31 mar 2021 · 5 min read

Gli istituzionali ed il Retail competono per Bitcoin - Di chi sono le mani più forti?

Gli istituzionali stanno acquistando una quota maggiore della torta bitcoin. Gli istituzionali creano una tempistica di investimento che è all'orizzonte di anni, non settimane o mesi. Avere grandi entità che detengono troppi bitcoin aumenta il rischio di reipotecamento.

bitcoin istituzionali

Fonte: Adobe/sportpoint

Gli investitori istituzionali sono qui, portando con loro miliardi di dollari e prezzi di bitcoin (BTC) da record. Questo è qualcosa che il mercato stava aspettando da anni, ma ora che finalmente è arrivata, potenzialmente porta rischi nonchè benefici.

Le istituzioni potrebbero essere meno "fedeli" al bitcoin rispetto agli investitori retail che sono abbonati alla cultura e alla mentalità "HODL"? Il fatto che deterranno milioni o miliardi di bitcoin potrebbe mettere il mercato a rischio di un grande calo se uno o più di loro scaricano le loro partecipazioni?

Ebbene, gli analisti dicono che la risposta a queste due domande è: no, non proprio. In effetti, è probabile che le istituzioni siano più un'influenza stabilizzante sul mercato dei bitcoin rispetto ai retail traders, molti dei quali hanno utilizzato le attività con leva finanziaria e non sono in grado di assorbire le flessioni nella stessa misura dei grandi fondi e delle grandi aziende.

Gli istituzionali sono per Bitcoin a lungo termine

Recenti ricerche di JPMorgan hanno indicato che gli investitori retail hanno acquistato più bitcoin rispetto agli istituzionali nel primo trimestre 2021, con un rapporto tra 187.000 e 173.000. D'altra parte, il quarto trimestre 2020 ha visto gli istituzionali acquistare circa  307,000 BTC, mentre gli investitori retail hanno acquistato "solo" 205,000 BTC. 

Guardando al quadro generale, il deposito normativo di Coinbase presso la Commissione Securities and Exchange degli Stati Uniti ha rivelato che la quota di acquisti di bitcoin nel retail è diminuita costantemente nel tempo, dall'80% nel primo trimestre 2018 al 36% nel quarto trimestre 2020. Ciò indica che gli istituzionali stanno acquistando una quota maggiore della torta bitcoin, una tendenza che potrebbe continuare e forse anche accelerare in futuro.

Volume di trading e volatilità degli asset cripto

volatilità cripto

Fonte: Coinbase, sec.gov

È chiaro che gli istituzionali sono qui, ma ci sono dentro a lungo termine, o potrebbero uscire per massimizzare i guadagni a breve termine? La maggior parte dei commentatori sembra gravitare verso la prima opzione.

"La maggior parte degli istituzionali ci sarà per il lungo periodo o per HODLare in quanto non è un processo semplice per loro ottenere approvazioni per l'acquisto di Bitcoin", ha dichiarato Samson Mow, Chief Strategy Officer di Blockstream.

Come ha detto Ben Lilly, un economista cripto e partner di Jarvis Labs, il processo con cui un istituto decide formalmente di investire in bitcoin è piuttosto arduo. Così pochi saranno disposti o addirittura in grado di vendere bitcoin semplicemente per capriccio.

"Dopo che le parti interessate (investitori) sono state istruite e sono a bordo per essere coinvolte in bitcoin e/o cripto in una certa capacità, allora c'è il processo di implementazione. Ciò comporta consulenza legale, discussioni sul governo societario, preoccupazioni normative e considerazioni politiche", ha detto a Cryptonews.com.

Lilly ha aggiunto che un'istituzionale dovrà quindi affrontare le domande su come acquistare bitcoin, come archiviarli, quale allocazione dare e come riallocare le tue partecipazioni nel tempo.

"Non è così semplice come creare un login su Coinbase e premere il pulsante acquista con 100 milioni di dollari di dry powder. Richiede contratti, algoritmi esternalizzati e sportelli commerciali e persino custodi", ha detto.

Data la natura prolissa di questo processo, gli istituzionali finiscono per creare una tempistica di investimento che si staglia su un'orizzonte di anni, non settimane o mesi. Come tale, c'è poco a breve termine sui loro investimenti in bitcoin.

