25 gennaio 2021 · 5 min read

Davos 2021 e il "grande reset": non possiamo contare sugli stessi vecchi globalisti

___
Jonathan Michie, Professor of Innovation & Knowledge Exchange, University of Oxford.
____

Il fondatore del WEF Klaus Schwab durante la conferenza stampa prima di Davos 2021. Fonte: EPA

Il 51st World Economic Forum inizia il 25 gennaio, ma con una grande differenza. Mentre è notoriamente il raduno annuale presso la stazione sciistica di Davos in Svizzera di leader mondiali del mondo degli affari, del governo e della società civile, l'evento di quest'anno si svolgerà virtualmente a causa della pandemia.

 

Inevitabilmente, l'evento per gli oltre 1.200 delegati provenienti da 60 paesi mira a rispondere agli eventi apocalittici degli ultimi 12 mesi. "Un anno cruciale per ricostruire la fiducia" è il tema, costruito attorno al "grande ripristino" che il fondatore del World Economic Forum (WEF) Klaus Schwab e il principe Carlo hanno lanciato lo scorso anno.

 

L'evento sarà accompagnato da eventi virtuali in 430 città in tutto il mondo, per sottolineare il fatto che affrontiamo sfide globali che richiedono soluzioni e azioni globali.

Ciò riconosce che gli effetti della pandemia saranno probabilmente sempre più aggravati da altre importanti minacce globali, tra cui la crisi climatica, le crisi finanziarie e la disuguaglianza sociale ed economica. Per fare solo un esempio, il tasso di mortalità COVID-19 in Inghilterra a dicembre era oltre il doppio nelle aree più svantaggiate rispetto a quelle meno svantaggiate.

Quindi, qual è il successo della missione del WEF?

Lezioni dalla storia

Non è la prima volta che le crisi globali richiedono un'azione globale, ma in passato ci sono stati risultati contrastanti. Dopo la prima guerra mondiale, il Regno Unito ha svolto un ruolo fondamentale nella formazione della Società delle Nazioni sulla scena internazionale. Ma alla fine questo non ha funzionato, con l'insistenza del Regno Unito sulle riparazioni postbelliche che hanno minato la ripresa economica e la stabilità politica della Germania.

First meeting of Assembly of the League of Nations in November 1920.

Prima riunione dell'Assemblea della Società delle Nazioni nel novembre 1920. Wikimedia

Quando il mondo ha cercato di prevenire futuri conflitti verso la fine della seconda guerra mondiale, le lezioni sono state apprese in una certa misura dall'ultima volta. Gli alleati si incontrarono a Bretton Woods, New Hampshire, negli Stati Uniti nel 1944 per sviluppare politiche per la stabilità economica.

 

Ciò ha portato a un nuovo sistema di tassi di cambio interconnessi organizzati attorno a un dollaro USA garantito dall'oro, nonché a nuove istituzioni nate per aiutare a gestirlo, tra cui il Fondo monetario internazionale e quella che in seguito divenne la Banca mondiale. Questo è stato seguito nei due anni successivi dalle Nazioni Unite e dal precursore dell'Organizzazione mondiale del commercio. Il sistema di Bretton Woods è durato fino all'inizio degli anni '70, quando gli Stati Uniti hanno abbandonato il gold standard, ma gran parte del sistema creato negli anni '40 sopravvive in una forma o nell'altra oggi.

La crisi finanziaria del 2007-2009, che ha coinvolto la prima recessione globale dagli anni '30, ha portato a numerosi appelli all'azione per prevenire crisi simili in futuro. C'è stato un inasprimento della regolamentazione, ma la minaccia di instabilità rimane a causa di debiti eccessivi e delle troppe speculazioni.

Solo gli anni Quaranta hanno visto una risposta davvero adeguata alle crisi globali, cosa farà la differenza questa volta?

