Home NewsBitcoin News

L'ente sull'arbitraggio cinese afferma che il giro di vite alle crpto "non è un divieto di Bitcoin"

Di Tim Alper
L'ente sull'arbitraggio cinese afferma che il giro di vite alle crpto "non è un divieto di... 101
Fonte: Adobe/Mariia Korneeva

L'ente di arbitraggio locale di Pechino ha tentato di chiarire la posizione del governo su bitcoin (BTC) – e ha affermato che il giro di vite alla criptovaluta più famosa al mondo non è esattamente un "divieto" di per sé.

In una mossa senza precedenti da parte di un ente legale cinese, il Beijing Arbitration Commission (BJAC) – uno dei nove organi legali locali istituiti presso i tribunali di polizia a livello nazionale nel 1995 - ha emesso una dichiarazione su bitcoin e la sua posizione legale nella sua ultima newsletter.

Il BJAC ha affermato che, piuttosto che applicare un divieto su bitcoin, la Cina in realtà "non ha leggi su bitcoin".

Invece, la legge cinese ha norme rigide relative alla "proprietà virtuale" - e ciò che comprende esattamente la proprietà non tangibile sul suolo cinese. Bitcoin, ha affermato BJAC, non si qualifica come "proprietà virtuale", perché non è mai stato definito legalmente.

Ciò sembrerebbe sfregare contro un verdetto del tribunale di Internet nel 2019, in cui un giudice ha stabilito che bitcoin fosse effettivamente una forma di "proprietà virtuale", arrivando persino ad aggiungere che era "protetto dalla legge cinese".

Bitcoin ed altri token rimangono eccezionalmente popolari in Cina, in particolare tra la classe media, dove è visto come un asset che protegge il valore.

Negozi, cliniche e ristoranti in Giappone e Corea del Sud nei punti caldi frequentati dai turisti cinesi accettano bitcoin e altri token da diversi anni.

La dichiarazione di BJAC è andata ancora oltre, tuttavia, suggerendo che la repressione della crittografia di settembre 2017 è stata probabilmente sopravvalutata.

Invece di "vietare le attività relative a bitcoin", BTC semplicemente non può essere utilizzato come moneta con "corso legale", ha dichiarato il BJAC.

Tuttavia, ha aggiunto che bitcoin potrebbe, ad esempio, essere utilizzato nei trasferimenti azionari, purché non si comportasse come una "valuta", ma rimasesse invece una "proprietà generale".

Il BJAC ha scritto:

“Le transazioni [di equity] non violano le normative cinesi e quindi dovrebbero essere considerate valide.”

Tuttavia, il BJAC ha stabilito che le offerte di monete iniziali (ICO) rimangono illegali e ha chiarito la posizione del governo sugli scambi di criptovalute, affermando che tutte le piattaforme di trading cripto-cripto e fiat-cripto-fiat sono vietate dalla legge cinese.

Più Articoli