Questa valutazione è probabilmente sostenuta dall'attuale clima macroeconomico, che probabilmente durerà oltre il 2021.
 

“Quando i tassi di interesse sono estremamente bassi e l'inflazione dovrebbe aumentare, questi investitori istituzionali sono alla ricerca di una riserva di valore, e bitcoin sta crescendo in quel ruolo," ha detto Bendik Norheim Schei, il capo della ricerca di Arcane Crypto.

Volatilità e paura

Con gli istituzionali che aumentano il prezzo di bitcoin, il primo 2021 ha visto una nuova ondata di investimenti al dettaglio, e questo potrebbe continuare nei prossimi mesi.

Per alcuni analisti, una percentuale più elevata di investitori retail comporta maggiori rischi di volatilità.

"Gli investitori retail possono sfruttare una leva fino a 125 volte su alcuni exchange e abbiamo visto liquidazioni massicce durante questo mercato bull. Questi operatori iper-indebitati stanno senza dubbio contribuendo ad un mercato più volatile," ha detto Norheim Schei.

Detto questo, non è certo quale percentuale di investitori retail usino la leva finanziaria, con altri analisti che pensano che un equilibrio relativo tra retail e istituzionali sarebbe una buona cosa.

"È un bene che il retail e gli acquisti istituzionali siano bilanciati, o più sbilanciati verso il retail. Avere grandi entità che detengono troppi bitcoin aumenta il rischio di reipotecamento, che è un male per bitcoin e male per il nuovo sistema finanziario in fase di costruzione su Bitcoin," ha detto Samson Mow.

Il timore di una reipotecamento- in cui la garanzia su un debito viene riutilizzata come garanzia su un altro debito - è condiviso da Ben Lilly.

"Quello che mi preoccupa è il reipotecamento che inizia a verificarsi al di fuori della blockchain. Sono le entità non trasparenti che vendono o prestano due volte la stessa parte di garanzia. Questo tipo di comportamento è ciò che porta alle vulnerabilità", ha detto.

“Quello che mi preoccupa è il reipotecamento che inizia a verificarsi al di fuori della blockchain. Sono le entità non trasparenti che vendono o prestano due volte la stessa parte di garanzia. Questo tipo di comportamento è ciò che porta alle vulnerabilità", ha detto..

Stabilità crescente

La maggior parte degli analisti concorda sul fatto che il retail è solo all'inizio per entrare nel mercato attuale bull. Tuttavia, guardando al lungo termine, gli istituzionali  potrebbero essere la presenza dominante nel mercato bitcoin.

"Siamo ancora all'inizio dell'adozione istituzionale su larga scala di bitcoin, e gli istituzionali continueranno a prendere una quota maggiore del mercato totale bitcoin", ha detto Bendik Norheim Schei.

Mentre dice che le istituzioni stanno in gran parte guidando l'attuale ciclo di halving, Ben Lilly si aspetta anche che gli investitori retail si uniscano più tardi nel gioco.
 

“Una volta che queste istituzioni terminano la loro scorta mi aspetto che la spinta finale sia retail sotto forma di conti pensionistici, fondi pensione, e fondi comuni di investimento che assegnano una percentuale a bitcoin e cripto nel loro complesso," ha detto.

 

Ciò significa che, con gli istituzionali che occupano la maggior parte delle partecipazioni bitcoin, il mercato bitcoin rischia di diventare più stabile e meno volatile in futuro.
____

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT

 

Maggiori informazioni
- Bitcoin Snowball Is Expected To Hit More Institutions in 2021
- Crypto in 2021: Institutions Prefer Bitcoin, Retail Open to Altcoins
- 'Time To Get Educated': Morgan Stanley Brings BTC Funds To Rich Clients
- Next 2-3 Years 'Should Be a Turning Point for Bitcoin' - Deutsche Bank
- 1,400+ Firms Flock To Learn About Bitcoin, But 'There Is No Playbook'
- Inflation Is Here & Bitcoin Will Hit USD 115K ‘Ahead of Target’ – Pantera
- Ruffer Reveals Why They Poured GBP 550M in 'Non-Sensical' 'Beast' Bitcoin
- Norwegian Giant Aker Goes Bitcoin, Defends BTC Mining, Eyes Micropayments