Home In EsclusivaSondaggio

Non bisogna confondere questi due tipi di risorse digitali

Di Martin D. WeissJuan M. Villaverde
Non bisogna confondere questi due tipi di risorse digitali 101
Fonte: iStock/Ekspansio

Martin D. Weiss, il fondatore di Weiss Ratings; Juan Villaverde guida il team di rating Weiss che ha creato il rating di criptovalute Weiss.
_____
Se visiti siti Web di criptovalute o chiedi a osservatori casuali, potresti finire per pensare che ci siano migliaia di "criptovalute" nel mondo.

Grosso errore!

Sì, sono tutte risorse digitali. E sì, sembrano tutte simili in apparenza.

Ma meno di un decimo sono vere criptovalute.

Quindi, prima di investire un altro centesimo, devi capire non solo le differenze, ma anche alcune delle sfumature.

Esistono due tipi di base:

Le risorse digitali del primo tipo sono ciò che consideriamo vere criptovalute. Le chiamiamo "monete."

Queste includono Bitcoin, Ethereum, Cardano, EOS e altre: denaro digitale, che un giorno potrebbe funzionare come dollari, euro o yen, ma con molta più trasparenza, efficienza e disciplina monetaria.

Fisicamente parlando, sono solo dati salvati sull' hard disk del computer che seguono le regole definite dal software specializzato. Ma questo, di per sé, non dovrebbe essere particolarmente sorprendente. Lo stesso vale per i soldi nel tuo conto bancario, del tuo conto di intermediazione finanziaria o della tua polizza di assicurazione sulla vita.

La particolarità è che i dati non sono archiviati in una posizione centrale o di proprietà di una singola organizzazione. Vengono automaticamente replicati e archiviati su innumerevoli computer su Internet in modo virtualmente a prova di hack, accessibile a tutti e, idealmente, controllato da nessuno.

Queste monete vivono in quelle che vengono chiamate "blockchain pubbliche" o, più in generale, "registri distribuiti pubblici". Ce ne sono centinaia. E molte sono supportate da team di sviluppatori molto seri.

Le risorse digitali del secondo tipo non sono vere criptovalute. Molte persone le chiamano "ICO". Si chiamiamo "token".

Hanno alcune delle stesse proprietà fisiche delle monete. Ma, con un paio di eccezioni che vedremo tra poco, sono poco più che ricevute per donazioni finanziarie.

Questi token sono propagandati come titoli azionari acquistati in un'azienda. Ma la maggior parte di essi sono davvero come i buoni che i bambini ricevono da Chuck E. Cheese Pizza.

Tuttavia, nel 2017 e nel 2018, gli emittenti hanno raccolto con i token più fondi di quanti ne siano stati raccolti da tutte le società di capitali di rischio a livello globale, ma questa tendenza è notevolmente rallentata nel 2019.

Ne esistono migliaia e la stragrande maggioranza sono o fallimenti o truffe.

Non ignorare le variazioni e le eccezioni!

Nessuna convenzione di denominazione nel mondo delle criptovalute potrà mai essere così semplice come gli analisti come noi vorrebbero farle sembrare. Ci sono sempre colpi di scena, svolte, variazioni ed eccezioni. Ecco le principali:

Monete gestite centralmente. Il miglior esempio è quello che sta succedendo nel settore bancario.

Le banche e altri istituti finanziari sono istituti di grandi dimensioni, controllati a livello centrale e altamente regolamentati. Sono naturalmente a disagio - e probabilmente incompatibili - con le risorse digitali completamente aperte a chiunque e controllate da nessuno.

"Come diamine possiamo stipulare un contratto con nessuno?" si chiedono. "E da chi andiamo quando c'è un problema tecnico?"

La società Ripple è leader nell'offrire una soluzione ibrida per queste istituzioni. La moneta di Ripple, chiamata XRP,è tecnologicamente simile ad altre monete. Ma è gestita e amministrata dalla società Ripple. Ciò non solo offre alle banche i vantaggi di una maggiore sicurezza, efficienza e velocità, ma offre loro anche un'organizzazione con cui possono interfacciarsi. Libra di Facebook è un altro ledger pubblico che intende lavorare su linee simili.

Da token a monete. Tra le migliaia di token al mondo oggi, la maggior parte saranno sempre token e niente di più. Ma ce ne sono di speciali che sono molto diversi: sono destinati ad essere scambiati con vere monete ad una prestabilita data nel prossimo futuro.

Ecco un esempio di come funziona: EOS è una moneta avanzata che vanta velocità più elevate e una migliore scalabilità rispetto a Ethereum. Nel giugno del 2017, i suoi sponsor hanno annunciato che avrebbero lanciato la moneta nel giugno del 2018. Ma avevano bisogno di raccogliere fondi per finanziare lo sviluppo.

Quindi, hanno tenuto un'offerta iniziale di monete (ICO) per il token EOS sulla rete Ethereum e hanno raccolto $ 4 miliardi. Quindi, quando hanno lanciato EOS sulla propria "Mainnet", hanno scambiato i token basati su Ethereum con monete EOS.

Ciò solleva la domanda: l'EOS basato su Ethereum era un token o una moneta? Nel nostro modello di rating di criptovaluta, lo trattiamo come una moneta.

I Security Token. Il problema più grande con i token ordinari è diventato palesemente ovvio: la maggior parte degli investitori pensava che avrebbero avuto la possibilità di partecipare al successo di un'azienda, come quando si posseggono azioni ordinarie.

Ma troppe sono finite nella spazzatura. Non avevano azioni di proprietà, né dividendi, né diritto di protestare contro la cattiva gestione. Nemmeno protezione contro il furto totale.

Ora, tuttavia, l'industria ha una soluzione molto praticabile: stanno codificando nel software nuove funzionalità, inclusi i diritti degli investitori e le protezioni. Stanno registrando i token come se fossero titoli. E stanno per creare quelli che un giorno potrebbero essere azioni ordinarie digitali.

Finora ce ne sono solo una manciata. Ma presto diventeranno la norma, sostituendo i token nella maggior parte dei casi.

Che gli emittenti di progetti scelgano di integrare protezioni per gli investitori e funzionalità reali nei loro token o che scelgano di registrare le proprie attività digitali come titoli non è rilevante.

La linea di fondo è che i token si stanno lentamente evolvendo per diventare più utili e alcuni stanno persino iniziando ad emergere come investimenti fattibili.

Più Articoli