01 ago 2021 · 7 min read

Commissione europea: i trasferimenti sospetti a un "wallet unhosted" richiedono la KYC

Gli exchange forse saranno obbligati a segnalare i trasferimenti sospetti a un "wallet unhosted (ovvero non gestito dagli exchange)". Un trasferimento dal tuo wallet a un exchange non sarebbe accettato senza KYC. Resta da vedere se la proposta riuscirà a superare l'iter legislativo.

exchange

Fonte: Adobe/kravik93

Sebbene la Commissione europea (CE) affermi di non prendere di mira i wallet non-custodial, la loro nuova serie di proposte legislative influenzerebbe comunque tali utenti e l'intero settore nascente.

Niklas Schmidt, avvocato e partner dello studio legale austriaco Wolf Theiss, ha dichiarato a Cryptonews.com che "nel contesto di una revisione delle norme antiriciclaggio dell'UE, la Commissione europea - in una disperata lotta di potere - vuole limitare gli asset cripto, come Bitcoin (BTC).”

"Non illuderti e non lasciarti cullare nel sonno", ha avvertito Simon Lelieveldt, Compliance Advisor presso l'exchange di bitcoin olandese Bitonic.

In base a queste regole proposte, qualsiasi entità che trasferisca asset cripto deve raccogliere e archiviare dettagli su mittenti e destinatari, in modo simile a quanto già si applica ai bonifici bancari - e questa cosiddetta "regola di viaggio" era stata introdotta nel giugno 2019 dalla Financial Action Task Force (GAFI).

Schmidt ha affermato che ora la Commissione europea vuole che gli Stati membri dell'UE lo implementino, per ottenere la piena tracciabilità dei trasferimenti di criptovalute.

Quello che descrive come "tipico dell'approccio burocratico dell'UE" è l'uso del termine CASP (fornitori di servizi di asset cripto), in contrasto con i VASP del GAFI (fornitori di servizi di asset virtuali).

Secondo Schmidt,

“A lungo termine, questa regola – se adottata – porterebbe probabilmente a una biforcazione tra attori cripto centralizzati pienamente conformi (e quindi molto costosi) come gli exchange centralizzati (CEX) e un universo parallelo di non conformità, costituito da alternative come exchange decentralizzati (DEX).”

L'avvocato ha sottolineato che resta da vedere se la proposta passerà attraverso il processo legislativo.

Un ambito limitato con un impatto di vasta portata

La proposta in sé non si applica ai trasferimenti peer-to-peer (P2P) di criptovalute, né alle transazioni che coinvolgono un fornitore di servizi di criptovalute (CASP) e un "wallet unhosted", ma solo a un  normale wallet di criptovalute in cui un utente ha il controllo delle chiavi private.

Il suo ambito è limitato ai trasferimenti di criptovalute che coinvolgono CASP e altre società, come vari fornitori di servizi di pagamento.

Tuttavia, se la proposta viene implementata, gli exchange di criptovalute sarebbero comunque obbligati a segnalare se un cliente invia criptovalute a un "wallet unhosted", se lo trovano sospetto. Allo stesso tempo, un trasferimento da questo tipo di wallet non può essere accettato senza la dovuta diligenza del cliente.

Poiché i CASP - che includono gli exchange cripto-fiat e cripto-cripto - sarebbero inclusi tra le entità coperte dal nuovo regolamento antiriciclaggio (AML), sarebbero sottoposti alla due diligence della clientela e dovrebbero dichiarare operazioni sospette, sia quando si instaura un rapporto d'affari, sia quando si effettua un'operazione occasionale. Ciò include la ricezione di criptovalute da un "wallet unhosted".

La stessa proposta parla di un "approccio preventivo" nel pieno rispetto della libera circolazione dei capitali. Ritiene "appropriato" creare un sistema che richieda ai fornitori di servizi di pagamento e ai CASP di includere informazioni sull'originatore e sul beneficiario di ciascun trasferimento cripto.

Dicono che questo sia per "assicurare la trasmissione di informazioni durante il pagamento o i trasferimenti della catena di asset cripto".

Gli Stati membri, tuttavia, dovrebbero avere la possibilità di esentare da questo regolamento alcuni trasferimenti nazionali di fondi di importo ridotto, come i trasferimenti di criptovaluta di basso valore, utilizzati per l'acquisto di beni o servizi, a condizione che sia sempre possibile risalire al trasferimento del pagatore e del beneficiario.

Qualora la verifica non sia stata ancora effettuata, l'obbligo di controllare l'esattezza delle informazioni sull'ordinante e sul beneficiario dovrebbe essere imposto solo ai singoli trasferimenti che superano i 1.000 EUR (1.188 USD), a meno che:

  • il trasferimento risulti essere collegato ad altri trasferimenti che insieme supererebbero i 1.000 euro;
  • gli asset cripto siano stati ricevuti o pagati in contanti o in "moneta elettronica anonima";
  • vi siano ragionevoli motivi per sospettare il riciclaggio di denaro o il finanziamento del terrorismo.

