24 aprile 2021 · 5 min read

Le banche UK stanno diventando rigide con Bitcoin, a causa dei loro problemi con le regole antiriciclaggio

Matthew Shillito, docente di diritto, Università di Liverpool.
_____

Fonte: Adobe / Martin Lee

NatWest, la retail bank del Regno Unito, ha annunciato che non vorrà clienti aziendali che accettano pagamenti in bitcoin o altre criptovalute. La notizia segue i recenti annunci di HSBC che non consentirà trasferimenti da portafogli digitali e non consentirà ai clienti di acquistare azioni in società associate a criptovalute, come Coinbase o MicroStrategy.

La sensazione di entrambe le banche è che le criptovalute siano ad alto rischio e quindi giustificano un approccio cauto, sebbene notino che la loro posizione potrebbe cambiare se e quando la regolamentazione si evolverà.

È interessante notare che questa non è una visione condivisa dalle istituzioni dall'altra parte dell' l'Atlantico. Sia Morgan Stanley che Goldman Sachs stanno ora offrendo ai loro clienti di gestione patrimoniale l'opportunità di investire in bitcoin. In effetti, l'adozione iniziale è stata forte, con Morgan Stanley che da sola ha assorbito quasi 30 milioni di dollari di investimenti in due settimane.

Perché la cautela?

L'approccio cauto di NatWest e HSBC deriva dalle raccomandazioni del 2012 della Financial Action Task Force, un'iniziativa del G7 volta a sconfiggere il riciclaggio di denaro. Queste raccomandazioni impongono a ogni stato membro di attuare misure che richiedono alle proprie banche di controllare le transazioni dei clienti ai fini del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo.

Secondo la raccomandazione uno, il quadro antiriciclaggio (AML) deve essere applicato sulla base del rischio percepito. In altre parole, se un'operazione o un'attività aziendale è percepita come più rischiosa del solito, è necessario un esame più attento da parte della banca per garantire la conformità al quadro normativo.

Ciò aumenta la pressione sulle risorse bancarie per verificare che una transazione o un'attività commerciale possa continuare in sicurezza, ma devono anche affrontare multe elevate per non conformità laddove vi siano carenze nella loro implementazione del framework o se le cose vanno male.

NatWest e HSBC non sono estranei a essere sotto i riflettori per problemi di conformità. HSBC è stata multata di 1,9 miliardi di dollari dalle autorità statunitensi nel 2012, mentre NatWest è accusata di gravi violazioni della conformità nel Regno Unito. Sebbene queste accuse si riferiscano alle tradizionali violazioni della conformità in materia di riciclaggio di denaro, forse in qualche modo spiegano la cautela delle due banche.

Le banche considerano le valute digitali rischiose perché hanno il potenziale per essere utilizzate per il riciclaggio di denaro, sono bersagli di frodi e truffe e il loro valore può essere estremamente instabile a breve termine. In effetti, la Financial Conduct Authority del Regno Unito ha avvertito che coloro che investono e si occupano di criptovaluta rischiano di perdere tutti i loro fondi. Piuttosto che affrontare l'onere maggiore di indagare su imprese e individui che trattano queste attività, è più facile per le banche evitare il rischio e non impegnarsi con loro.

Questa situazione non è unica per le criptovalute. Ad esempio, è stato a lungo un sottoprodotto dei requisiti antiriciclaggio il fatto che le banche si siano rifiutate di offrire servizi finanziari ad enti di beneficenza operanti in giurisdizioni ad alto rischio. Il settore bancario accetta questa realtà, soprattutto considerando che gli enti di beneficenza tendono ad essere clienti di valore relativamente basso.

L'approccio sbagliato?

A prima vista, le banche hanno perfettamente il diritto di non offrire servizi finanziari alle imprese che effettuano transazioni in valute digitali. Oltre all'antiriciclaggio, le banche sono vincolate da misure antifrode e dalla tutela dei consumatori. Le transazioni di criptovaluta fradulente sono sia difficili da individuare che impossibili da invertire, quindi i rischi di coinvolgimento sono alti, almeno fino a quando il mercato non si affermerà e il business con cui impegnarsi sarà più forte.

Naturalmente, questo non vuol dire che abbiano necessariamente fatto la scelta giusta. Il fatto che le principali banche statunitensi abbiano adottato un approccio diverso suggerisce che ritengono che i potenziali benefici siano degni dell'onere di conformità. In difesa delle criptovalute, sono entrambe più tracciabili del contante e utilizzate meno per il riciclaggio di denaro.

E mentre è vero che c'è il rischio di perdite significative con investimenti in criptovaluta, c'è anche un chiaro potenziale per grandi guadagni. Le banche sono attività a scopo di lucro: i rendimenti degli investimenti in criptovaluta negli ultimi mesi - nonostante le grandi vendite negli ultimi due giorni - più le previsioni molto rialziste, dovrebbero spingerle almeno a speculare nell'area, oneri normativi a parte .

Bitcoin locked up in jail

De-rischiato. Phanurak Rubpol

Potremmo semplicisticamente incolpare le banche del Regno Unito per essere troppo caute o per non aver fatto abbastanza per aiutare queste imprese, ma trascureremmo il più grande difetto di progettazione nel quadro antiriciclaggio. Le misure di conformità sono un drenaggio significativo delle risorse di una banca quando una transazione o un'attività è considerata ad alto rischio. Le banche ed i loro lavoratori devono anche affrontare sanzioni penali, comprese multe elevate, in cui non riescono a implementare correttamente le regole, il che è particolarmente problematico quando è quasi impossibile per una banca identificare l'aspetto di una transazione cripto sospetta.

Senza un rendimento elevato garantito per la banca, è più facile ridurre il rischio e non impegnarsi con queste attività. Ciò rappresenta un'opportunità persa per le banche e un soffocamento potenzialmente inutile della crescita aziendale legittima per le aziende che desiderano trattare con le criptovalute.

Le banche sono ritratte come il cattivo pubblico, ma il problema più grande è a un livello molto più alto. È una questione politica e legale che richiede l'attenzione e l'intervento dei legislatori per affrontare il fatto che è molto più facile per le banche ridurre il rischio che rispettare le regole e aiutare queste imprese a crescere.

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

____

Per saperne di più:
- Banks Should ‘Say Thank You, Crypto’ after Bumper Boost in Customers
- With Banks Turning to Bitcoin, Is It Finally Time to Long the Bankers?
- First Bank Caps Remittances in Bid to Block Kimchi Premium Opportunists
- US Banks Offering Crypto Custody is 'Insanely' Bullish and Risky
- Bitcoin, Ethereum & Stablecoin Tribes Fight Over Benefits Of OCC News
- Colombia’s Banco de Bogotá Begins Crypto Pilot
- BIS and SWIFT Intensify Race With Crypto For Cross-Border Payments
- Davos Watch: ‘Underestimated’ Digital Revolution & Unsafe 'Magic Money Tree'
- Russian Banks Given Power to Freeze or Block Crypto-linked Accounts
- Spanish Banking Giant Prepared For Bitcoin
- Several Swiss Banks Are 'Ready to Go' Upon Crypto Gateway Launch - SDX
- Crypto Can Disrupt Legacy Finance And Add Another Layer On It - Panel