Home In EsclusivaIn Primo Piano

Halving e oltre: cosa riserva il futuro per i minatori di Bitcoin

Di Simon Chandler
  • I minatori cercheranno di aumentare la loro attività di estrazione, in modo da ottenere una quota maggiore dell'hashrate.
  • È possibile che alcuni pool e società minerarie possano effettivamente accumulare valuta fiat piuttosto che bitcoin in vista di magg
Halving e oltre: cosa riserva il futuro per i minatori di Bitcoin 101
Source: iStock/da-kuk

Il premio di estrazione di Bitcoin (BTC) si prevede che si dimezzerà a maggio 2020, passando dalla compensazione odierna di 12,5 BTC a solo 6,25. La domanda è: come cambierà il comportamento delle società/pool di mining bitcoin e come si evolverà il settore del mining bitcoin più in generale nei mesi e negli anni a venire?

Da un lato, gli esperti del settore prevedono alcuni sviluppi con un certo grado di sicurezza: le macchine da estrazione diventeranno più avanzate e potenti, il consumo di energia si sposterà sempre più verso le energie rinnovabili e i costi di produzione verranno ridotti.

Dall'altra parte, la difficoltà di prevedere il prezzo del bitcoin rende altrettanto difficile prevedere quanto sarà redditizio il mining e se i minatori accumuleranno o venderanno BTC in previsione di maggio del prossimo anno.

Attrezzature per il mining, hashrate e difficoltà

Nonostante queste incertezze, è molto probabile che il potere computazionale delle ASIC e delle unità minerarie utilizzate da società e pool aumenteranno costantemente, indipendentemente dalle fluttuazioni dei prezzi, dagli hashrates e dalle difficoltà.

“Quando il prezzo sale e le entrate aumentano, i minatori - se stanno ottenendo un ritorno positivo sui loro investimenti - reinvestiranno eventuali profitti in eccesso in più attrezzature minerarie cercando di aumentare la loro percentuale di hashrate", spiega Christopher Bendiksen, responsabile della ricerca presso CoinShares.

Allo stesso tempo, quando il prezzo scende e le entrate minerarie diminuiscono, Bendiksen dice a Cryptonews.com che i minatori che lottano per fare profitti saranno costretti a chiudere le loro attrezzature meno redditizie.

Quindi, in entrambi i casi, il potere delle unità minerarie aumenterà, sebbene ciò non significhi necessariamente che l'hashrate del Bitcoin e la difficoltà aumenteranno in parallelo. Come dice il direttore della ricerca Smith + Crown Matt Chwierut a Cryptonews.com, i livelli di hashrate e di difficoltà dipendono dal prezzo del bitcoin, dal numero di minatori e dai costi operativi complessivi, tra le altre cose.

"L'hashate per BTC è aumentato notevolmente dopo il boom del 2017 e è continuato a salire nonostante l'inverno cripto, anche se alla fine ha subito un calo", afferma. "Questo calo potrebbe essere stato attribuibile al prezzo di BTC che è sceso al di sotto dei costi operativi del miner, con i minatori che hanno riacceso le apparecchiature in parallelo con l'aumento dei prezzi di metà 2019".

Difficoltà di mining di bitcoin (linea rossa) e grafico dei prezzi di bitcoin (media di 30 giorni):

Halving e oltre: cosa riserva il futuro per i minatori di Bitcoin 102
Source: Coin Metrics

Prima dell'halving

Cosa faranno i minatori in vista del dimezzamento delle ricompense minerarie del prossimo anno? Bene, la prima cosa che cercheranno di fare è aumentare la loro attività di mining, in modo da ottenere una quota maggiore dell'hashrate e quindi richiedere più premi per se stessi.

“Abbiamo già visto l'attività mineraria crescere, con un possibile picco di questo aumento esponenziale previsto tra [nove mesi] - [un anno] in prossimità dell'halving", afferma Lennard Neo, analista di ricerca presso Picolo Research. “Prevediamo che questa tendenza continuerà verso il dimezzamento.”

Quindi è probabile un aumento del mining, ma le aziende siederanno sulle loro scorte di bitcoin, in attesa che il prezzo aumenterà a seguito di una diminuzione dell'offerta di nuove monete?

"Per quanto riguarda i minatori più redditizi, potrei certamente vederli ottenere i loro profitti in eccesso e tenere bitcoin se si aspettano che il prezzo continui a salire", afferma Medio Demarco, il presidente di Delphi Digital, una società di ricerca in criptovalute. "I minatori meno redditizi saranno probabilmente costretti ad aggiornare le loro operazioni per essere più competitivi oppure allontanarsi (questo è sempre possibile)."

Detto questo, è possibile che alcuni pool e società minerarie possano effettivamente accumulare valuta fiat piuttosto che bitcoin da adesso fino a maggio 2020. "Non è improbabile che i minatori cercheranno di accumulare denaro prima del dimezzamento, ma sarà Bitcoin o la loro moneta locale?" dice Christopher Bendiksen.

La logica di Bendiksen per sospettare che i minatori possano accumulare valuta fiat è questa: supponendo che il prezzo di BTC rimanga statico attraverso il dimezzamento, sottolinea che "sarà equivalente a raddoppiarne la difficoltà, il che renderà in poco tempo molte attrezzature non più redditizie".

Non solo, ma questa non redditività spingerà al limite alcune delle compagnie minerarie più piccole e meno redditizie, con alcune o anche molte persone costrette a vendere i loro attrezzature meno efficienti al fine di mantenere i flussi di cassa. Questa attrezzatura in eccesso verrà acquistata dalle controparti di maggior successo, che avranno quindi bisogno un surplus di liquidità per finanziarne le acquisizioni.

Dopo l'halving

Per quanto riguarda il modo in cui probabilmente i minatori si comporteranno dopo il dimezzamento, questo dipende ancora una volta dal prezzo del bitcoin, con un calo che potrebbe portare alla situazione sopra descritta. Ma in un mercato competitivo come il mining di bitcoin, è probabile che vengano raggiunti nuovi equilibri con ogni movimento, anche se un calo dei prezzi provoca l'arresto di numerosi minatori e quindi la riduzione dell'hashate e della difficoltà.
"Poiché si tratta di una situazione di equilibrio dinamico e questo settore è altamente competitivo, non sarei sorpreso se dopo un periodo di riaggiustamento i margini saranno più o meno gli stessi di prima", afferma Bendiksen.

"Ciò significa che è probabile che i minatori vendano la stessa proporzione delle loro monete di adesso (cioè la stragrande maggioranza di esse). Ma per essere chiari, avranno solo la metà del numero di monete da vendere, quindi il numero di nuove monete che colpisce il mercato sarà sempre dimezzato."

In altre parole, è probabile che il settore minerario rimanga altrettanto redditizio, con eventuali fallimenti che rendono più facile l'ingresso nel settore dei nuovi entranti, il che rende le cose più difficili per tutti e così via. Basta non ci chiedate di prevedere quale sarà il prezzo del bitcoin.

Più Articoli