Home NewsBitcoin News

La difficoltà di estrazione di Bitcoin aumenta di nuovo, i minatori vendono più BTC

Di Sead Fadilpašić
La difficoltà di estrazione di Bitcoin aumenta di nuovo, i minatori vendono più BTC 101
Fonte: Adobe/agnormark

La difficoltà di mining di Bitcoin (BTC) si sta avvicinando in zona 17 T, dopo che è risalita - il che significa che il lavoro dei minatori di Bitcoin è diventato leggermente più difficile, mentre stanno spendendo più monete.

La difficoltà di mining di Bitcoin, o la misura di quanto sia difficile competere per i premi minerari, è aumentata dello 0,59%, ma ciò non è stato sufficiente per spingerlo oltre il livello di 17 T, portando la difficoltà a 16,95 T.

Sebbene sia un risultato importante, questo non è un altro massimo storico, che appartiene ai 17.35 T che il criptoverso ha visto due aggiustamenti fa, o quasi un mese fa. Significa che quella di oggi è la seconda più grande difficoltà di mining di BTC nella sua storia.

Arriva dopo un piccolo calo osservata durante il precedente aggiustamento, alla fine di luglio, che ha abbassato un pò la difficoltà, al livello di 16 T.

Allo stesso tempo, anche l'hashrate (la potenza di calcolo della rete) è aumentato. Guardando la media mobile a 7 giorni, notiamo un leggero calo rispetto alla regolazione precedente, dello 0,43%, il che significa che l'hashrate è pressoché invariato nelle ultime due settimane.

La difficoltà di estrazione di Bitcoin aumenta di nuovo, i minatori vendono più BTC 102
Bitcoin hashrate, media mobile di 7 giorni. Fonte: BitInfoCharts.com

La difficoltà di mining di Bitcoin viene regolata ogni due settimane (o più precisamente, ogni 2016 blocchi) per mantenere il normale tempo di blocco di 10 minuti. Secondo BitInfoCharts.com, si è spostato tra i 9 e gli 11 minuti dalla regolazione precedente, superando ieri i 10 minuti.

Nel frattempo, i minatori hanno speso più BTC di quanti ne siano stati generati, in particolare una settimana fa, quando sono state spese 755 monete in più rispetto a quelle generate, mentre il prezzo di bitcoin è aumentato del 4% nell'ultima settimana toccando i 12,000 dollari lunedì prima di correggere nuovamente ad un valore inferiore.

La difficoltà di estrazione di Bitcoin aumenta di nuovo, i minatori vendono più BTC 103
Fonte: ByteTree, 18:42 UTC

Inoltre, come riportato, in mezzo al tumulto interiore e ad una lotta di lunga data tra i suoi co-fondatori, il principale produttore di hardware Bitmain ha recentemente ritardato la spedizione delle sue popolari macchine minerarie AntMiner, citando "interferenze esterne sulla gestione dell'azienda". I clienti (che dovevano preordinare le loro macchine) inizialmente avrebbero dovuto ricevere le loro attrezzature a giugno e luglio, ma devono ora aspettare fino a settembre e ottobre.

Nelle notizie correlate, Jameson Lopp, Chief Technology Officer dello specialista della sicurezza crittografica con sede negli Stati Uniti Casa, ha teorizzato che se Pechino decidesse di attaccare la rete Bitcoin, sarebbe "quasi impossibile" per il governo iniziare a prendere il controllo di numerose miniere sparse, senza che il resto del mondo ne sappia nulla. Sarebbe più facile attaccare i pochi pool minerari all'interno dei loro confini aggiungendo che "al momento in cui scrivo sembra che oltre il 70% dell'hashpower sia coordinato attraverso meno di 10 mining pool che si trovano in Cina". Tuttavia, i minatori possono semplicemente disattivare i pool di mining, quindi "ancora una volta diventa una questione di essere in grado di eseguire un attacco di nascosto" e questo è, come detto, praticamente impossibile.

____

Lggi di più:
Bitcoin Hashrate Might Double In a Year, Pressing Miners' Margins
Are Chinese Bitcoin Mining Farms Moving to North America and Why?

Più Articoli