24 dicembre 2020 · 2 min read

Telegram costretto a monetizzare - la SEC americana potrebbe essere il responsabile

L'app di chatTelegram - il popolare strumento di comunicazione preferito dalla comunità crittografica - potrebbe essere costretta a monetizzare grazie a un intervento normativo della Securities and Exchanges Commission (SEC) americana che ha fatto naufragare i suoi piani di tokenizzazione e blockchain.

Fonte: iStock/stockcam

In uno schietto post sul proprio canale Pavel Durov, CEO e fondatore di Telegram, ha fatto capire che non può più permettersi di finanziare l'app di chat, affermando che l'aumento dei costi del server e altre spese gli costano "centinaia di milioni di dollari all'anno".

Ha affermato che, a differenza dei fondatori di WhatsApp, che hanno venduto la loro azienda a Facebook nel 2014 - non prenderebbe in considerazione la possibilità di cercare un acquirente. Tuttavia, ha scritto,

"Telegram inizierà a monetizzare dal prossimo anno. In tal modo, rimarremo fedeli ai nostri valori e alle garanzie che abbiamo dato in passato. […] Saremo in grado di monetizzare Telegram in modo discreto: la maggior parte degli utenti difficilmente noterà cambiamenti importanti. "

Durov ha affermato che tutti i servizi Telegram esistenti sarebbero rimasti gratuiti e che i suoi servizi di messaggistica sarebbero rimasti senza pubblicità. Tuttavia, ha aggiunto che Telegram inizierà a addebitare ulteriori funzioni relative al business e che "gli utenti con esigenze avanzate" avrebbero dovuto pagare.

Sebbene Durov non abbia unito i punti tra la decisione e il fatale intervento dell'undicesima ora della SEC nel piano di lancio del token Gram, il media outlet Vedomosti ha fatto proprio questo. Il giornale ha sottolineato che, secondo il prospetto di Telegram pubblicato nel 2018, i costi operativi stimati di Telegram per il 2020 erano di 170 milioni di dollari, ovvero il 31% in più rispetto al 2019.

Il media ha aggiunto che Durov aveva inteso che l'ICO, che doveva utilizzare un token chiamato Gram e che, secondo quanto riferito, ha raccolto 1,7 miliardi di dollari in prevendite private con identità protetta, fosse "uno dei modi" che Durov aveva previsto per raccogliere fondi su Telegram prima del trasferimento della SEC.

Il Gram sarebbe stato utilizzato come valuta per le vendite in-app e le vendite B2B e B2C condotte tramite la piattaforma e la sua rete blockchain TON nei piani iniziali.

Ma l'intervento della SEC nel 2019, e successivamente confermato dai tribunali degli Stati Uniti, ha posto fine a tutto ciò. Dopo una lite legale, Telegram finalmente ha ammesso la sconfitta nel maggio di quest'anno , con l'intenzione di ripagare tutti i suoi investitori.

L'intervento della SEC ha anche smascherato con successo gli investitori precedentemente anonimi nella rete TON, con grande imbarazzo di Telegram.

Durov ha usato la sua fortuna privata per pagare Telegram sin dal suo inizio. Si pensa che abbia accumulato fino a 480 milioni di dollari per la vendita della piattaforma di social media VKontakte , la risposta russa a Facebook.
___
Ulteriori informazioni:
Fund Operator Offers Telegram TON Investors Paybacks of Just 21%
I piccoli exchange iniziano a sospendere il trading XRP a seguito della causa SEC
Cryptoverse Might Face 'More Aggressive' SEC Under Biden
Crypto Regulation in 2021: The Piecemeal Approach & New Winds