numeri.

Una quantità moderata di inflazione è generalmente considerata un segno di un'economia sana, perché man mano che l'economia cresce, la domanda di ogni cosa aumenta. Questo aumento della domanda spinge i prezzi un po 'più in alto poiché i fornitori cercano di creare più cose che i consumatori e le imprese desiderano acquistare. I lavoratori ne traggono vantaggio perché questa crescita economica determina un aumento della domanda di lavoro e, di conseguenza, i salari di solito aumentano, come suggerisce l'ultimo rapporto sull'occupazione.

I lavoratori con salari più alti possono quindi uscire e comprare più roba, parte di un ciclo "virtuoso" che mantiene l'economia in movimento. L'inflazione non sta realmente causando tutto questo, è semplicemente il sintomo di un'economia salubre e in crescita.

Ma quando l'inflazione è troppo alta - o troppo bassa - può prendere il suo posto un altro circolo vizioso. Se lasciata incontrollata, l'inflazione potrebbe aumentare, il che probabilmente farebbe rallentare rapidamente l'economia e aumentare la disoccupazione. La combinazione di aumento dell'inflazione e disoccupazione è chiamata "stagflazione" ed è temuta da economisti, banchieri centrali e praticamente anche da tutti gli altri.

È ciò che può far sì che un boom economico si trasformi improvvisamente in un fallimento, come videro gli americani alla fine degli anni '70. La Fed è riuscita a ridurre l'inflazione a livelli normali solo dopo aver aumentato i tassi di interesse a breve termine a un record del 20% nel 1979.

 

 

Cosa c'è dietro l'aumento del tasso di inflazione?

Quindi, come possiamo determinare se questo sta accadendo ora? Diamo uno sguardo più da vicino a ciò che costituisce l'indice dei prezzi al consumo.

Gran parte dell'aumento di aprile è stato guidato dai prezzi delle auto usate e dei camion, che sono aumentati del 10% durante il mese, di gran lunga l'aumento più grande di qualsiasi categoria che costituisce almeno l'1% dell'indice. Come è stato riportato, ciò è stato in gran parte dovuto a un aumento degli acquisti da parte delle società di autonoleggio, che hanno venduto gran parte delle loro scorte all'inizio della pandemia, nonché alla carenza globale di chip che ha ridotto la produzione di nuovi veicoli. Anche altri aumenti di prezzo, come il legname e alcuni componenti elettronici, sono legati a problemi della catena di approvvigionamento a breve termine.

L'aumento della domanda da parte dei consumatori che hanno ricevuto assegni di sussidio è un'altra possibile causa di aumenti dei prezzi, ma è più difficile quantificare l'effetto.

La maggior parte delle categorie era molto più bassa. I prezzi del cibo sono cresciuti dello 0,4%, guidati dalla domanda di cibo da asporto mentre l'energia è scesa dello 0,1%, anche se questo era prima dei problemi di maggio con l'oleodotto della costa orientale.

Poiché l'indice dei prezzi al consumo è costituito da una gamma di beni e servizi, è spesso il caso che i cambiamenti nell'indice - e quindi l'inflazione - siano guidati solo da una o due parti dell'economia, invece che da un cambiamento generale dei prezzi. Nel caso dei prezzi di aprile, gli elementi relativi ai trasporti come i veicoli usati e le tariffe aeree e i servizi energetici come l'elettricità sono stati i principali fattori trainanti. E questi sembrano essere aumenti transitori.

Niente di cui preoccuparsi, per ora

Questo è il motivo per cui la maggior parte degli economisti non pensa che gli Stati Uniti stiano andando verso un nuovo periodo di alta inflazione. Invece, ci sono prove di una domanda repressa, in particolare per i servizi che non erano disponibili durante il culmine della pandemia negli Stati Uniti, il che potrebbe comportare alcuni salti a breve termine dei prezzi.

Ci sono segnali che l'inflazione sarà un po 'alta per un altro mese o due, ma dovrebbe tornare a livelli più normali di circa il 2% all'anno entro la fine del 2021. Anche la Fed punta su questo.

Ti piace quello che hai letto? Iscriviti alla newsletter quotidiana di The Conversation.]

Quindi, tornando alla nostra domanda iniziale: c'è qualche motivo per allarmarsi?

Non credo sia così, né la maggior parte degli economisti o la Fed. Altri, soprattutto gli investitori, non sono d'accordo. Non sapremo chi ha ragione alla fine per un po' di tempo.

Nel frattempo, i consumatori possono aspettarsi di pagare un po 'di più quest'estate, se stanno finalmente pianificando una vacanza dopo un anno bloccati a casa, acquistare un'auto usata per viaggiare nel paese o costruire una nuova casa. Ma anche a prezzi più alti, questi sono tutti segni del ritorno di un'economia ben funzionante e di una vita normale.

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

_____
Per saperne di più: 
- Crescenti preoccupazioni sull'inflazione: Bitcoin fungerà da assicurazione?
- Why The Return Of High Inflation Can No Longer Be Excluded

- Inflation Is Here & Bitcoin Will Hit USD 115K ‘Ahead of Target’ – Pantera
- A Debt-Fuelled Economic Crisis & Bitcoin: What to Expect?

- Why Bitcoin Likes a Hard-On Environment
- Undetected Inflation: Your Fiat Money Devalues Faster Than You Think