 

La proposta sostiene che ciò viene fatto in modo che l'efficienza dei sistemi di pagamento e dei servizi di trasferimento di asset cripto non venga compromessa e per "bilanciare" il rischio di condurre transazioni clandestine a causa di "requisiti di identificazione eccessivamente rigidi contro la potenziale minaccia terroristica, rappresentato da piccoli trasferimenti di asset cripto."

"Una grande intrusione sui diritti umani"

"L'UE sta prendendo pienamente in considerazione tutti i principi del GAFI. Sebbene tecnicamente non possano vietare i wallet self-hosted, il trucco sta nell'obbligo,ai sensi dell'articolo 58, di verificare il beneficiario dei wallet e seguire la procedura KYC [know-your-customer]", ha detto Simon Lelieveldt a Cryptonews.com.

Ha aggiunto che questo è lo stesso "trucco" che la Banca centrale olandese (DNB) ha utilizzato nei Paesi Bassi per raggiungere quasi lo stesso obiettivo.

Come riportato a maggio, un'ingiunzione del tribunale ottenuta da Bitonic è riuscita a costringere la DNB a eliminare il suo controverso requisito di verifica del wallet.

L'Autorità bancaria europea (EBA) ha chiesto a DNB di essere all'avanguardia delle regole GAFI, ha affermato Lelieveldt, sottolineando il paragrafo 54 della relazione intermedia 2020 del GAFI, che recita:

“Il lancio di nuovi asset virtuali, tuttavia, potrebbe cambiare materialmente i rischi ML/TF, in particolare se vi è un'adozione di massa di un asset virtuale che consente transazioni peer-to-peer anonime. Esiste una serie di strumenti disponibili a livello nazionale per mitigare, in una certa misura, i rischi posti da transazioni peer-to-peer anonime, se le autorità nazionali considerano il rischio di riciclaggio di denaro/TF inaccettabilmente elevato. Ciò include vietare o negare la licenza delle piattaforme se consentono trasferimenti di un wallet unhosted, introducendo limiti transazionali o di volume sulle transazioni peer-to-peer o imponendo che le transazioni avvengano con l'uso di un VASP o di istituzioni finanziarie. [Enfasi aggiunta.]

L'aggiornamento del rapporto rileva inoltre che "viene negata la licenza ai VASP, se consentono transazioni da/verso entità non obbligate (ad es. wallet privati/unhosted) (ad esempio, obbligare i VASP tramite la "regola di viaggio" ad accettare transazioni solo da/verso altri VASP ).”

Pertanto, secondo Lelieveldt, l'UE sta costringendo il beneficiario KYC per i wallet P2P, come per le cassette di sicurezza, "per le quali non ha senso".

Fornendo ulteriori approfondimenti nei suoi thread su Twitter, Lelieveldt ha sostenuto che il motivo per cui siamo finiti con la regola dei viaggi sui servizi bancari e ora anche sulle criptovalute è perché è "uno strumento per evitare e schivare la corretta applicabilità dei doveri legali da parte di enti governativi che volevano fare il giro dei grandi dati senza preoccuparsi della privacy", descrivendolo come il governo che impone il ransomware ai suoi cittadini e alle istituzioni finanziarie.

Ha anche definito il pacchetto UE "una grave intrusione nei diritti umani", sostenendo che questo è il motivo per cui il Comitato europeo per la protezione dei dati (EDPB) ha inviato lo scorso maggio alla CE una lettera sulla protezione dei dati personali nelle proposte legislative AML-CFT.

L'EDPB ha detto a Cryptonews.com che,

La CE "ha preso debitamente atto della nostra lettera e delle preoccupazioni in essa espresse e siamo fiduciosi che si adopereranno per affrontarle nelle prossime fasi del processo legislativo".

Il pacchetto legislativo sarà ora discusso dal Parlamento europeo e dal Consiglio. Inoltre, la CE auspica che la nuova Autorità antiriciclaggio a livello Ue (LRD) sia operativa nel 2024. Ma inizierà il suo lavoro di vigilanza diretta "poco più tardi, una volta recepita la direttiva e avviato il nuovo quadro normativo inizia ad essere applicato." L'AMLA sarebbe l'autorità centrale che coordina le autorità nazionali "per garantire che il settore privato applichi correttamente e coerentemente le norme dell'UE".
____

Guarda l'oratore, autore ed formatore di Bitcoin Andreas M. Antonopoulos, mentre sostiene che la privacy è un diritto umano.

____

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN   


Per saperne di più:
- European Commission Clarifies What It Means By 'Anonymous Crypto Wallets'
- EU-backed Fund Teases ‘Digital Asset’ Investment Drive in a Surprise Move

- Bitcoin Shows Resilience Amid Global Political Pushback
- EU Regulation May Harm Small Crypto Players, Stablecoin Users, And Elon Musk

- DeFi Sector May Face Threat from New EU Crypto Regulations – Survey
- Regulators Must Make Sea Change on Crypto, and IMF Is Ready To Engage

- US Digital Asset Bill 'Fairly Measured' But Raises Civil Rights Concerns - Attorney
- 'Big News In Global Crypto Policy' As FATF Kicks The Can Towards October