Il grande reset

La visione del WEF di un "grande reset" riconosce che ciò che è necessario per affrontare queste crisi va ben oltre le riforme economiche, le misure climatiche o la lotta contro una pandemia: tutto questo deve essere combinato e ci deve essere altro ancora. È l'idea che l'azione globale debba essere sostenuta dalla missione di cambiare la società, per renderla più inclusiva e coesa; coniugare la sostenibilità ambientale con la sostenibilità sociale. Segue il loro appello a "ricostruire meglio", un richiamo ripreso da molti in tutto il mondo.

Il WEF cerca di agire su sette temi chiave: sostenibilità ambientale; economie più eque; "Tecnologia per il bene"; il futuro del lavoro e la necessità di riqualificare; affari migliori; un futuro sano con un accesso equo per tutti; e "oltre la geopolitica": governi nazionali che collaborano a livello globale.

Il WEF afferma che la chiave è ristabilire la fiducia del pubblico, che "viene erosa, in parte a causa della percepita cattiva gestione della pandemia di coronavirus". Ma questo può rivelarsi difficile, dato che c'è poco cambiamento nella leadership aziendale o governativa. La grande speranza è il 78enne Joe Biden, che è stato vicepresidente degli Stati Uniti per otto anni durante i quali molti di questi problemi stavano aumentando, non essendo stati risolti.

Joe Biden outlines his COVID-19 response at the White House

Joe può salvarci? EPA

Purtroppo, la principale causa di ottimismo è il fatto che le crisi odierne sono così grandi da poter provocare un'azione. Future crisi finanziarie sembrano probabili. La crisi climatica è sempre più considerata una minaccia esistenziale. E ora la pandemia è un enorme disastro economico e umano, con ulteriori pandemie di questo tipo riconosciute come probabili a causa di tutto, dall'esplosione dei viaggi globali agli effetti del cambiamento climatico.

La deriva neoliberista

Una domanda chiave per la conferenza di quest'anno, cui seguirà una seconda fase a Singapore a maggio, è se verrà sviluppata una nuova forma di globalizzazione.

Ci fu una forma di globalizzazione del libero mercato che portò alla prima guerra mondiale, poi una ritirata durante il periodo tra le due guerre. Bretton Woods ha portato a un'era di globalizzazione regolamentata dal 1945 agli anni '80. Ma da allora, l '"élite globale" ha respinto le restrizioni normative su tutto, dai flussi finanziari speculativi attraverso i confini alle fusioni e acquisizioni.

È necessaria una nuova era, basandosi sull'accordo di Parigi per limitare il cambiamento climatico ora che gli americani si stanno unendo di nuovo - con un maggiore sostegno di un Green New Deal orientato al raggiungimento delle emissioni nette zero e al rendere l'economia globale veramente sostenibile.

Abbiamo bisogno di iniziative coraggiose per affrontare la minaccia di future pandemie; la speculazione finanziaria, evasione ed elusione fiscale e la minaccia di crisi finanziarie; e per ridurre le disuguaglianze insostenibili di ricchezza, reddito e potere in tutto il mondo.

I decisori politici e aziendali saranno all'altezza della sfida? È necessaria una pressione popolare sufficiente - da parte dei cittadini, degli elettori, dei consumatori, dei lavoratori, degli educatori e degli attivisti - per spingere i governi e le imprese a cambiare radicalmente rotta. Negli ultimi anni abbiamo assistito al movimento Occupy, al movimento Me Too, a Black Lives Matter e ad innumerevoli gruppi di crisi climatiche.

Inviti all'azione vengono da anni dai leader aziendali a Davos e altrove. La speranza è che questa volta l'entità dell'emergenza renda finalmente inevitabile un cambiamento radicale.

The Conversation

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

___

Learn more: 
Bitcoin Wheel Cannot Be Stopped
COVID-19 Further Exposes Inequalities in the Global Financial System
Governments Paralyzed by Pandemic and Politics Are Bullish for Crypto
How the Rich Get Richer
Undetected Inflation: Your Fiat Money Devalues Faster Than You Think
ECB Exec: Sovereign Money Needs To Be Reinvented
Capitalism and The Coronavirus Crisis: The Coming Transformation(s)
Governments Can't Cancel Pandemic Debt By Printing More Money
Why Do Bankers Behave So Badly? They Make Too Much Money To Ask Questions