20 maggio 2021 · 4 min read

Paxos, Protego e Anchorage Affrontano la "Volatilità Normativa" negli Stati Uniti

Le banche Americane incentrate sulle criptovalute stanno affrontando una lotta per restare in campo dopo che un importante legislatore americano ha intrapreso un'inversione delle politiche pro-cripto del suo predecessore. Il legislatore ha presentato una petizione a Michael Hsu, il nuovo Acting Comptroller dell'Ufficio del Controllore della Valuta (OCC) per "rivalutare eventuali statuti di trust nazionali condizionali e interrompere l'approvazione di eventuali statuti aggiuntivi a entità non bancarie".

Fonte: Adobe / Andriy Blokhin

In una lettera a Hsu, il senatore dell'Ohio Sherrod Brown, presidente del comitato bancario senatoriale, ha scritto:

“Sono preoccupato per una serie di statuti di trust nazionali concessi dalla precedente leadership dell'OCC. Come forse saprai, sono stato a lungo turbato per la visione espansiva dell'OCC sulla sua autorità di concedere statuti a società finanziarie e non finanziarie ".

L'ex Acting Comptroller Brian Brooks è il CEO di Binance.US, e da allora Paxos, Protego e Anchorage hanno tutti ricevuto statuti di fiducia nazionali OCC condizionali, in linea con le politiche pro-cripto di Brooks.

Ma Brown sembra fiducioso di poter persuadere Hsu a prendere una direzione di regolamentazione molto diversa. Sebbene il senatore non abbia chiesto apertamente a Hsu di annullare la sentenza di Brooks, non ha risparmiato colpi, scrivendo,

“Un'impresa che non può soddisfare i rigorosi requisiti applicabili ad altre banche non dovrebbe essere autorizzata a presentarsi al pubblico come banca. Paxos, Protego e Anchorage cercano di ampliare l'accesso alle criptovalute, ad altre risorse digitali rischiose e alle tecnologie emergenti ai clienti delle banche tradizionali ".

Si è lamentato del fatto che le aziende in questione stavano ora "evidenziando il loro status concesso dalle istituzioni".

"Queste aziende suggeriscono che l'approvazione da parte dell'OCC dei loro Statuti garantisce che il loro modello di business sia sicuro, stabile e affidabile tanto quanto una banca della comunità locale. Il fatto è che […] l'OCC non è in grado di regolamentare queste entità in modo paragonabile alle banche tradizionali ”, ha affermato.

In una frecciatina rivolta a Brooks, Brown ha scritto:

"Inoltre, non è chiaro se l'OCC si sia ipegnato con la dovuta diligenza per supportare questo "sigillo di approvazione" prima di concedere questi statuti. L'ex controllore ad interim Brian Brooks ha incoraggiato attivamente le società di criptovaluta a richiedere uno statuto di trust nazionale perché richiedeva "requisiti relativamente facili" ed è "solo un documento più veloce da ottenere".

Ma Brown ha affermato che le approvazioni di questi documenti potrebbero "portare i clienti a sottovalutare i rischi" delle criptovalute e persino "minare la fiducia nella sicurezza e stabilità dell'intero sistema bancario".

Da parte sua, Hsu ha detto che avrebbe "mantenuto una mente aperta" sulla questione. Ha affermato di essersi impegnato a "garantire che le banche vigilate da OCC operino in modo sicuro e affidabile" e a "rispettare le leggi e i regolamenti".

E in una dichiarazione rilasciata ieri al Comitato per i servizi finanziari della Camera, Hsu ha fatto riferimento alla mossa di Brooks di creare un Ufficio per l'innovazione la quale "ha aggiornato il quadro per la costituzione di banche nazionali e società fiduciarie e ha interpretato i servizi di custodia delle criptovalute come parte dell'attività bancaria". affermando di aver chiesto "al personale di rivedere queste misure".

Ma Brown potrebbe essere rallegrato, dal momento che la preoccupazione più ampia di Hsu riguarda la questione che "queste iniziative non sono state fatte in pieno coordinamento con tutte le parti interessate".

Ha aggiunto,

“[Le iniziative non] sembrano aver fatto parte di una più ampia strategia legata al perimetro normativo. Credo che affrontare entrambi questi compiti dovrebbe essere una priorità ".

Hsu ha continuato aggiungendo che "alcuni sono preoccupati" che "fornire statuti a società fintech conferirà i vantaggi del settore bancario senza le sue responsabilità".

“Altri temono che rifiutare di approvare statuti alle società di fintech incoraggerà [la] crescita di un altro sistema bancario nell'ombra, fuori dalla portata delle autorità di regolamentazione. Condivido entrambe queste preoccupazioni. Dobbiamo trovare un modo per capire come le fintech e le piattaforme di pagamento si possono inserire nel sistema bancario, e dobbiamo farlo in coordinamento con la Federal Deposit Insurance Corporation, la Federal Reserve e gli Stati ”, ha concluso il capo dell'OCC.

Su Twitter, la risposta di tre lettere di Caitlin Long, fondatrice dell'Avanti (una banca incentrata sugli asset digitali) alla lettera di Brown è stata "wow", mentre il professore associato dello Yale-NUS College Andrew Bailey ci ha scherzato sopra, dicendo che la "volatilità normativa" è nel menu a Washington.
___
Per saperne di più:
- With Banks Turning to Bitcoin, Is It Finally Time to Long the Bankers?
- Regulatory Kaleidoscope Challenges Crypto Industry - Crypto.com CCO

- Ripple Execs Blast SEC’s 'Perplexing' Actions in String Of Interviews
- DeFi Sector May Face Threat from New EU Crypto Regulations – Survey

- Regulatory Kaleidoscope Challenges Crypto Industry - Crypto.com CCO
- Regulators Ponder Strategy As Bitcoin & Co Are Too Large to Ignore

- Can't Beat Crypto Regulators? Educate Them
- Task Force to Tell Washington: Ramp Up Crypto Exchange Regulation