20 set 2021 · 4 min read

Le crypto scendono insieme alle azioni di China Evergrande

China evergrande
Fonte: Adobe/Wirestock

Mentre i problemi relativi al colosso cinese dello sviluppo immobiliare China Evergrande continuano a crescere, gli investitori di tutto, dalle azioni a bitcoin (BTC) e al più ampio mercato crypto, si preoccupano dei potenziali effetti di ricaduta che potrebbe avere un "momento Lehman" cinese.

Secondo CNBC, China Evergrande, in qualità di secondo sviluppatore immobiliare della Cina, detiene oltre 300 miliardi di dollari di debito, posizionando la società come "lo sviluppatore immobiliare più indebitato al mondo",

La società ha visto più volte tagliare i suoi rating da agenzie di rating internazionali e ha avvertito in più occasioni che potrebbe essere inadempiente sul suo debito.

E sebbene a prima vista non sia legato a bitcoin, alcuni addetti ai lavori sono sempre più preoccupati per l'impatto che un default cinese così grande potrebbe avere, e forse ha già, sui mercati delle criptovalute.

Tra coloro che hanno espresso preoccupazione c'è Alex Mashinsky, fondatore e CEO della società di prestito e prestito di criptovalute Celsius Network, che ha affermato che "una cascata di insolvenze nel sistema finanziario globale" potrebbe trascinare con sé bitcoin.

"BTC non è in grado di rompere  50k [USD], potrebbe avere maggiormente a che fare con la Cina rispetto al regolamento FUD", ha aggiunto il CEO.

Inoltre, l'emittente USDT Tether è stato costretto a rilasciare una dichiarazione la scorsa settimana, affermando che la società non ha mai detenuto alcuna carta commerciale o altri titoli di debito o titoli emessi da Evergrande.

Non solo China Evergrande sta crollando 

 

Nel frattempo, come riportato lunedì dal South China Morning Post, le crepe hanno iniziato a manifestarsi anche altrove nel settore immobiliare cinese. Tra gli sviluppatori immobiliari ora monitorati da vicino ci sono Guangzhou R&F e Fantasia Holdings, che negli ultimi giorni hanno visto il loro rating del credito ridotto a "negativo" dalle agenzie di rating Fitch e S&P Global Ratings.

Zhou Chuanyi, analista della società di ricerca creditizia Lucror Analytics a Singapore, secondo quanto affermato dal quotidiano, ha detto che "la parte peggiore è che non solo la Cina Evergrande sta crollando, ma anche altri costruttori di case cinesi stanno annegando nello tsunami causato da esso".

I problemi finora hanno portato a un forte selloff del mercato azionario sia sulla borsa di Hong Kong dell'Hang Seng, sia sui mercati azionari statunitensi, con l'Hang Seng scambiato in ribasso del 3,3% per la giornata e l'S&P 500 statunitense destinato ad aprire in ribasso dello 0,9% più tardi oggi.

 

Nel frattempo, il tradizionale rifugio sicuro, l'oro, è stato scambiato leggermente in rialzo, guadagnando lo 0,17% per la giornata alle 09:30 UTC.

Nei mercati delle criptovalute, bitcoin è sceso del 6% nelle ultime 24 ore ed è stato scambiato a 45.211 USD, dopo essere sceso da oltre 48.800 USD sabato.

Bitcoin
Grafico dei prezzi a 7 giorni di BTC. Fonte: CoinGecko

Calo di Bitcoin influenzato da China Evergrande

 

Jonas Luethy, Sales Trader presso il broker di asset digitali con sede nel Regno Unito GlobalBlock, ha affermato, in un commento via e-mail, che "dopo aver chiuso sabato sopra i 47.000 USD, ieri BTC ha superato la media mobile di 50 giorni <..>. Alcuni hanno attribuito l'improvviso calo alla situazione attualmente in corso di Evergrande in Cina, che ha già causato turbolenze nei mercati tradizionali. Gli analisti hanno suggerito una settimana instabile, con un potenziale pullback fino a 41.000 USD, anche se un supporto chiave rimane a 44.000 USD". 

Allo stesso modo, il token ETH nativo di Ethereum è diminuito del 7,7% nelle ultime 24 ore per essere scambiato a 3.172 USD.

Grafico dei prezzi a 7 giorni di ETH. Fonte: CoinGecko

Nonostante le vendite osservate oggi nei mercati delle criptovalute, al momento della stampa le liquidazioni erano ancora a livelli piuttosto bassi sia su bitcoin che su altri crypto asset.

Secondo i dati di Bybt.com, nelle ultime 24 ore, la volatilità osservata in BTC ha causato la liquidazione di 303 milioni di USD, con la stragrande maggioranza di tali posizioni rialziste che sono state chiuse forzatamente su Binance.

Per ETH, la situazione era simile, con poco più di 200 milioni di dollari liquidati nello stesso periodo.

Mentre bitcoin - ancora visto da molti come un asset "a rischio" - ha finora sofferto, gli addetti ai lavori e gli analisti del settore delle criptovalute indicano i fondamentali on-chain come motivo per essere ottimisti.

Come descritto nell'ultimo Market Intel Report di Chainalysis, i segnali on-chain suggeriscono che la maggior parte dei possessori di bitcoin sono rimasti rialzisti durante il mese di settembre, dato che i flussi di monete negli exchange "sono diminuiti rapidamente" nei giorni successivi al selloff del 7 settembre.

"In effetti, le balene, sia su bitcoin che su ethereum, sembrano stabilirsi per un lungo periodo di conservazione, con molte delle balene entrate nel primo trimestre del 2021 che continuano a resistere", ha scritto Philip Gradwell, capo economista di Chainalysis.

 

____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- Why Bitcoin Likes a Hard-On Environment 
- Store Or Not Store Of Value? Three Reports Weigh In On Bitcoin

- Previsioni Bitcoin: cosa indica la croce d'oro nel grafico?
- Bitcoin (BTC) potrebbe superare i 66K USD nel 2021 e i 400K USD entro il 2030

- CBDCs, Stablecoins & Crypto Can Disrupt Traditional Finance – Moody’s
- Perché la valuta Fiat è più confusa delle criptovalute